Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Soggetto Femmine
× Livello Collezioni
× Data 1996
× Soggetto Schio - Paesaggio - Fotografie
× Materiale Video
Includi: tutti i seguenti filtri
× Genere Letteratura drammatica

Trovati 1966 documenti.

Risultati da altre ricerche: Catalogo della Rete Bibliotecaria Vicentina

Mostra parametri
Autodifesa di Caino
0 0 0
Libri Moderni

Camilleri, Andrea <1925-2019>

Autodifesa di Caino / Andrea Camilleri

Palermo : Sellerio, 2019

Il divano ; 323

Abstract: «Signore e signori della corte... oddio, che ho detto? Della corte? Scusate, ho avuto un lapsus... Ricomincio. «Signore e signori del pubblico, permettete che mi presenti: sono Caino. «Forse non avete capito. Sono Caino. «Caino, il primo assassino della storia umana... «Mi meraviglio. Nei secoli scorsi, appena la gente sentiva il mio nome, mi copriva di insulti, di improperi e ora invece voi ve ne state tranquilli seduti al vostro posto... «In effetti, solo negli ultimi centocinquant’anni, ne avete visti di morti... «Vi siete fatti due guerre mondiali, una gran quantità di guerre locali, gli eccidi, gli stermini, i massacri, i genocidi, le pulizie etniche, le stragi, gli attentati, i femminicidi…». «Perché sono un contastorie. In fondo non sono mai stato altro. Nella tradizione ebraica, e in parte anche in quella musulmana, esistono una miriade di controstorie che ci raccontano un Caino molto diverso da quello della Bibbia. Su queste abbiamo lavorato». Andrea Camilleri offre una versione di Caino lontana da quella consueta. È forse un Caino inventore della scelta, che va oltre il pentimento prendendo consapevolezza che «senza il male il bene non esisterebbe». Come il precedente Conversazione su Tiresia anche questo monologo avrebbe dovuto essere interpretato da Camilleri a teatro. L’appuntamento era per il 15 luglio 2019 alle Terme di Caracalla. Ma il grande scrittore è uscito di scena troppo presto.

Bella figura
0 0 0
Libri Moderni

Reza, Yasmina

Bella figura / Yasmina Reza ; traduzione di Donatella Punturo

Milano : Adelphi, 2019

Piccola biblioteca Adelphi ; 743

Abstract: Nel parcheggio di un ristorante una donna accusa l'amante, piccolo imprenditore prossimo al fallimento, di aver scelto, per la loro cenetta intima, un posto che gli è stato consigliato dalla moglie; quando finalmente decidono di andare altrove, lui, facendo manovra, investe un'anziana signora; niente di grave, tranne il fatto che l'anziana signora è lì per festeggiare il suo compleanno in compagnia del figlio e della nuora - che guarda caso è anche un'amica intima della moglie del fedifrago. Lo spunto, da commedia di boulevard, mette in moto l'inesorabile meccanismo del teatro di Yasmina Reza, il cui virtuosismo sta nel mostrare - mediante gesti minimi, battute feroci, plumbei silenzi - i patetici contorcimenti dei cinque personaggi, tutti costantemente sull'orlo di una crisi di nervi, per mantenere una parvenza di decoro: per fare, appunto, bella figura. Si ride molto, leggendo queste pagine, ma sempre sul filo di un'angoscia sottile, di un lancinante interrogativo.

Goldoni e il teatro comico del Settecento
0 0 0
Libri Moderni

Goldoni e il teatro comico del Settecento / a cura di Piermario Vescovo

Roma : Carocci, 2019

Studi superiori

Abstract: Il volume offre un profilo del teatro di Carlo Goldoni, dal primo periodo veneziano al trentennio parigino, mettendo in risalto nodi caratterizzanti e problemi aperti. Il rapporto tra la scrittura drammatica e la cultura dei comici, la formazione giuridica goldoniana, che interessa insieme la rappresentazione della società e il quadro del diritto che regge l'impresa teatrale ed editoriale; l'ampia esperienza linguistica; la complessiva dimensione sperimentale che si intreccia a una varia, in parte irregolare, esperienza biografica.

