Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Paese Regno Unito
× Data 2005
Includi: tutti i seguenti filtri
× Risorse eBook (MLOL)

Trovati 33454 documenti.

Risultati da altre ricerche: Catalogo delle biblioteche della città di Vicenza

Il ritratto di Dorian Gray
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Wilde, Oscar

Il ritratto di Dorian Gray

BUR, 02/07/2019

Abstract: Sono geloso del ritratto che mi avete dipinto. Perché mai dovrebbe conservare ciò che io perderò? Se solo potesse esser vero il contrario! Se fosse il quadro a cambiare, e io rimanere tale e quale sono ora!

I miei ultimi 10 minuti e 38 secondi in questo strano mondo
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Shafak, Elif

I miei ultimi 10 minuti e 38 secondi in questo strano mondo

Rizzoli, 25/06/2019

Abstract: La chiamavano Leila Tequila a casa e al lavoro, nell'edificio color palissandro sulla viuzza cieca che acciottolava giù verso il porto, annidata fra una chiesa e una sinagoga, negozi di lampadari e kebabberie: il vicolo che ospitava i più antichi bordelli autorizzati di Istanbul.Dieci minuti e trentotto secondi dopo che il cuore di Leila smette di battere la sua mente è in piena coscienza e quello che accade è sorprendente: scene cruciali della sua esistenza rivivono attraverso il ricordo dei sapori più intensi che abbia mai provato. Lo stufato della capra che suo padre aveva sacrificato per celebrare la tanto attesa nascita di un figlio maschio; la miscela di zucchero e limone che sobbolliva sul fornello, usata dalle donne per la ceretta mentre gli uomini andavano a pregare nella moschea; il caffè scuro e forte al cardamomo, per sempre legato alla via dei bordelli Leila sta morendo, ma la sua anima lavora, implorando di essere salvata mentre abbandona il corpo. Ma cosa è successo a Leila, la prostituta, trovata cadavere di fronte a un campo di calcio umido e buio, dentro un bidone dell'immondizia con i manici arrugginiti? Elif Shafak ritorna con un romanzo duro e luminoso, dettato da una necessità ineludibile, un romanzo che ospita la realtà tutta. Ed erige davanti ai nostri occhi una città lacerata e nervosa, affamata di libertà, una città femmina che salva e condanna.

La serva e il lottatore
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Castellanos Moya, Horacio

La serva e il lottatore

Rizzoli, 25/06/2019

Abstract: È mattino quando Albertico e Brita spariscono. La prima che se ne accorge è María Elena, l'anziana domestica che arrivando a casa loro la trova vuota; ed è lei che per dare una mano alla famiglia deve chiedere aiuto a un uomo che appartiene al suo passato: El Vikingo, un ex lottatore, ora poliziotto al servizio del regime salvadoregno. Spera di ottenere da lui informazioni sulla sorte della coppia, ma il tentativo la sprofonda in prima persona, lei, vecchia serva con le vesciche ai piedi, nel gorgo della guerriglia che infiamma le strade del Paese, tra studenti mascherati e barricate, e gente uscita per vendere un cesto di verdura e colpita a morte da un proiettile. Romanzo duro sorretto da una lingua asciutta e vigorosa che assalta il lettore di continuo, La serva e il lottatore è una ripida discesa, senza riparo, in un paesaggio dolorosamente assolato e buio fatto di appetiti rivoluzionari e ferite insanabili. Un magistrale quadro della storia recente del Centroamerica che, dipingendo poche vite in uno spazio di tempo contratto e denso, basta a distillare l'orrore di San Salvador nel 1980, quando la guerra civile cominciava.

