Audiolibri

E' possibile raffinare la ricerca cliccando sui filtri proposti (nella colonna a sinistra), oppure utilizzando il box di ricerca veloce o la relativa ricerca avanzata.

Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Lingue Latino
× Paese Danimarca

Trovati 3380 documenti.

Mostra parametri
Guerra e Pace - Libro II - Parte III - Episodio 5
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

Lev Tolstoj - Moro Silo

Guerra e Pace - Libro II - Parte III - Episodio 5

il Narratore audiolibri

Abstract:  Nel 1809 mentre la Russia si allea con la Francia contro l'Austria, il principe Andrej visita il conte Rostov e nota Natasha e Sonja. Scatta qualcosa nell'animo del principe, sia per Natasha che per i suoi progetti di tornare alla vita civile e politica. Il principe torna a Pietroburgo e si occupa con grande zelo delle riforme necessarie e volute dall'imperatore, soprattutto di quelle dei codici di diritto civile, amministrativo e militare. Qui Andrej acquista una reputazione politica e morale che tutti gli riconoscono. La narrazione ritorna indietro ai primi del 1808 quando Pierre, ormai capo della loggia massonica di Pietroburgo, nonostante il tempo e il denaro che impiega per l'associazione, in realtà non riesce a staccarsi dalla vita licenziosa che continua a condurre; è pieno di dubbi e incertezze che tenta di comunicare agli altri adepti, ma è male accolto. Helène chiede a Pierre di ritornare a vivere insieme e lui, su pressione di altri, accetta. Helène diventa un'attrazione nell'ambiente della intellighenzia pietroburghese e ospita in casa ricevimenti e cene, ma anche il giovane Boris che le fa spesso visita. Sempre in questa città Berg si propone come marito di Viera, la figlia più grande dei Rostov. Boris visita anche i Rostov e chiede di fidanzarsi con Natasha, ma viene rifiutato. A capodanno i Rostov si recano al gran ballo dove è presente anche l'imperatore Alessandro. Qui Natasha incontra Andrej e fra i due si compie l'incanto dell'innamoramento. Andrej e Natasha si accordano per sposarsi ma il principe deve prima chiedere il consenso del padre principe Nicolaj, il quale non è d'accordo, tuttavia propone al figlio di attendere un anno prima di sposare Natasha, e lo manda in Europa a curarsi e a riflettere bene su questa decisione. Anche la principessina Marja è particolarmente ostile al matrimonio del fratello.  Illustrazione di copertina di Cosimo MiorelliIndice:Libro II - Parte III - da Cap. I a Cap. XXVIContenuto: Lev Tolstoj - Guerra e Pace - Libro II, Parte III - Episodio 5  (Traduzione di Enrichetta Carafa D'Andria)Download (size):  1 file zip (mp3)128 Kbps - 241 Mb

La Memoria di Odino
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

Jason R. Forbus - Gabriele Sorrentino

La Memoria di Odino

Ali Ribelli Edizioni

Abstract: È il terzo anno del Fimbulwinter, il lungo e gelido inverno che precede la fine dei Nove Mondi. Midgard giace addormentata sotto una spessa coltre di ghiaccio e neve. Le città degli uomini sono cadute o allo sbando, assalite da branchi di lupi famelici e predoni assetati di sangue. Dèi, troll e giganti affilano le armi e preparano gli incantesimi per l’ultima battaglia tra Ordine e Caos. Ovunque fremono gli ultimi preparativi per il Ragnarök, soltanto nel Valhalla aleggia uno strano silenzio... Non si odono canti, o cozzare di spade. Seduto sul suo antico trono, Odino dorme un lungo sonno senza risveglio, in attesa che dall’imperscrutabile oceano dei mondi faccia ritorno la sua Memoria e, con essa, la volontà di battersi affinché sui Nove Mondi torni a fiorire la vita.Contenuto: Jason R. Forbus - La Memoria di Odino (2^ edizione rivista e corretta)Download (size): 1 file zip (mp3)128 Kbps – 74,2 Mb