Manfred
0 0 0
Libri Moderni

Byron, George Gordon

Manfred / George G. Byron ; a cura di Diego Saglia

Venezia : Marsilio, 2019

Letteratura universale Marsilio

Abstract: Manifesto del romanticismo byroniano, e non solo, "Manfred. Un poema drammatico" (1817) nasce, insieme al "Frankenstein" di Mary Shelley, al "Vampiro" di John W. Polidori e al "Prometheus unbound" di Percy B. Shelley, in quella strana fatale estate del 1816 in cui l'eruzione di un lontano vulcano, che oscurò i cieli di mezzo mondo, vide riunirsi sulle rive del Lago di Ginevra la più straordinaria e concitata compagnia di voci e spiriti poetici. Al centro di "Manfred" si staglia una figura dai torvi tratti gotici, nobile ribelle di stampo faustiano capace di evocare potenze occulte con le sue arti magiche, in cerca di una risposta al proprio malessere. Figura titanicamente sovversiva, Manfred rivendica con fierezza la superiorità dell'uomo, creatura «metà polvere, metà dio», sulle forze ostili del creato. Con le sue ambientazioni tra le cime delle Alpi, i personaggi sovrannaturali e le figure più comuni, i toni che oscillano dal cupo al solenne al faceto, e le scene dal poderoso impatto visivo, il dramma esplora temi centrali nella rivoluzione artistica e filosofica del primo Ottocento, come l'identità, la memoria, il rimpianto e il significato ultimo dell'esistenza e della morte. Per questa sua complessità suscitò l'interesse di Goethe e Dumas, Schumann e Nietzsche. Espressione grandiosa del tormento e del titanismo romantici, "Manfred" è un'opera multiforme, animata da spinte diverse e conflittuali, e pervasa da stimoli e suggestioni che continuano a suscitare nuove interpretazioni e nuove domande

In mezzo al mare
0 0 0
Libri Moderni

Torre, Mattia

In mezzo al mare : sette atti comici / Mattia Torre

Milano : Mondadori, 2019

Scrittori italiani e stranieri

Abstract: L'insensatezza del mondo, l'ossessione per il cibo, la macchina faticosa e perfetta del corpo femminile, lo sport nazionale dello scaricabarile, il mito della ricchezza e del potere, la scommessa del cinismo contro la bontà, i figli, tormento e beatitudine. Mattia Torre è un grande raccontatore per voce sola. Nel corso degli anni scrive monologhi per tanti attori italiani e ogni volta ci mette davanti alla sconcertata evidenza delle fragilità e delle dissonanze dell'umana esistenza. La sequenza di questi "sette atti" rivela, fuori dalla scena in senso stretto, la complessità e la felicità narrativa di un autore a cui piace misurare, fotografare, reinventare il teatro del mondo. Si esce dall'insinuante e chirurgica esattezza di queste voci con la consapevolezza di abitare una società incosciente e malata, così incosciente e così malata da suscitare il riso e una bella, non rassegnata, compassione.

La bisbetica domata
0 0 0
Libri Moderni

Shakespeare, William

La bisbetica domata / William Shakespeare ; a cura di Iolanda Plescia ; introduzione di Nadia Fusini

Milano : Feltrinelli, 2019

Universale economica. I Classici ; 325

Abstract: Considerata una delle commedie più famose di Shakespeare, "La bisbetica domata" narra le vicende di Petruccio, un nobile signorotto che si reca a Padova per cercare moglie. Sentendo parlare di Caterina, una giovane dal carattere irascibile e scontroso ma assai ricca, decide di farne la sua consorte, convinto che riuscirà a domare il suo caratteraccio. Alla vicenda principale, si sovrappone quella della dolce sorella di Caterina, Bianca, corteggiata da diversi pretendenti che, in un susseguirsi di inganni e situazioni comiche, tenteranno di conquistarne il cuore. Il tutto viene presentato nella forma, caratteristica shakespeariana, del metateatro, attraverso un simpatico antefatto introduttivo. Un magnifico esempio dello stile narrativo di Shakespeare, pieno di efficaci giochi di parole ed esilaranti scambi di battute argute, narrato con quella naturale semplicità che ha reso tanto apprezzato il suo stile.

Shakespeare e l'amore
0 0 0
Libri Moderni

Cattaneo, Arturo <1951- > - Cattaneo, Arturo

Shakespeare e l'amore / Arturo Cattaneo

Torino : Einaudi, 2019

Piccola biblioteca Einaudi. Nuova serie

Abstract: "Romeo e Giulietta", "Otello", i "Sonetti"... le più famose opere di Shakespeare dedicate all'amore ci emozionano oggi come quattrocento anni fa. Ogni capitolo di questo libro racconta, intrecciando aneddoti, curiosità e fatti storici, un'idea dell'amore secondo Shakespeare: l'amore a prima vista che si crede eterno, l'amore che si muta in odio e uccide, l'amore che impone di farsi raccontare in una storia che è confessione e denuncia insieme... Una casistica straordinaria, con al centro la domanda di sempre: l'amore è commedia o tragedia? Un percorso che dalla passione tra adolescenti in "Romeo e Giulietta" porta alla tragedia del razzismo e della gelosia in "Otello", fino alla sorpresa dei "Sonetti". Qui Shakespeare è il protagonista, parla in prima persona e si mette crudelmente a nudo in un diario segreto dove confessa due passioni, per un giovane biondo e una dama bruna, che si confondono in un triangolo difficile da districare