Gli accordi di Stradivari
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Ghizzoni, Marco

Gli accordi di Stradivari

Tea, 20/06/2019

Abstract: Cremona, città di violini e liutai, è sconvolta: lo Stradivari Conte De Fontana del 1702, violino di inestimabile valore, è scomparso. Brutto affare per il commissario Valentina Raffa, poliziotta giovane e sexy in preda all'ennesima delusione d'amore e in perenne lotta contro le battutine e i goffi tentativi di abbordaggio del suo capo, il questore De Paoli Ambrosis. Come se non bastasse, ci si mette anche uno svampito liutaio olandese, Peter van Basten, che prima la seduce con la sua aria esotica e poi l'abbandona nel bel mezzo del primo appuntamento, sparendo misteriosamente. Per sua fortuna, il commissario Raffa è troppo impegnata per mettersi sulle sue tracce: c'è in gioco un simbolo della città e, soprattutto, la sua reputazione.Nonostante il paziente aiuto del collega, l'ispettore Davide Tranquillo, segretamente innamorato di lei, per "la Raffa" il caso si fa sempre più intricato, tra ricatti, foto compromettenti, pedinamenti e vendette…E in una tranquilla città di provincia, dove tutti si conoscono, tra pettegolezzi e bevute al bar, Marco Ghizzoni mette in scena un'insolita commedia tinta di giallo, dando vita a personaggi che sarà difficile dimenticare.

Il celeste confine. Leopardi e il mito moderno dell'infinito
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Folin, Alberto

Il celeste confine. Leopardi e il mito moderno dell'infinito

Marsilio, 04/07/2019

Abstract: Per tutta la sua breve ma intensissima vita, Leopardi non smise mai di pensare al mito, concependolo non soltanto come un modo di manifestarsi della sapienza antica, appartenente all'infanzia del mondo e innervante il procedere epocale della storia umana (come pensava ad esempio Gian Battista Vico), né solo come una semplice espressione della soggettività volta a esorcizzare il terribile della natura, ma piuttosto come una modalità ontologica di darsi delle cose stesse, potendo sopravvivere solo in un paesaggio in penombra, non abbagliato da alcuna illuminazione diretta. Dopo aver tracciato per linee essenziali il dibattito su mito e mitologia nell'Europa del xviii secolo, l'autore avanza una nuova lettura dell'Infinito, collocando questo capolavoro assoluto della letteratura universale all'interno di un duplice contesto: quello della formazione poetica e filosofica di Leopardi e quello dell'epoca romantica italiana ed europea in cui il poeta visse. Se nella modernità i fenomeni sono diventati oggetto di studio delle scienze della natura, perdendo così la loro vitalità irriducibile al concetto, il sentire persuaso degli antichi non potrà più essere riproposto per evocare l'apparire delle cose nella forma di figure mitologiche non più credibili, come i fauni o le ninfe, Dafne o Procne ecc. Mentre nel corso del xix secolo sta avviandosi al tramonto la grande stagione del sublime riesumata dalla tarda antichità, Leopardi – attingendo alle radici più profonde dell'Umanesimo italiano – pensa la sopravvivenza del mito nella rappresentazione di quella sottile linea impalpabile, ma intensamente viva – "il celeste confine" divenuto poi "l'ultimo orizzonte" – che separa e unisce il visibile e l'invisibile, per evocare l'irrappresentabile proprio dell'arte e del pensiero moderni.

Racconti del crimine
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Tanizaki, Junichiro - Bienati, Luisa

Racconti del crimine

Marsilio, 11/07/2019

Abstract: Filo conduttore di questa avvincente selezione di sei racconti del periodo giovanile di Tanizaki è il genere del romanzo poliziesco. Per la strada (1920) era stato accolto da Edogawa Ranpō, il padre del mystery giapponese, come "un'opera che ha fatto epoca nel tantei shōsetsu [romanzo poliziesco] e di cui possiamo andare fieri davanti agli occidentali". Come Tanizaki stesso afferma, che in questi racconti il crimine ci sia o non ci sia è un problema secondario: "anche se fosse proprio obbligatorio far accadere un crimine, non sarebbe comunque necessario arrivare a uccidere". L'intenzionalità dell'autore non è solo sperimentare il modello classico del poliziesco o le sue varianti – il delitto, l'indagine, la scoperta del colpevole o la soluzione del caso –, ma costruire la trama del romanzo come in un effetto di trompe-l'oeil, per ingannare lo sguardo del lettore. Il romanzo deve avere una trama interessante e suscitare l'interesse del pubblico. Il metodo scientifico-deduttivo del "poliziesco logico" offre la possibilità da un lato di sperimentare quella che Tanizaki definisce la "bellezza architettonica" del romanzo, dall'altro di coinvolgere il lettore nella scoperta della verità, sapendo che a questa non si arriva d'un tratto, ma gradualmente e in modo parziale, grazie a una serie di induzioni e deduzioni che si intrecciano e che alla fine portano alla rivelazione.