Il giardino segreto
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

Frances Hodgson Burnett - Laura Pierantoni

Il giardino segreto

Recitar Leggendo

Abstract: Il giardino segreto di Frances Hodgson Burnett,  pubblicato nel 1911,  è un piccolo capolavoro della letteratura giovanile ma non solo, un racconto pervaso di magia, di mistero e di natura, dove i giovani personaggi compiono un percorso di trasformazione e di crescita che li porterà ad apprezzare la Vita e le sue meraviglie. Fulcro del romanzo è la ricerca di un Giardino Segreto che la piccola protagonista Mary vuole mantenere nascosto e inviolato, un giardino che non deve essere profanato dagli adulti, metafora del nostro luogo più intimo e segreto: la nostra Anima. Protetti dalle alte mura che circondano il giardino, i personaggi prenderanno finalmente coscienza di sé, della forza vitale che permea il Tutto e delle meraviglie della Natura: la sua sacralità e il suo potere di guarigione. Traduzione e lettura ad alta voce di Laura Pierantoni.Contenuto: Frances Hodgson Burnett - Il giardino segretoDownload (size):  1 file zip (mp3) ( testo in PDF)128 Kbps - 416  Mb

Guerra e Pace - Libro II, Parti IV e V - Episodio 6
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

Lev Tolstoj - Moro Silo

Guerra e Pace - Libro II, Parti IV e V - Episodio 6

il Narratore audiolibri

Abstract:  Nel 1810 Nicolaj Rostov torna a casa dal reggimento e viene informato del fidanzamento della sorella Natasha con il principe Andrej Bolkonskij. Nicolaj partecipa ad una battuta di caccia al lupo (qui Tolstoj descrive nei minuti dettagli e in modo mirabile questa caccia con i cani). Uno zio dei Rostov, anch'egli fra i cacciatori, alla sera invita Nicolaj, Natasha e gli altri a cena nella sua spartana casa in mezzo ai boschi. Qui Natasha si esibisce in una danza popolare frenetica al suono della balalaika. Tutti sono contenti e felici, specialmente Natasha e Nicolaj. Natasha viene a conoscenza che il suo fidanzato, il principe Andrej, ritornerà più tardi del previsto, ed ella comincia a deprimersi e ad annoiarsi nell'attesa. Nicolaj e Sonja intanto, in una gelida e chiara serata natalizia, approfondiscono il loro reciproco amore, ma la famiglia è in disaccordo sulla possibilità di un loro matrimonio. Deluso e arrabbiato, Nicolaj ritorna al reggimento. Intanto la famiglia Rostov si trasferisce a Mosca per mettere in ordine i dissestati patrimoni e per preparare il matrimonio di Natasha con il principe Andrej. Anche Pierre va a Mosca, sempre più tormentato e depresso perchè non riesce a trovare un equilibrio fra la sua vita licenziosa e dedita all'alcool e le sue aspirazioni spirituali. Ugualmente a Mosca si recano i Bolkonskij (il vecchio principe Nicolaj, la principessina Marja e mademoiselle Bourienne). Boris Drubetskoj fa la corte sia a Marja che a Julie Karaghina, ma alla fine deciderà di sposare quest'ultima. I Rostov risiedono da Marja Dmitrievna, una donna energica e piena di buon senso che li accoglie come figli. Natasha e il padre s'incontrano coi Bolkonskij per presentarsi e decidere sul matrimonio, ma ricevono un'accoglienza decisamente fredda e ostile. I Rostov si recano all'Opera e qui Natasha incontra Anatole Kuraghin che le fa una corte spudorata a cui Natasha non sa resistere. Anatole, insieme con l'amico Dolochov progettano il rapimento di Natasha che però, per intervento di Marja Dmitrievna, fallisce. Natasha è disperata, arrabbiata, addirittura furiosa contro la famiglia, e combattuta fra l'infatuazione per Anatole e la promessa che ha fatto al principe Andrej. La zia decide di chiamare Pierre per avere un aiuto: Anatole deve essere allontanato da Mosca e Natasha deve conoscere la verità sul fatto che Anatole è già sposato. Pierre conferma questo fatto e Natasha scrive una lettera di rinuncia al matrimonio e poi tenta di avvelenarsi per la disperazione. Quando il principe Andrej finalmente ritorna, le notizie sulla drammatica decisione di Natasha e sull'inganno di Anatole sono già conosciute dalla famiglia Bolkonskj. Pierre si reca dall'amico e questi, con risolutezza, gli consegna tutte le lettere di Natasha e prende atto con disprezzo delle azioni della giovane, e non può perdonarla. Pierre torna da Natasha e teneramente la conforta, in qualche modo le dichiara il proprio amore e sulla via del ritorno, ombroso e pur felice, vede in cielo la stella cometa del 1811. Illustrazione di copertina di Cosimo MiorelliIndice:Libro II - Parte IV - da Cap. I a Cap. XIIILibro II - Parte V - da Cap. I a Cap. XXIIContenuto: Lev Tolstoj - Guerra e Pace - Libro II, Parti IV e V - Episodio 6  (Traduzione di Enrichetta Carafa D'Andria)Download (size):  1 file zip (mp3)128 Kbps - 383 Mb