Conversazione su Tiresia
0 0 0
Libri Moderni

Camilleri, Andrea <1925-2019> - Camilleri, Andrea <1925-2019>

Conversazione su Tiresia / Andrea Camilleri

Palermo : Sellerio, 2019

Il divano

Abstract: «Chiamatemi Tiresia. Per dirla alla maniera dello scrittore Melville, quello di 'Moby Dick'. Oppure Tiresia sono, per dirla alla maniera di qualcun altro. Zeus mi diede la possibilità di vivere sette esistenze e questa è una delle sette. Non posso dirvi quale. Qualcuno di voi di certo avrà visto il mio personaggio su questo stesso palco negli anni passati, ma si trattava di attori che mi interpretavano. Oggi sono venuto di persona perché voglio raccontarvi tutto quello che mi è accaduto nel corso dei secoli e per cercare di mettere un punto fermo nella mia trasposizione da persona a personaggio. Ho trascorso questa mia vita ad inventarmi storie e personaggi, sono stato regista teatrale, televisivo, radiofonico, ho scritto più di cento libri, tradotti in tante lingue e di discreto successo. L'invenzione più felice è stata quella di un commissario. Da quando Zeus, o chi ne fa le veci, ha deciso di togliermi di nuovo la vista, questa volta a novant'anni, ho sentito l'urgenza di riuscire a capire cosa sia l'eternità e solo venendo qui posso intuirla. Solo su queste pietre eterne». La "Conversazione su Tiresia" scritta e interpretata da Andrea Camilleri è stata messa in scena per la prima volta al Teatro Greco di Siracusa i giugno 2018 nell'ambito delle rappresentazioni classiche realizzate dall'Istituto Nazionale del Dramma Antico.

L' oca d'oro
0 0 0
Libri Moderni

De_Simone, Roberto <1933- >

L' oca d'oro : commedia dell'arte e mistero in due parti / Roberto De Simone

Torino : Einaudi, 2019

Collezione di teatro ; 448

Abstract: Tutto ha inizio al centro della scena, l’Attore deve morire ma deve farlo bene, a modo, circondato dai giusti pianti, come si conviene al professionista che è. Con questa apertura spassosa inizia L’oca d’oro, una summa del teatro secondo De Simone, attraverso scene comiche e paradossali che seguono e si inseguono, quasi estemporaneamente. Era dai tempi della Gatta Cenerentola che De Simone non aveva più scritto un testo così totale e risolto, in cui accosta con maestria Pulcinella a Otello, Calibano a Mefistofele, riuscendo sempre a mantenere serrato il ritmo e il suggestivo disorientamento. Si compone così un funambolico percorso in lungo e in largo nella nostra penisola e non solo, un intreccio di voci colte e popolari tra dialetti e citazioni, folklore, canzoni e madrigali, con omaggi agli autori più amati dal Maestro napoletano, come Shakespeare, Totò, Molière, Goethe, Brecht, Pirandello e Scarpetta.

I demoni
0 0 0
Libri Moderni

Camus, Albert

I demoni : adattamento in tre parti del romanzo di Fedor Dostoevskij / Albert Camus ; traduzione di Caterina Pastura

Firenze : Bompiani, 2019

Tascabili Bompiani ; 938

Abstract: Quest'opera è l'adattamento teatrale dei Demoni di Dostoevskij: viene rappresentata nel 1959, un anno prima della morte di Camus. È l'opera che lo scrittore ha in mente da sempre, a cui ha lavorato con ostinazione e che considera uno dei quattro o cinque libri al di sopra di tutti gli altri. I Demoni è un libro profetico, non solo perché, come dice Camus, annuncia il nichilismo dell'uomo moderno, ma anche perché descrive alla perfezione il disagio dell'uomo ad accettare la finitezza del suo essere nel mondo.

Comici & poeti
0 0 0
Libri Moderni

Scannapieco, Anna

Comici & poeti : attori e autori nel teatro italiano del Settecento / Anna Scannapieco

Venezia : Marsilio, 2019

Saggi Marsilio

Abstract: Le pagine di questo libro restituiscono in uno sguardo d'insieme un'altra storia, o, almeno, un diverso punto di vista su una storia che crediamo di conoscere a memoria. Le narrazioni deputate attraverso cui è stato ordito e tramandato il significato di tanta parte del teatro settecentesco sono qui ripercorse nelle loro logiche segrete, fatte dialogare (se del caso, confliggere) con voci d'archivio e testimoni inascoltati, o per lungo tempo reticenti. Ai Comici, gli attori, viene restituito un ruolo comprimario a quello dei Poeti, gli autori, e di entrambi viene posta in luce quella sinergia compositiva che fu all'origine di una delle stagioni più creative del nostro teatro.