Ritorno in Russia. Discorsi e conversazioni (1994-2008)
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Solzenicyn, Aleksandr - Rapetti, Sergio

Ritorno in Russia. Discorsi e conversazioni (1994-2008)

Marsilio, 27/06/2019

Abstract: Venticinque anni fa siamo tornati in un nuovo paese. Io incontravo quella società nella quale il volere della sorte mi aveva fatto nascere ma non crescere. Non avevo particolari associazioni d'idee col passato e neppure rappresentazioni del possibile futuro di quei luoghi. Ne facevosemplicemente la conoscenza. Ma per mio padre tutto era ovviamente molto più complicato. Nonostante la sua esperienza personale e la conoscenza del passato, sognava una Russia del futuro guarita dai suoi mali. Lo spiegava così: anche in assenza di evidenti motivi per essereottimista, l'incontro di quell'estate con centinaia di persone gli aveva restituito forze e fede. Era tornato a casa, e la sua casa era quanto aveva di più caro. Nei successivi quattordici anni non era più uscito dai confini del paese". Gli interventi, qui raccolti e tradotti per la prima volta in Italia, introdotti da uno scritto del figlio Ermolaj e curati da Sergio Rapetti, contengono le riflessioni che Aleksandr Solženicyn maturò negli ultimi anni della sua vita, in cui la prima e pressante preoccupazione fu tornare a parlarecon la gente, ricomporre il quadro della situazione economica e sociale della Russia, per riprenderne la narrazione da dove si era interrotta. Non smise di evidenziarne eccessi e contraddizioni, di proporre letture che dessero conto delle mille facce di quella società: nazionalismo, panrussismo e rapporto con l'Occidente. Come ebbe a scrivere Vittorio Strada, "in questo mondo imprevedibile Solženicyn è un possibile orientamento tra i pochi superstiti. Leggerlo, tra consenso e dissenso, aiuta a vincere il vuoto dell'indifferenza e a cercare una via verso qualcosa che non c'è più o forse non c'è ancora"

Harmony Destiny (2019)
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Mann, Catherine - Rock, Joanne - Dimon, Helenkay - Laurence, Andrea

Harmony Destiny (2019)

HarperCollins Italia, 20/06/2019

Abstract: QUESTO COFANETTO CONTIENE 4 ROMANZI ATTRAZIONE FUORI CONTROLLO di C. MannUn'inaspettata notte di passione cambia il rapporto tra Trystan e Isabeau. Sono trascinati in un'altalena di passione e parole non dette, desiderio e paure legate al passato. Una proposta potrebbe cambiare tutto... ma non ci sarà nessun sì senza un'unica, imprescindibile condizione. PASSIONE E RICORDI di J. RockDamon McNeill è un uomo potente, abituato a comandare e a comprare tutto con il denaro. Quel che non può acquistare, però, sono l'amore e la fiducia della moglie Caroline, che una notte scompare senza lasciare alcuna traccia. E ora che è davanti alla sua porta, come può lasciarla entrare nella sua vita?I DUE VOLTI DELLO SCANDALO di H. DimonSpencer Jameson torna nell'impresa di famiglia dopo un anno di lontananza durante il quale ha fatto i conti con lo scandalo seguito al tradimento da parte della sua assistente, e allora amante, Abigail. Nonostante le incomprensioni, l'attrazione tra i due è più viva che mai. FRAMMENTI DI UNA NOTTE di A. LaurenceViolet e Aidan hanno passato un fine settimana di irrefrenabile passione, cui ha fatto seguito un incidente che ha cancellato la memoria a breve termine di Violet. La donna non rammenta nulla, finché il caso, un anno e mezzo più tardi, non le fa incrociare nuovamente la strada di quel sensuale irlandese.

