Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Nomi Italia
× Paese Spagna
Includi: tutti i seguenti filtri
× Genere Lettere

Trovati 3 documenti.

Risultati da altre ricerche: Catalogo delle biblioteche della città di Vicenza

Ridotta Isabelle
0 0 0
Libri Moderni

Cocco, Antonio <1933-1954>

Ridotta Isabelle : nella Legione straniera senza ritorno da Dien Bien Phu, lettere 1952-54 / Antonio Cocco

Milano : Terre di mezzo ; [Pieve S. Stefano] : Fondazione Archivio diaristico nazionale, 2018

Abstract: Nella Legione straniera senza ritorno da Dien Bien Phu. Lettere 1952-54. Il 23 maggio 1952 Antonio è ancora seduto sui banchi di scuola, a un passo dagli affetti di casa.Ma la minaccia di una bocciatura provoca in lui un gesto di ribellione: scappa in Francia con un amico e, fermato dalla polizia perché clandestino, accetta di arruolarsi nella Legione straniera per evitare il carcere. L’addestramento feroce, le punizioni e le violenze gli fanno rimpiangere ogni giorno la scelta compiuta, ma tornare indietro è impossibile.

Il bambino e il mago
0 0 0
Libri Moderni

Brizzi, Salvatore - Geminiani, Riccardo

Il bambino e il mago : l'iniziazione di un bambino al lato luminoso della magia / Salvatore Brizzi, Riccardo Geminiani

Vicenza : Il Punto d'incontro, 2013

Il libro di Emma
0 0 0
Libri Moderni

Reyes, Emma - Reyes, Emma

Il libro di Emma / Emma Reyes ; traduzione di Violetta Colonnelli ; prefazione di Teresa Ciabatti

Roma : Sur, 2019

Abstract: È una storia senza tempo quella di Emma Reyes, la pittrice colombiana la cui vivacità narrativa era tanto amata da García Márquez, che la incoraggiò a scrivere. Come senza tempo sono i ricordi d’infanzia: nelle ventitré lettere scritte dal 1969 al 1997 all’amico Germán Arciniegas, Emma racconta, con voce tenera, nostalgica e autoironica insieme, di quando era bambina. Di quando, con la sorella Helena, poco più grande e come lei figlia di una relazione illecita, viveva senza padre né madre in una stanzetta nella periferia di Bogotà e costruiva pupazzi di fango in una discarica, con i bambini del quartiere. Da lì a una casa coloniale, da una bottega del cioccolato a un teatro con una pianola, dalle cure brusche della Signorina María a quelle delle suore in un convento di clausura: il tutto tra abbandoni e scoperte, confondendo lavoro e gioco, squallore e poesia, preghiere e paure. La piccola Emma non sa nulla del mondo, ma ha un coloratissimo universo interiore di cui questo «memoir per corrispondenza», che torna in libreria in una nuova edizione, è testimonianza preziosa. Con la maturità e la grazia di chi si è lasciato la sofferenza alle spalle e senza mai perdere lo sguardo meravigliato dei bambini, Emma Reyes traccia a parole un delicato dipinto in cui la malinconia fa sorridere e la Colombia del passato sembra dietro l’angolo, come in un grande classico