Bel-Ami
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

Guy de Maupassant - Claudio Carini

Bel-Ami

Recitar Leggendo

Abstract:  "Gli sembrò di essere davvero distinto, camminava in modo elegante. E il suo animo si riempì di una grande fiducia in sé stesso. Certo, tutte le porte gli sarebbero state spalancate, grazie a quella sua presenza, alla smania di avere successo, alla fermezza dei suoi propositi e al suo spirito d'indipendenza." "Bel-ami", forse il romanzo più famoso di Maupassant, racconta l'ascesa sociale di Georges Duroy, un ambizioso seduttore, che da povero militare in congedo e modesto impiegato, diventato giornalista quasi per caso, riesce a conquistare l'alta società parigina grazie al suo cinismo e alla sua spregiudicatezza, oltre alla capacità di approfittare di donne molto potenti e sensibili al suo fascino. La spietata penna di Maupassant ci racconta i loschi rapporti tra stampa, politica e finanza, sullo sfondo della società francese della fine del XIX secolo, con i suoi splendori e le sue miserie. (Traduzione e lettura ad alta voce di Claudio Carini).Contenuto: Guy de Maupassant - Bel-AmiDownload (size):  1 file zip (mp3)128 Kbps - 628 Mb

Autobiografia
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

Carmine Crocco - Andrea Rega

Autobiografia

Ali Ribelli Edizioni

Abstract: Il brigante Carmine Crocco, flagello della monarchia sabauda, durante la sua condanna all'ergastolo presso il carcere di Portoferraio si dedicò alla stesura delle sue memorie. Avrebbe potuto essere un onesto contadino timorato di Dio, con una moglie devota e figli affezionati, ma l'invasione piemontese e la caduta del Regno delle Due Sicilie serbavano per lui un destino diverso, un destino che rivive nelle pagine di questa straordinaria testimonianza.Contenuto:  Carmine Crocco, autobiografiaDownload (size): 1 file zip (mp3)128 Kbps - 193 Mb

I tagli nel cuore
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

Leonardo Maria Brugiotti - Claudio Carini

I tagli nel cuore

Recitar Leggendo

Abstract: Indefinibile trovarsi all’interno di una Cattedrale, sapendo che fuori nulla è più come prima, sapendo che il mondo non è solamente cambiato… non esiste semplicemente più. Il progresso, che non fu quasi mai sinonimo di civiltà ha cancellato i secoli. Fuori da quell’edificio che aveva caparbiamente resistito, l’umanità è regredita in maniera irreversibile, ma… due sconosciuti si incontrano, un uomo e una donna… tutti e due figli dello stesso silenzio… C’erano state tante persone nelle loro vite… ma avevano attraversato altri ponti… perché il caso e il destino scelgono chi si salva e chi no…Contenuto: Leonardo Maria Brugiotti - I tagli nel cuoreDownload (size): 1 file mp3128 Kbps – 26,6 Mb

Guerra e Pace - Libro III - Parte I - Episodio 7
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