La rete
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Allegrini, Sara

La rete

Mondadori, 12/06/2019

Abstract: La notte nel bosco risuonano solo fruscii, grida quasi umane e il battito accelerato dei cuori di Daniel, Maddalena ed Eliah. Nelle loro teste la stessa domanda martella feroce: come sono finiti lì, soli? Non c'è cibo, non c'è acqua, non c'è il cellulare per chiedere aiuto. È impossibile credere che le loro famiglie abbiano deciso di abbandonarli. Due occhi li spiano da dietro gli alberi e ogni giorno, quando si svegliano, trovano un biglietto che gli dice cosa fare: proprio a loro, che non hanno mai rispettato una regola, abituati a vivere oltre il limite. Ma se piegarsi e obbedire a uno sconosciuto fosse l'unico modo per salvarsi dall'incubo in cui sono precipitati? Un romanzo che rapisce e sorprende dove, come nella vita vera, non sempre tutto finisce bene.

Minecraft. Le cronache della spada - 1. Squadra Mob!
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Eliopulos, Nick - Casarini Alice

Minecraft. Le cronache della spada - 1. Squadra Mob!

Mondadori, 11/06/2019

Abstract: Cinque ragazzi appassionati di Minecraft hanno un segreto: la loro stravagante insegnante di Scienze ha costruito degli occhiali VR in grado di trasportarli dentro il gioco! Dovranno fare squadra e usare tutte le loro conoscenze per ottenere risorse e soprattutto proteggersi dai mob ostili, perché ora sopravvivere non è più un gioco...

Corpi medievali. La vita, la morte e l'arte
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Hartnell, Jack - Bianco Luca

Corpi medievali. La vita, la morte e l'arte

Einaudi, 18/06/2019

Abstract: Che rapporto ebbero gli uomini e le donne medievali con il proprio corpo? Come in un fantastico corteo, questo saggio sorprendente chiama a raccolta medicina, arte, poesia, musica, politica, filosofia e storia culturale e sociale per rivelare l'effettiva condizione di chi nel Medioevo visse e morí.Le vite degli uomini e delle donne medievali erano per molti versi simili alle nostre, ma allo stesso tempo erano colme di esperienze miracolose e metaforiche radicalmente diverse. Si viveva in un'epoca in cui le ferite mortali potevano essere guarite durante la notte per opera di un intervento divino, oppure il cuore di un re, estratto dal cadavere, veniva utilizzato come efficace emblema del potere politico. Grondante sangue e oro, feticizzato e torturato, porta d'accesso alle delizie terrene e punto di contatto con il divino, fatto a pezzi ma potente persino oltre la morte: nel mondo medievale non esisteva terreno piú fecondo e simbolico di quello del corpo.In Corpi medievali, lo storico dell'arte Jack Hartnell svela i modi complessi e affascinanti attraverso i quali la gente del Medioevo pensava, esplorava e sperimentava la propria fisicità. Nei dipinti e nei reliquiari che celebravano i martiri dei santi, sovente bizzarri, la dimensione sacra del corpo lasciava un segno tangibile. Nella letteratura e nella politica, i cuori e le teste divennero potenti metafore che modellavano i sistemi di governo e la società in modi che perdurano ancor oggi. I medici e i filosofi naturali incrociavano secoli di sofisticate conoscenze mediche, mettendo spesso in pratica un'ignoranza della fisiologia tanto profonda quanto macabra nei suoi risultati."Un racconto straordinario e uno studio meravigliosamente ricco sul Medioevo... Un libro splendidamente illustrato che riesce in modo brillante a dar vita a un periodo molto poco compreso... Un trionfo di cultura"."The Guardian"