La morte tragica nel Cinquecento
0 0 0
Libri Moderni

Carta, Ambra

La morte tragica nel Cinquecento : poetiche a confronto in Trissino e Tasso / Ambra Carta

Pisa : ETS, 2018

Il tragico

Abstract: Una riflessione sul teatro tragico cinquecentesco, tra formulazioni teoriche e prassi poetiche, invita all'analisi di due opere significative per gli sviluppi della drammaturgia tragica, la Sofonisba di Gian Giorgio Trissino e Il Torrismondo di Torquato Tasso. Le più recenti indagini nel campo teorico e poetico hanno evidenziato le principali direzioni intraprese dalle sperimentazioni dei maggiori autori, da Trissino a Giraldi Cinzio da Rucellai e Alemanni a Tasso, mostrando il passaggio da un modello - quello esemplato dalla Sofonisba trissiniana - che, pur inaugurando la drammaturgia tragica italiana in versi sciolti, è saldamente ancorato alla teorica aristotelica, a un altro - quello tassiano - che apre il tragico alle lacerazioni irrisolvibili della coscienza, imprimendo un nuovo corso ai suoi paradigmi poetici. Lo studio lessicale, linguistico e stilistico delle due opere, in risonanza con il dibattito teorico contemporaneo, offre la possibilità di misurare da vicino le trasformazioni del genere tragico lungo il corso del Cinquecento e di apprezzare i debiti, gli apporti e i limiti che nell'un caso e nell'altro i modelli, greci o latini, cristiani o classico-pagani, esercitano sulla composizione formale e sulla concezione politico-culturale che la Sofonisba e il Torrismondo intendono rappresentare.

Amore, polenta e bacalà
0 0 0
Libri Moderni

Dal_Maso, Danilo - Stefani, Antonio - Donnisio : da#Montecio

Amore, polenta e bacalà : 2 tempi / di Danilo Dal Maso, Donnisio Da Montecio, Antonio Stefani

Dueville : Agorà factory, 2018

Le storie, la storia

Abstract: Commedia in dialetto vicentino. Nel novembre del 1944, in un’accogliente fattoria sui colli vicentini, viene organizzata una cena semiclandestina a base di baccalà (la specialità della padrona). Durante il pasto si intrecciano i percorsi di vita di alcune persone, scompaginati dal clima del conflitto bellico che rende incerta ogni prospettiva, ma una casualità determinerà il destino dei protagonisti. In un contesto che abbraccia figure, situazioni e memorie vicentine si snoda la vicenda amorosa di due giovani che avrà un epilogo inatteso, ambientato mezzo secolo dopo nella stessa cascina diventata trattoria (ovviamente con il consueto piatto tipico): un omaggio a Vicenza, ai suoi miti, ai suoi personaggi, alla polenta col baccalà e all’amore, capace di sopravvivere agli eventi e di rinnovare nel tempo la sua magia.

William Shakespeare
0 0 0
Libri Moderni

Puricelli Guerra, Elisa

William Shakespeare : re del teatro / Elisa Puricelli Guerra

San Dorligo della Valle : EL, 2018

Grandissimi

Abstract: Shakespeare aveva la capacità straordinaria di evocare la vita di re e regine, innamorati, soldati e persone semplici e di interrogare il cuore di ciascuno. Le sue parole accendono l'immaginazione del pubblico ancora oggi. Età di lettura: da 7 anni.

Il Veneto di Shakespeare
0 0 0
Libri Moderni

Perosa, Sergio - Perosa, Sergio

Il Veneto di Shakespeare / Sergio Perosa

Sommacampagna : Cierre, 2018

Abstract: Questo libro ci conduce alla scoperta dei luoghi che fanno da sfondo alle opere shakesperiane ambientate in Veneto. L'autore, uno dei più noti traduttori del grande drammaturgo inglese, traccia un ritratto vivido e suggestivo delle tre città in cui si muovono i personaggi e si articolano le scene delle sue commedie e tragedie più famose: Venezia, Verona e Padova. Questo saggio, ci suggerisce la possibilità che il Veneto immaginato da Shakespeare sia un'entità reale, una visione d'insieme, mentre esso è in effetti una dimensione di fantasia, la somma di tanti particolari occasionali. Colpiscono comunque la precisione dei riferimenti e il fascino delle atmosfere, il senso del luogo e la funzionalità drammatica degli sfondi che vengono suggeriti. I riferimenti geografici sono dunque non descritti con precisione topografica, ma solo evocati dalla forza della parola e dei dialoghi dei suoi personaggi. Pochi ma risoluti richiami, che aprono squarci di prospettive, ricreano un ambiente, costituiscono un mondo, consolidando, se ancora ce ne fosse bisogno, la grandezza dell'opera shakesperiana.