Lev Tolstoj - Moro Silo

Guerra e Pace - Libro III - Parte I - Episodio 7

il Narratore audiolibri

Abstract:  Nel giugno del 1812 Napoleone passa il confine della Russia con le sue truppe. E' l'inizio della guerra. Tolstoj argomenta che il tipico modo di spiegare la storia attribuendo i grandi eventi alla politica e alle decisioni di alcuni uomini è insufficiente. Per lui la storia è il prodotto di infinite cause, spesso insignificanti: è il destino che ne dirige il corso. L'imperatore Alessandro invia il generale Balashov da Napoleone per trattare la pace e far in modo che le truppe francesi abbandonino il suolo russo, ma Napoleone rigetta l'accordo insistendo che la guerra l'ha provocata Alessandro. Il principe Andrej ritorna a casa per pochi giorni e qui si confronta amaramente con le divisioni nella sua famiglia e si scontra con il vecchio padre, quindi ritorna al quartier generale dell'imperatore. Andrej partecipa alle discussioni fra i vari generali e i ministri sulle più disparate e confuse strategie militari necessarie per fermare Napoleone. Nicolaj, intanto, partecipa alla prima battaglia dove ferisce e cattura un ufficiale francese, ma vive un inesplicabile senso di angoscia e di colpa nonostante sia insignito della croce di S. Giorgio per il suo coraggio. Natasha lentamente si ristabilisce fisicamente e spiritualmente dopo il tentativo di suicidio, frequenta la chiesa e le uniche persone con cui riesce a stare sono il più giovane fratello Petja e Pierre, il quale si rende sempre più conto di quanto la ama e tuttavia reprime il suo sentimento decidendo di non visitare più la famiglia Rostov. Lo zar arriva a Mosca per smuovere la popolazione contro la guerra e approntare le milizie volontarie (in realtà servi della gleba e contadini costretti dalla nobiltà ad arruolarsi). Petja, che brama di arruolarsi negli usseri, come il fratello, si reca al Cremlino per vedere l'imperatore e viene quasi schiacciato dalla folla entusiasta e patriottica. Pierre e il vecchio conte Rostov partecipano ad un dibattito al Cremlino ed entrambi decidono di arruolare i loro contadini nelle milizie e di contribuire allo sforzo militare con ogni mezzo, anche economico. Il conte Rostov alla fine decide di venir incontro al desiderio di Petja di entrare nel corpo degli usseri, ma a condizione che stia lontano dal fronte.  Illustrazione di copertina di Cosimo MiorelliIndice:Libro III - Parte I - da Cap. I a Cap. XXIIIContenuto: Lev Tolstoj - Guerra e Pace - Libro III, Parte I - Episodio 7  (Traduzione di Enrichetta Carafa D'Andria)Download (size):  1 file zip (mp3)128 Kbps - 276 Mb

Come educarsi alla salute
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

Marco Ferrini - Marco Ferrini

Come educarsi alla salute

Centro Studi Bhaktivedanta

Abstract: Le emozioni ammalano o guariscono, costituiscono la linea di demarcazione tra vivere bene e vivere male. Dunque, come colorare la nostra vita di emozioni che producono felicità? Qual è la relazione tra emozioni e umore e come influenzano il nostro temperamento? Cosa fare per trovare una stabilità emotiva a prescindere da ciò che ci accade? In questo audio Marco Ferrini ci guida ad una comprensione più vasta dell’universo emozioni; ci spiega che esse dipendono dalla nostra visione del mondo  e come possano cambiare radicalmente se pensiamo di essere mortali oppure immortali. Grazie ad esse possiamo capire dove ci troviamo, se stiamo andando nella direzione giusta oppure fuori strada, e come ri-orientarci. Attraverso gli insegnamenti e pratiche dello Yoga dell'Amore possiamo infine scoprire cos’è che ci rende liberi da emozioni tossiche, per far stare bene noi e gli altri, fino a sperimentare stabilmente la regina tra tutte le emozioni e sentimenti: l’Amore. L’audiolibro contiene anche una sessione di domande e risposte intensa e toccante, in cui si è affrontato anche un caso di suicidio e come  imparare ad elaborare le emozioni di fronte agli eventi più dolorosi e traumatici della vita.Contenuto: Come educarsi alla salute. Imparare a vivere buone relazioni (Conferenza 19 febbraio 2017 - Sementina)Download (size):  1 file zip (mp3)128 Kbps - 113 Mb

Guida pratica alla risoluzione dei conflitti
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

Marco Ferrini - Marco Ferrini

Guida pratica alla risoluzione dei conflitti

Centro Studi Bhaktivedanta

Abstract: I conflitti non risolti rovinano le relazioni. Per poterli superare occorre innanzitutto: - prenderne consapevolezza (non rimuoverli);- osservare e analizzare attentamente le dinamiche in atto, separando i fatti dalle opinioni;- assumerci le responsabilità che ci competono per gli errori commessi;- intraprendere con umiltà, fiducia e pazienza un processo di ricostruzione. Ma i conflitti che ci vedono contrapposti agli altri non si risolvono se prima non abbiamo superato le nostre conflittualità interiori. Eraclito affermava: non ci sono demoni che opprimono gli uomini. Quel “daimon” è in realtà il carattere delle persone. Il temperamento non è dato da un Dio nevrotico. Ognuno sceglie il proprio carattere, e così il proprio destino, in base a come agisce, spiega Platone con il mito di Er. Siamo gli attori ed anche i registi della nostra vita. Consideriamo tuttavia che nessun errore è irreparabile. Ogni uomo è un mondo a sé, un territorio inesteso fatto di vette e precipizi. Anche quando osserviamo i suoi precipizi, mai dimentichiamoci delle sue vette. Per i limiti intrinseci all’umanità, occorre fare esercizio continuo per calare i valori dell’Assoluto nel relativo, e questa è la via che conduce all’armonia con noi stessi, con gli altri, con ogni forza universale. Come riuscire a raggiungere questo obiettivo? Cosa demolisce in nuce la tendenza a confliggere? Quale tipologia di comunicazione genera armonia e quale invece crea muri e barriere? Qual è il confine tra la nostra assunzione di responsabilità e quella altrui? Questo ascolto rappresenta una efficace guida pratica alla risoluzione dei conflitti.Contenuto: Guida pratica alla risoluzione dei conflitti. I conflitti non risolti rovinano le relazioni  (Seminario di Counseling 25 e 26 marzo 2017 - Cambiago, Milano)Download (size):  1 file zip (mp3)64 Kbps - 189 Mb