Analfabeti sonori. Musica e presente
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Boccadoro, Carlo

Analfabeti sonori. Musica e presente

Einaudi, 18/06/2019

Abstract: L'avvento di Internet ha rappresentato una vera e propria rivoluzione nel mondo della musica. L'opportunità strabiliante di usare linguaggi musicali provenienti da ogni tempo e luogo ha rimescolato il concetto stesso di composizione, aprendo un ampio ventaglio di fusioni stilistiche e contaminazioni. Ciò presuppone grande responsabilità da parte del compositore, nonché il rischio di incorrere nell'esplorazione superficiale di un catalogo cosí pericolosamente vasto, smarrendo un requisito fondamentale: il senso critico. La soglia di attenzione e la capacità di concentrazione diminuiscono progressivamente di fronte alla logica di Spotify, un incessante crossover tra generi, che intacca l'archetipo di "storia musicale". I componimenti che richiedono un tempo d'ascolto lungo e ponderato mal si conciliano con questo metodo spasmodico. È ancora possibile qualche forma di resistenza alla continua accelerazione della fruizione musicale, arrestando cosí la nostra trasformazione in veri e propri analfabeti sonori?

Filosofia in pratica e pratica in filosofia. Una autobiografia filosofica
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Borrello, Giovanna

Filosofia in pratica e pratica in filosofia. Una autobiografia filosofica

Liguori Editore, 01/01/2019

Abstract: Filosofia in pratica e pratica in filosofia è, come direbbe Jaspers, una "autobiografia filosofica", poiché raccoglie articoli, saggi e interventi a Convegni, a partire dagli anni '70 fino ai giorni nostri, che segnano le tappe dello sviluppo della riflessione filosofica di Giovanna Borrello. Ma gli eventi, gli incontri, le esperienze di vita e i rapporti con la politica, qui narrati, non rispecchiano solo l'autrice, ma anche le tensioni di una intera generazione di donne, che ha attraversato gli ultimi decenni del Novecento e i primi anni del nuovo millennio, muovendosi, nel segno della differenza sessuale, tra contemplazione e pratica, tra pensiero e azione.

Ludi africani
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Jünger, Ernst

Ludi africani

Guanda, 22/08/2019

Abstract: È il 1913. Ernst Jünger, diciottenne, fugge da scuola, acquista una rivoltella, attraversa in treno il confine con la Francia presentandosi a un ufficio di reclutamento della legione straniera a Verdun. Poco tempo dopo eccolo in viaggio, con rissosi compagni, per Marsiglia; di qui l'imbarco per la costa africana. Il giovanissimo Jünger passerà sei settimane nella legione, chiudendo la sua fuga quando un intervento del padre dalla Germania provocherà il suo congedo. Un anno dopo si arruolerà di nuovo, ma nell'esercito tedesco, e andrà a combattere sul fronte occidentale la sua guerra, tra le "tempeste d'acciaio" che daranno il titolo a un libro memorabile. Fuggito da un'agiata esistenza di studente per poter vivere "arbitrariamente", Jünger farà la conoscenza, fra le mura di un fortino della legione, di quella speciale follia – seppur qui stemperata dal clima dell'avventura, dal colore dell'esotismo – che emana da un mondo chiuso di uomini in armi: un mondo insieme regolato e senza vera legge. Soprattutto, sperimenterà i limiti dell'avventura individuale, l'impossibilità di darsi un destino tutto personale; in realtà, egli è indotto a concludere, "nessuno può vivere arbitrariamente". Ma l'Africa è anche, per lui, il primo luogo in cui può scoprirsi osservatore – straordinariamente dotato – di una realtà al di là della vicenda attuale e contingente: il paesaggio, con il suo fascino immediato e la profondità del tempo che racchiude. E così, in questi Ludi africani, si rivela già in tutta la sua mirabile forza percettiva il "contemplatore solitario".