Enrico 4.
0 0 0
Libri Moderni

Pirandello, Luigi <1867-1936>

Enrico 4. / Luigi Pirandello ; a cura di Veronica Tabaglio

[Milano] : BUR Rizzoli, 2018

Bur Rizzoli. Classici moderni

Abstract: Nei primi anni del Novecento un giovane nobile prende parte a una festa in maschera. Nei panni di Enrico IV di Baviera, accompagnato dalla marchesa Matilda di Toscana, entra in sala su un cavallo trionfalmente bardato. Per un incidente viene però disarcionato: battuta la testa, impazzisce, e si convince di essere veramente Enrico IV, a capo del Sacro Romano Impero. Assecondato da amici e parenti nella sua follia, si trasferisce in una dimora isolata, servito da domestici in costume. Dopo dodici anni riacquista la ragione: ma scopre che la vita è andata avanti senza di lui, che gli eventi si sono succeduti e la sua amata si è sposata con il rivale Belcredi. Per Enrico IV non è rimasto che il ruolo di pazzo: quella che doveva essere la recita di una notte si trasforma nell'unica identità concessa. "Enrico IV" è la messa in scena dell'eterna tensione fra vita e maschere, punto focale dell'intera opera pirandelliana.

Il berretto a sonagli
0 0 0
Libri Moderni

Pirandello, Luigi <1867-1936> - Pirandello, Luigi <1867-1936>

Il berretto a sonagli / Luigi Pirandello ; a cura di Veronica Tabaglio

[Milano] : BUR Rizzoli, 2018

Cirano di Bergerac
0 0 0
Libri Moderni

Rostand, Edmond

Cirano di Bergerac : commedia eroica in cinque atti in versi / Edmond Rostand ; traduzione di Mario Giobbe ; introduzione di Guido Davico Bonino ; con uno scritto di Valerio Magrelli

Ristampa

Milano : Mondadori, 2018

Oscar classici ; 325

Abstract: Spadaccino invincibile e tenerissimo amante, pronto alle bravate temerarie come a eccezionali gesti di generosità, il romantico Cirano, dal grottesco naso e dal cuore puro, è il protagonista di una delle opere teatrali più popolari di tutti i tempi. Incentrata sulla figura, realmente esistita, di un poeta-soldato del Seicento, la commedia eroica di Edmond Rostand ottenne fin dalla prima rappresentazione nel 1897 un enorme e meritato successo, grazie soprattutto alla commozione suscitata dall'appassionato e infelice amore dello sfortunato cadetto di Guascogna per la cugina Rossana, e per l'elegantissimo intrecciarsi di momenti intensi e vivaci, caricaturali e patetici.

L'impresario delle Smirne
0 0 0
Libri Moderni

Goldoni, Carlo

L'impresario delle Smirne / Carlo Goldoni ; a cura di Paologiovanni Maione

Venezia : Marsilio, 2018

Letteratura universale Marsilio

Fa parte di: Goldoni, Carlo. Le opere : edizione nazionale / Carlo Goldoni

Beat generation
0 0 0
Libri Moderni

Kerouac, Jack

Beat generation / Jack Kerouac ; introduzione di A. M. Homes ; traduzione di Sergio Altieri

Milano : Mondadori, 2018

Oscar moderni ; 277

Abstract: Rimasta inedita per cinquant'anni, Beat Generation è un'opera teatrale sulla tensione, sull'amicizia e sul destino. Scritta nel 1957, anno della prima pubblicazione di Sulla strada, e ambientata nel 1953, questa pièce ritrae un'autentica e alternativa America degli anni Cinquanta. I personaggi non sono i vagabondi tipici della narrativa di Kerouac, ma uomini e donne della classe operaia che esprimono il cuore stesso del pensiero beat, quello spirito di libertà che iniziò a fiorire allora per esplodere poi nella grande contestazione del decennio successivo. Nei dialoghi serrati, nel ritmo e nel contenuto delle conversazioni risuona un'inconfondibile nota jazz, che l'autore, come un direttore d'orchestra, sa modulare in una melodia che ancora oggi incanta.