I Principi della Libertà
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

Marco Ferrini - Marco Ferrini

I Principi della Libertà

Centro Studi Bhaktivedanta

Abstract: “L'Uomo è un animale sociale”, afferma Aristotele. Eppure la libertà individuale sembra cozzare con le esigenze della convivenza. Solitudine e libertà: è possibile che questi due termini costituiscano un sodalizio? Vediamo che lo stato, espressione emblematica della comunità, tradisce la propria essenza quando decide di imporre se stesso ai membri che lo costituiscono (lo stato totalitario). Il totalitarismo propaganda una socialità tutta di parata, che in realtà cela l’imposizione di una solitudine coatta, imposta ai cittadini attraverso un’ideologia perversa e la minaccia costante, logorando così le basi di un sano relazionare. Ma può anche essere il totalitarismo del consumismo, l’ideologia del benessere mondano e la minaccia della povertà. Dove c’è Dio, che è la sorgente di tutti i valori universali, non può esserci né schiavitù né solitudine. È nei principi dell’etica, dunque, che si fonda la libertà. Rispetto, lealtà, amicizia, empatia, amore: l’universo premia chi modella il proprio comportamento su questi valori, perché restituisce alla persona ciò che ella ha donato. Chi agisce costruttivamente, costruisce se stesso. Una lezione magistrale di Marco Ferrini che, a volo di uccello, ci disvela le mille pieghe di un concetto abusato e tradito, distorto e dimenticato, e ce ne restituisce il senso.Contenuto: I Principi della Libertà  (Seminario 20 ottobre 2017 - Lugano, CH)Download (size) = 1 file zip (mp3) 64 Kbps – 61,5 Mb

Le Forme dell'Amore
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

Marco Ferrini - Marco Ferrini

Le Forme dell'Amore

Centro Studi Bhaktivedanta

Abstract: Ogni persona è naturalmente predisposta ad amare ed essere amata, ma la maturità nel sentimento dell’amore è un conseguimento grande e, come tale, richiede impegno, coerenza, lealtà. L’amore è paragonabile ad un diamante, mentre l’eros a un coccio di vetro; il primo fonte di profonda e intima felicità, il secondo esito di temporanea eccitazione sensoriale. L’Amore è un bene universale, cui ognuno ha facoltà di accedere per conseguire l’agognata felicità. Infatti, ogni autentica tradizione spirituale e filosofica asserisce che siamo intimamente costituiti di felicità e che l’amore è il bene più ricercato. Per vivere il sentimento dell’amore nella sua forma più nobile e pura, è importante prima conoscerlo e soprattutto avere la capacità di separarlo dalle sue contraffazioni. Tutte le volte che inquiniamo questo sentimento imbrogliamo gli altri e noi stessi, tutte le volte che tradiamo, ci stiamo tradendo e per ogni menzogna raccontata diventiamo vittime del nostro stesso inganno.Contenuto: Le Forme dell'Amore  (Conferenza 18 novembre 2017 - Milano)Download (size) = 1 file zip (mp3)64 Kbps – 61,8 Mb

Oltre il conflitto... l'Armonia
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