Salute circolare. Una rivoluzione necessaria
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Capua, Ilaria

Salute circolare. Una rivoluzione necessaria

Egea, 29/05/2019

Abstract: Un "conto alla rovescia" che si trasforma in un intrigante viaggio nel tempo – da Ippocrate ai no-vax, dalla peste nera alla creazione dei lazzaretti – alla scoperta del ruolo della trasversalità e della circolarità nelle grandi conquiste della salute di cui oggi godiamo. I protagonisti di questo libro sono quei visionari, coraggiosi, determinati o solo fortunati, che in epoche diverse hanno scoperto, per caso o per intuito, universi così vasti da andare ben oltre i confini dell'immaginazione. Dalle loro storie emerge con chiarezza come la conoscenza e lo studio dei meccanismi che generano salute si espandano grazie alla potenza del pensiero laterale. È l'interdisciplinarietà che ha consentito di aprire campi immensi da esplorare e approfondire, andando con il tempo a costituire i pilastri della salute. La trasformazione digitale ci impone di ripensare alcuni percorsi e di proporne di nuovi e rivoluzionari, per arrivare a un maggior equilibrio con gli animali, con le piante e con l'ambiente che ci accoglie nel suo complesso. La sfida è quella di riconoscere che la salute è un sistema di vasi comunicanti, che può essere migliorato grazie a un'innovazione responsabile che miri a rigenerare l'equilibrio. Proprio come diceva Ippocrate.

Digital selling. Scenari, strategie e case history per creare un mercato digitale in cui valorizzare il Made in Italy e vendere in tutto il mondo
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Mangilli, Andrea - Trussardi, Alberto

Digital selling. Scenari, strategie e case history per creare un mercato digitale in cui valorizzare il Made in Italy e vendere in tutto il mondo

Egea, 11/06/2019

Abstract: Vendere attraverso il digitale è la sfida che attende il sistema-Italia e le sue aziende. La valorizzazione del Made in Italy passa infatti da una diffusione capace di raggiungere persone e mercati lontani e far crescere le PMI sul nostro territorio. La digital transformation è appena cominciata e l'innovazione dei processi produttivi e commerciali richiede competenza e visione d'insieme. Costruire strategie di digital selling significa combinare e-commerce, mobile commerce e retail, per un obiettivo comune: mettere il cliente al centro, garantendogli una shopping experience che lo faccia sentire unico. Ricco di storie di piccole e grandi imprese, il libro è un viaggio nell'innovazione e nella creatività del saper vendere, da sempre punto di forza delle nostre imprese e oggi opportunità strategica per il loro rilancio.

Il buio non fa rumore
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Fox, Candice

Il buio non fa rumore

Piemme, 18/06/2019

Abstract: In un posto come Crimson Lake puoi nasconderti. Ricominciare.A patto che tu non abbia paura del buio.Il detective Ted Conkaffey ha già vissuto molte vite. La prima era quella di un normale poliziotto a Sydney, che amava il lavoro e la famiglia. Finché, alle 12.47 di un giorno qualunque, la sua macchina non è stata vista accostarsi a una fermata d'autobus. Alle 12.52 la ragazzina di tredici anni che aspettava quell'autobus è scomparsa. Così, in cinque minuti, tutto è cambiato per Ted Conkaffey. È diventato l'uomo che ha rapito e fatto del male alla piccola Claire Bingley, sebbene, per mancanza di prove, non si sia mai arrivati nemmeno a processo. Pur innocente, Ted ha perso tutto: la famiglia, l'amore, e ovviamente la reputazione. È per questo che adesso si è ritirato a Crimson Lake, tra le paludi della costa orientale, a nord di Sydney: tra l'oceano e il deserto, è un posto dove i coccodrilli si muovono silenziosi nel buio, un posto che sembra fatto apposta per nascondersi. O per scappare da se stessi, ammesso che sia possibile.Ed è qui che, sorprendentemente, il suo avvocato gli presenta qualcuno che ha bisogno proprio di lui. Amanda Pharrell, detective privata. Accusata di omicidio. Reduce da dieci anni di prigione. Nessuno come Amanda sa cosa vuol dire scappare da se stessi. O ricominciare, se è per questo...Dall'autrice numero uno in Australia, una nuova, irresistibile coppia di detective, pronta a condurvi in un'indagine intricata e avvincente, e a farvi venire voglia di vederli al più presto ancora in azione.

