Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Livello Collezioni
Includi: tutti i seguenti filtri
× Lingue Latino
× Livello Monografie

Trovati 33929 documenti.

Risultati da altre ricerche: Catalogo della Rete Bibliotecaria Vicentina

Mostra parametri
Anecdota rustica
0 0 0
Libri Moderni

Anecdota rustica : textus minores ad aedificationem pertinentes prout in codicibus saec. 8.-10. asseruati sunt / cura et studio Javier Soage

Turnhout : Brepols, 2022

Corpus Christianorum. Continuatio Mediaevalis

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0
Hagiographica hispana regnorum Aragonum et Castellae Legionisque saeculorum 9.-13.
0 0 0
Libri Moderni

Hagiographica hispana regnorum Aragonum et Castellae Legionisque saeculorum 9.-13. : vitae sanctorum, inventiones et translationes, Libri miraculorum, Hymni / cura et studio José Carlos Martín-Iglesias ... [et al.] ; praefationem praemisit Carmen Codoner

Turnhout : Brepols, 2022

Corpus Christianorum. Continuatio Mediaevalis

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0
Numa
0 0 0
Libri Moderni

Numa : i culti, i confini, l'omicidio / a cura di Luigi Garofalo

Bologna : Il mulino, 2022

I re e il diritto

Abstract: Nel corso del suo lungo e quieto regno Numa, il saggio e pio sabino che stando alla tradizione succede a Romolo, innova profondamente l'ordinamento giuridico di Roma. Il secondo re crea una miriade di norme organizzative e precettive, volte a garantire la pace nei rapporti tra gli uomini e tra loro e le divinità che popolano la città. Spiccano tra queste, accanto alle prescrizioni istitutive di collegi sacerdotali e di culti, le disposizioni legislative che reprimono la violazione dei confini attuata tramite lo spostamento o la rimozione delle pietre poste sugli stessi, la condotta della concubina che tocca l'altare o il tempio di Giunone e infine l'omicidio: graduando la sanzione a carico del reo in relazione alla volontarietà o meno dell'azione criminosa.

Le metamorfosi / Publio Ovidio Nasone ; traduzione e introduzione di Guido Paduano ; commento di Luigi Galasso ; apparato iconografico a cura di Luca Bianco. Vol. 1. / Publio Ovidio Nasone
0 0 0
Libri Moderni

Le metamorfosi / Publio Ovidio Nasone ; traduzione e introduzione di Guido Paduano ; commento di Luigi Galasso ; apparato iconografico a cura di Luca Bianco. Vol. 1. / Publio Ovidio Nasone

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0
Le metamorfosi / Publio Ovidio Nasone ; traduzione e introduzione di Guido Paduano ; commento di Luigi Galasso ; apparato iconografico a cura di Luca Bianco. Vol. 2.
0 0 0
Libri Moderni

Le metamorfosi / Publio Ovidio Nasone ; traduzione e introduzione di Guido Paduano ; commento di Luigi Galasso ; apparato iconografico a cura di Luca Bianco. Vol. 2. / Publio Ovidio Nasone

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0
L'anima e la sua origine
0 0 0
Libri Moderni

Augustinus, Aurelius <santo>

L'anima e la sua origine / Agostino di Ippona ; introduzione, traduzione e note di commento a cura di Enrico Moro ; testo latino a fronte a cura di Giovanni Catapano

Roma : Città Nuova, 2022

Nuovi testi patristici

Abstract: Da dove viene l'anima di ciascuno di noi? Questo enigma è al centro del De anima et eius origine, un'opera di Agostino ingiustamente trascurata e qui riproposta in una nuova traduzione annotata. L'opera in quattro libri fu composta tra il 419 e il 420, in risposta alle critiche di un giovane cattolico ex rogatista di nome Vincenzo Vittore. Agostino (354-430) espone le proprie convinzioni mature intorno all'anima umana coniugando sapientemente argomentazione razionale ed esegesi scritturistica, da un lato rivendica la propria certezza sulla natura incorporea dell'anima creata da Dio, dall'altro sottolinea come sia necessario sospendere prudentemente il giudizio sulla questione, secondaria ai fini della salvezza, della sua origine.