Marco Ferrini - Marco Ferrini

Oltre il conflitto... l'Armonia

Centro Studi Bhaktivedanta

Abstract: Come superare un conflitto? Come nasce? Quale l’origine e la causa? Spesso, è la conseguenza di una scarsa consapevolezza di sé, di riflesso dell’incapacità di comprendere l’altro. Senza una presa di coscienza di chi siamo e dove andiamo, in assenza di un piano verso una meta evolutiva da conseguire, rischiamo di precipitare sempre più in basso, lasciandoci trascinare dalle emozioni e conflittualità con gli altri, spesso proiezioni del nostro mondo interiore. In questo ascolto, Marco Ferrini risponde alle seguenti domande: “Riconosco il mio senso di competizione, spesso causa di conflitto. Come riuscire a modificare le asperità del carattere attraverso una ricerca introspettiva che conduca all’amore e alla consapevolezza?”. “Scoprire i propri limiti comporta spesso entrare in competizione con se stessi e con gli altri. Una lotta che depaupera le nostre energie, che sfinisce. Come accettarli e superarli?”. “Come ci si deve comportare con chi vuole farci del male o danneggiarci? Bisogna perdonare, ma anche saper prendere le distanze?” L’essere umano ha una grande potenzialità, ma inizia il suo viaggio nell’esistenza umana con molte difficoltà. Solo quando inizia a sperimentare e maturare il sentimento di gratitudine, riesce a vedere la bellezza dell’esistenza. Senza spirito di gratitudine si entra in conflitto con ogni manifestazione della vita stessa, cioè a dire con gli altri, di cui si riescono a vedere solo le brutture e cattiverie insite nell’essere umano, anziché apprezzarne e valorizzarne le qualità. E’ da qui che possiamo iniziare il nostro processo di evoluzione.Contenuto: Oltre il conflitto... l'Armonia. Il sapiente uso della Gratitudine per superare il conflitto ristabilendo l'Armonia nelle relazioni  (Conferenza 9 aprile 2017 - Firenze)Download (size):  1 file zip (mp3)64 Kbps - 64 Mb

Parole che sanno essere carezze
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

Marco Ferrini - Marco Ferrini

Parole che sanno essere carezze

Centro Studi Bhaktivedanta

Abstract: Le persone attraggono per come si esprimono a parole, per la loro amabilità e l’eleganza dei gesti. Dietro tali apparenze, può nascondersi l’incapacità di mantenere vive le relazioni, che risultano fallimentari. Perché? L’empatia formale, la falsa cortesia, l’adulazione sono strumenti di manipolazione, la cui natura nulla ha a che vedere con l’autentica empatia, che è qualità dell’anima. Come sviluppare la capacità di entrare in profonda connessione con gli altri? Mettendosi in gioco, con il desiderio di apprendere e migliorare, si forma la base costitutiva di un rinnovato modo di essere, sentire, esprimersi e agire, sui cui edificare le nostre relazioni. Gli interrogativi posti, hanno favorito risposte pratiche: “Attraverso l’abile uso della parola, vi sono persone che penetrano nella psiche umana e nelle ferite emotive, allo scopo di manipolare la fragilità altrui. Come difendersi?” “Dire la cosiddetta “verità”, esprimere senza filtri ciò che si pensa, può apparire duro e ferire il nostro interlocutore. Come può essere, piacevole, benefica e al contempo veritiera la parola?” La parola può essere aspra e arrogante, oppure affascinante, come una carezza che attrae a sé. E’ lo strumento principe nel comunicare, il più antico e di raffinato valore. L’arte è nell’imparare a parlare con il cuore.Contenuto: Parole che sanno essere carezze  (Conferenza 14 maggio 2017 - Bellinzona, CH)Download (size):  1 file zip (mp3)64 Kbps - 64 Mb

Dire sì alla felicità
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

Marco Ferrini - Marco Ferrini

Dire sì alla felicità

Centro Studi Bhaktivedanta

Abstract: Libertà dalla solitudine e dalla sofferenza: come conseguirla? Iniziando a sbarazzarci delle nostre paure. Serenità che la mente umana ha dimenticato perché ha accumulato troppe ferite. Possiamo recuperare questa pace interiore perché è una dimensione che ci appartiene. Quando qualcosa accaduto nel passato ha provocato sofferenza in noi, si genera il timore di ripetere l’esperienza. La paura, la cultura del sospetto, l’assenza di fiducia ci impediscono di costruire nuove relazioni. Sono amputazioni che ci auto- infliggiamo, precludendoci la possibilità di stringere nuove amicizie, di innamorarci e di vedere la bellezza in noi e intorno a noi. In questo seminario, Marco Ferrini ci esorta a non amare ciò che ci limita, ma imparare ad amare ciò che ci espande verso la Libertà più alta, superando le nostre paure. E ci spiega come: ‘Uscendo dall’isolamento della sofferenza e dal senso di solitudine che ne deriva. Imparando a osservare con distacco emotivo le proprie ferite per poterle curare e guarire, anziché compatirsi. Le cicatrici emotive ci rimandano spesso un’immagine deludente di noi stessi. Dobbiamo ritrovare la nostra natura eterna e viverla pienamente, consapevoli che siamo noi gli artefici del nostro benessere.Contenuto: Dire sì alla felicità  (Seminario 2 luglio 2017 - Ponsacco, PI)Download (size) = 1 file zip (mp3)64 Kbps – 115 Mb