Cronaca di un crollo annunciato. Genova 14 agosto 2018
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Manzitti, Franco

Cronaca di un crollo annunciato. Genova 14 agosto 2018

Piemme, 18/06/2019

Abstract: Genova, 14 agosto 2018 "Potevo esserci anch'io". Quanti di noi si sono fatti sgomenti questa domanda dopo le 11.36 del 14 agosto 2018? Il Ponte Morandi non era solo "il ponte levatoio" di Genova, ma l'accesso alla riviera, alle vacanze, agli affari del porto e della zona industriale. Per questo la tragedia poteva essere ancora più immane. Se non fosse stata la vigilia di Ferragosto, se avesse fatto bel tempo, se il Ponte fosse crollato sopra i condomini con oltre 700 persone…Su quell'asfalto percorso da un traffico superiore alle sue forze, che si è sbriciolato in una valle piena di lacrime, quel 14 agosto la città è cambiata per sempre. Si è spaccata in due come quel gigante di cemento armato, con un dolore impossibile da cancellare. Eppure, in quello stesso momento un popolo intero si è ritrovato nella voglia di combattere e ricostruire.Nessuno può raccontare quel dramma meglio di un genovese, uno che quelle strade le ha vissute, respirate - e poi studiate per lavoro -, sin dal 1989. Da quando un assessore della giunta comunale, di ritorno da Roma, gli confida: "Quel Ponte non ce la fa più, è a rischio crollo". Nello stesso anno, l'ingegner Riccardo Morandi, preoccupato più di tutti per la propria opera, ripeteva come un mantra ai suoi collaboratori: "Controllate quel Ponte, verificate il cemento". Come si tiene d'occhio un figlio che prende una cattiva strada.Con animo da cronista, grazie anche alle testimonianze dirette dei protagonisti, Franco Manzitti entra negli angoli più nascosti. E svela tutto quello che è davvero successo. Prima e dopo. Lì dove permane quel tonfo sordo e indimenticabile, che ha rimbombato per giorni in tutto il mondo.

L'abito del mistero
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Stilton, Tea

L'abito del mistero

Piemme, 11/06/2019

Abstract: A una settimana dal matrimonio, l'abito da sposa di Irina, la sorella della nostra amica Tanja... scompare nel nulla da una stanza chiusa a chiave! Ma chi può averlo preso? E perché? Dobbiamo riuscire a scoprirlo in tempo per le nozze!

Le regole dei motoneuroni
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Fontana, Alberto

Le regole dei motoneuroni

Mondadori Electa, 18/06/2019

Abstract: È il primo weekend di primavera. Alberto e sua figlia fanno visita al nonno per onorare una tradizione di famiglia: la prima partita a scacchi dell'anno, all'aperto. Nel silenzio delle lunghe pause tra una mossa e l'altra, i ricordi affiorano. Storie di vita vera si avvicendano sullo sfondo delle sessantaquattro case: Daniele, l'alfiere; Marco e sua madre, la regina; Aldo, il cavallo; Monica, la torre. Ognuno ha il suo ruolo e la sua sfida. Come pezzi da scacchiera, tutti lottano secondo le regole con i mezzi che hanno. Alberto, Daniele, Aldo, Marco e Monica hanno qualcosa in comune: combattono contro una diagnosi importante, la malattia del motoneurone. Tutti giocano la loro partita con il destino per la realizzazione del loro essere con la consapevolezza che vale sempre la pena rischiare, soprattutto quando l'avversario è temibile. Un racconto autentico che insegna a non arrendersi, a essere sempre pronti a cambiare strategia per tornare in partita.