La dignità dell'uomo
0 0 0
Libri Moderni

Pico della Mirandola, Giovanni

La dignità dell'uomo / Giovanni Pico della Mirandola ; a cura di Raphael Ebgi ; traduzione di Francesco Padovani

Torino : Einaudi, 2021

Nuova universale Einaudi. Nuova serie

Abstract: Nel 1486 Pico scrisse l'introduzione a quelle Conclusiones che avrebbero dovuto essere discusse davanti ai sapienti della Chiesa, ma che finirono invece accusate di eresia, come il loro autore. Originariamente senza titolo, il testo venne denominato Oratio de hominis dignitate dall'edizione di Strasburgo del 1504. Dimenticato per piú di due secoli, venne riscoperto tra Ottocento e Novecento diventando una specie di manifesto dell'Umanesimo. Ora che le idee ottocentesche e primo-novecentesche sul Rinascimento e certe forzature interpretative dell'Oratio appaiono superate si può rileggere Pico reinnestando il suo pensiero nella temperie teologica della sua epoca. Ma la sua antropologia e la sua idea di cultura restano un vertice della filosofia italiana e continuano ad avere molto da dire anche nel nostro tempo.

Muta eloquenza
0 0 0
Libri Moderni

Niccoli, Ottavia

Muta eloquenza : gesti nel Rinascimento e dintorni / Ottavia Niccoli

Roma : Viella, 2021

La storia. Temi

Abstract: I nostri gesti, i gesti di oggi e quelli di cinque secoli fa, sono un dato fisiologico e costante nel tempo e nello spazio oppure sono influenzati dal contesto in cui vivono le donne e gli uomini che li compiono? E che cosa ci dicono le opere d'arte del Rinascimento sulla gestualità del loro tempo - e quindi sulla vita quotidiana, sulla devozione, sulla conquista e la definizione del potere, sui sentimenti vissuti o descritti? Cercando di rispondere a queste domande e ad altre correlate, questo libro tenta di tracciare un sentiero diverso da quelli consueti per entrare nella vita di un passato lontano dell'Europa e dell'Italia. Su quel sentiero ci imbattiamo in papi, sovrani, devoti, ma anche in giullari, ragazzi, pittori, figure del mondo inca, ebrei, sposi, esorcisti, e molti altri personaggi che ci vengono incontro cercando di farsi intendere da noi, uomini e donne d'oggi.

Belluno
0 0 0
Libri Moderni

Bacchetti, Enrico

Belluno : dal dominio visconteo alla prima dedizione a Venezia (1404) / Enrico Bacchetti

Venezia : Istituto veneto di scienze, lettere ed arti, 2021

Abstract: Nella primavera del 1404, caduto il dominio dei Visconti, attraverso un atto di dedizione Belluno entra per la prima volta (la seconda e definitiva sarà nel 1420) nell'orbita veneziana. Tuttavia, tale passaggio non avviene senza scossoni. Nella latitanza del potere milanese e di quello vescovile, la pars guelfa pensa infatti di cogliere l'occasione per traghettare con la forza la città e il suo distretto verso la signoria carrarese. La sollevazione è presto sedata anche grazie all'appoggio delle sopraggiunte truppe veneziane e conduce ad un processo al termine del quale i ghibellini ristabiliscono l'ordine in città, da una parte attraverso la ricomposizione delle discordie e dall'altra tramite il passaggio sotto le insegne veneziane. Questa fase particolarmente delicata della storia cittadina è raccontata in termini ufficiali in un manoscritto qui edito, redatto dal notaio Antonio de Biçeriis e conservato nell'Archivio storico del Comune di Belluno.

L'avventura di un povero cavaliere del Cristo
0 0 0
Libri Moderni

Cardini, Franco <1940- >

L'avventura di un povero cavaliere del Cristo : frate Francesco, Dante, madonna Povertà / Franco Cardini

Bari ; Roma : Laterza, 2021

I Robinson. Letture

Abstract: Un giovane di Assisi era figlio di un ricco mercante e banchiere (nonché, forse, usuraio). Il padre, che lo conduceva con sé nei suoi viaggi d'affari in Francia, volle rinominarlo 'Francesco' in omaggio alla dolce terra della poesia cortese, che il ragazzo amava. Francesco non era né nobile né particolarmente bello e il suo fisico era fragile, cagionevole. Ma era ricco, brillante, affascinante, spiritoso, sapeva cantare, suonare e danzare: era il 'principe della gioventù' della sua città. Sognava la gloria, le imprese cavalleresche in paesi lontani, l'amore. Poi venne la lotta civile nella sua città, alla quale prese parte, e infine la guerra contro Perugia: combatté, forse uccise, restò alcuni mesi prigioniero. Quando tornò a casa, gli amici avrebbero voluto vederlo riprendere la vita spensierata di prima. Ma non era più lui. Il contatto con la guerra e con il dolore lo aveva cambiato. Una volta incontrò un lebbroso: la lebbra gli aveva sempre fatto paura e orrore. Ma quel giorno scese da cavallo e abbracciò quel miserabile. Da allora, sarebbe diventato cavaliere del Cristo.