I conflitti si superano parlando con il cuore
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

Marco Ferrini - Marco Ferrini

I conflitti si superano parlando con il cuore

Centro Studi Bhaktivedanta

Abstract: L’essere umano ricerca la felicita' all’esterno di se´, laddove non puo' trovarla; cio' e' causa di irrequietudine mentale e costante insoddisfazione. Solo elevando la consapevolezza del proprio mondo interiore e di cio' che siamo in essenza, e' possibile sviluppare la migliore versione di se´, cambiare le abitudini malsane, il modo di pensare e comunicare. Una buona comunicazione non passa solo attraverso la scelta delle giuste parole, bensi' attraverso l’esempio che offriamo, affinche´ le parole possano entrare in profondita' e persuadere per la loro coerenza. E’ il comportamento virtuoso e coerente che ci rende credibili agli occhi degli altri e a noi stessi. “Come evitare l’ipocrisia quando confortiamo qualcuno e prospettiamo soluzioni di cui non abbiamo avuto esperienza diretta?”. “Come superare i condizionamenti e impulsi della mente reattiva, controllando le parole e le azioni?”. “Nei rapporti relazionali, cerchiamo in realta' di compensare quel che ci manca?”. “Qual e' il rischio di uniformarsi, di privarsi della propria personalita' e liberta', aggregandosi con gli altri?". Queste sono alcune delle domande a cui troverai risposta, offrendo elementi di riflessione che espandono il punto di vista tuo e altrui. In questo ascolto, Marco Ferrini ti fa scoprire come sviluppare pazienza, tolleranza, amabilita' per entrare in empatia e sviluppare un dialogo profondo con l’altro, aiutandolo a liberarsi delle maschere che indossa. In tal modo favoriamo l’amicizia e dove c’e' amicizia non puo' esservi conflittualita'. Il terreno fertile della con conflittualita' e´ l’inimicizia e l’indifferenza. La vera amicizia si colloca tra le virtu' e facilita lo sviluppo della felicità.Contenuto: I conflitti si superano parlando con il cuore  (Seminario 18 e 19 marzo 2017 - Monastier, TV)Download (size) = 1 file zip (mp3)64 Kbps – 200 Mb

Il Perdono è la misura dell'Amore
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

Marco Ferrini - Marco Ferrini

Il Perdono è la misura dell'Amore

Centro Studi Bhaktivedanta

Abstract: In genere troviamo difficile attivare la facoltà del perdono, e ci blocchiamo non appena incontriamo i primi ostacoli che rendono tutto complicato. In questo seminario di formazione per Counselor, Marco Ferrini ci spiega come spesso le persone commettano offese senza esserne completamente consapevoli, come sviluppare una presa di coscienza elevata sia per chiedere perdono, così come per concederlo. Il perdono è la misura dell’amore. Si può perdonare nella misura in cui si ama. Talvolta, vi è timore che perdonare equivalga a perdere la propria libertà. Invece, le persone non sanno quanta ne guadagnerebbero! Il perdono è un’arte che si può apprendere, incominciando dall’imparare a perdonare se stessi, così come gli altri. Quest’ascolto è la chiave per liberarci dalle sbarre dei nostri condizionamenti e dalla prigione che spesso costruiamo da soli, in difesa delle nostre debolezze. Uno strumento per divenire i migliori amici di noi stessi, consapevoli di come agiamo in rapporto con l’anima, perché coscienti della nostra natura spirituale e capaci di superare ogni paura, causa di inutile sofferenza.Contenuto: Il Perdono è la misura dell'Amore  (Seminario di counseling 17 e 18 giugno 2017 - Ponsacco, PI)Download (size) = 1 file zip (mp3)64 Kbps – 178 Mb

Le Regole d'Oro per Imparare a Parlare con il Cuore
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

Marco Ferrini - Marco Ferrini

Le Regole d'Oro per Imparare a Parlare con il Cuore

Centro Studi Bhaktivedanta

Abstract: Come si fa a parlare con il cuore? Come comunicare in maniera benefica per se stessi e gli altri? In che modo calmare e superare  i conflitti? Parlare con il cuore non è un vezzo poetico, ci spiega Marco Ferrini: è andare al centro di noi stessi, vedere ciò che frammenta il nostro rapporto con gli altri e migliorarlo; è sperimentare  le regole d’oro della comunicazione empatica in ogni relazione. Di quali regole si tratta? Come iniziare ad avere una comunicazione di qualità con se stessi e gli altri  che possa diventare il nostro stile di vita? Cosa possiamo fare per risvegliare dentro di noi un linguaggio che ci unisca cuore a cuore, che sia  veritiero, piacevole e benefico? Attraverso un processo in 4 steps - attenzione, curiosità, interesse e desiderio - Marco Ferrini ci mette a disposizione conoscenze e strumenti che ci aiuteranno ad  esprimere i nostri bisogni senza suscitare ostilità, ad ascoltare e comprendere l’altro fino in fondo, ad edificare  autentiche relazioni  d’amore.Contenuto: Le Regole d'Oro per Imparare a Parlare con il Cuore (Conferenza 18 febbraio 2017 - Milano)Download (size):  1 file zip (mp3)128 Kbps - 131 Mb

Nella prospettiva dell'Eternità
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

Marco Ferrini - Marco Ferrini

Nella prospettiva dell'Eternità

Centro Studi Bhaktivedanta

Abstract: "Ciò che è non può non essere; ciò che non è non può essere". Nel VI secolo a.C., Parmenide di Elea enuncia un principio di realtà che era già stato ampiamente esplorato millenni prima nella Bhagavad-Gita, testo di riferimento per tutta la cultura indovedica. Confondere l’impermanente con il reale e il reale con l’impermanente è un equivoco fatale che condanna a una serie infinita di errori e conseguenti frustrazioni. La realtà è eterna per definizione, in quanto trascende e sottende tutte le trasformazioni che il tempo imprime agli agglomerati della materia. I nostri corpi sono un esempio lampante di tali agglomerati e, per questa loro natura temporanea, non dovrebbero essere considerati reali nel pieno senso della parola. È il nostro sé spirituale a possedere le caratteristiche del reale e quindi dell’eterno, ma a causa della falsa identificazione con i corpi che abitiamo, siamo propensi a proiettare il sano desiderio di eternità su una struttura, quella fisica, che mai potrà esaudirlo. È da questo equivoco che nasce la paura della morte. Vivere nella prospettiva dell’eternità non significa soltanto fugare questa ancestrale paura. Significa anche imparare ad agire correttamente in ogni circostanza, avendo superato gli attaccamenti tipici di una mentalità egoica e ristretta. Significa cogliere a pieno il frutto della vita, gustando già in questa dimensione immanente il nettare della gioia e dell’amore spirituali.Contenuto: Nella prospettiva dell'Eternità  (Conferenza 22 ottobre 2017 - Bellinzona, CH)Download (size) = 1 file zip (mp3)64 Kbps – 58,5 Mb

Prima di noi l'Amore
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

Marco Ferrini - Marco Ferrini

Prima di noi l'Amore

Centro Studi Bhaktivedanta

Abstract: L’amore è l’essenza della vita; chi lo considera alla stregua di un accessorio, gioca con la propria esistenza. Senza amare non è possibile apprezzare la bellezza in ogni cosa, la si può solo depauperare. L’essere umano è un universo da esplorare e racchiude in sé un tesoro immenso, che può essere portato in luce solo conoscendo il vero significato di “Amore”. Le domande su questo tema conducono a un’indagine profonda: “Dio ci ama talmente tanto, da lasciarci scegliere se allontanarci o avvicinarci a Lui. Come si concilia questo ideale di amore e libertà con le dinamiche umane, dove le norme sono necessarie ad assicurare l’educazione e il rispetto nei rapporti, al di là dell’affettività che da sola potrebbe non bastare a proteggere l’unione?” “Viviamo tutti i giorni nella dualità di questo mondo fenomenico. Nasciamo come esseri duali e molti sono i bivi che la vita ci presenta. Esiste un’unica meta dove tutto confluisce? L’amore è il mezzo o il fine di questo viaggio?”  Domande che accompagnano le riflessioni di Marco Ferrini, fondate sulla sua esperienza di oltre 40 anni di ricerca e studio della cultura Indo-Vedica, della Psicologia e Spiritualità dello Yoga della Bhakti - lo Yoga dell’Amore. Insegnamenti da sperimentare nel vissuto di ogni giorno.Contenuto: Prima di noi l'Amore  (Conferenza 13 maggio 2017 - Melide, CH)Download (size) = 1 file zip (mp3)64 Kbps – 72,1 Mb