De re uxoria
0 0 0
Libri Moderni

Barbaro, Francesco <1390-1454>

De re uxoria / Francesco Barbaro ; a cura di Claudio Griggio e Chiara Kravina

Firenze : Olschki, 2021

Studi e testi

Abstract: Composto a Venezia e donato per le nozze fiorentine di Lorenzo de’ Medici il Vecchio con Ginevra Cavalcanti (1416), il De re uxoria di Francesco Barbaro è il primo trattato rinascimentale incentrato sulle qualità della donna e sui compiti di gestione della famiglia. Divenne ben presto una sorta di best seller, affiancandosi, tradotto e diffuso in tutta Europa, alle opere affini dello pseudo-Plutarco e di Pier Paolo Vergerio in quella che Eugenio Garin definì una ‘trilogia pedagogica’ di età umanistica. Il trattato, che congiunge idealmente l’élite culturale e politica di Venezia e Firenze, ha avuto un’enorme influenza come interpretazione del modello familiare dell’aristocrazia veneziana in cui la tradizione e gli usi locali sono aggiornati e nobilitati grazie al confronto con i modelli classici proposti dalla nuova cultura umanistica, di cui Barbaro e il suo maestro Guarino Veronese furono a Venezia i principali promotori. Alla fortuna dell’opera contribuirono l’eleganza dello stile e quel gusto per la concretezza che sa servirsi anche dell’aneddotica antica e contemporanea per creare sapide descrizioni: qualità che ancora oggi rendono gradevole la lettura di un testo importante per la storia del costume e della cultura occidentale. Francesco Barbaro (1390-1454) fu tra i maggiori esponenti della civiltà letteraria veneziana e anche europea. A un’intensa attività diplomatica al servizio della Serenissima seppe sapientemente affiancare l’impegno letterario. Oltre al De re uxoria, a sua firma restano una traduzione latina delle Vitae plutarchee di Aristide e di Catone il Vecchio, nonché un ricco Epistolario che è testimonianza dei legami di amicizia e di collaborazione intellettuale coltivati con i protagonisti delle sedi in cui ricoprì importanti incarichi politici e con i rappresentanti della nuova res publica litteraria, tra i quali Guarino Veronese, Leonardo Bruni, Poggio Bracciolini e Ambrogio Traversari. Svolse un ruolo centrale nel ritorno della lingua e letteratura greca in Italia.

Pseudo-Sisberti Toletani Opera omnia
0 0 0
Libri Moderni

Pseudo Sisbertus : Toletanus

Pseudo-Sisberti Toletani Opera omnia / cura et studio Álvaro Cancela Cilleruelo

Turnhout : Brepols, 2021

Corpus Christianorum. Continuatio Mediaevalis

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: L' Exhortatio poenitendi ( CPL 1227), il Lamentum poenitentiae ( CPL 1533) e l' Oratio pro correptione uitae ( CPL 1228) costituiscono un corpus altomedievale di temi penitenziali, tradizionalmente impressi tra le opere spurie di Isidoro di Siviglia. I primi due sono testi poetici: l' Exhortatio è composta in un particolare tipo di esametri ritmici, mentre il Lamentum è un inno alfabetico nei settenari ritmici trocaici . L' Oratio , da parte sua, è un'opera in prosa messa in bocca al peccatore pentito. Usando i sinonimi di Isidoro di Siviglia, tra le altre fonti, l'autore sviluppa un'esortazione alla penitenza composta nello stile sinonimico reso popolare dall'opera isidoriana. La moderna attribuzione al vescovo Sisberto de Toledo, deposto nel 693, è stata proposta da Justo Pérez de Úrbel nel 1926. Il suo successo iniziale ha svelato la denominazione, progressivamente messa in discussione e oggi rifiutata; il suo nome è conservato come semplice designazione. Le testimonianze disponibili, infatti, non puntano verso un'origine ispanica, ma verso un autore italiano o gallico della s. VIII d. C. La presente edizione, basata su un nuovo studio diretto dell'intera tradizione conosciuta, offre il primo testo critico completo del corpus.

History of the Venetian Dukes (1102-1229)
0 0 0
Libri Moderni

History of the Venetian Dukes (1102-1229) : with an appendix of brief venetian historical texts / edition and translation by Luigi Andrea Berto

Venezia : Centro di Studi Medioevali e Rinascimentali E.A. Cicogna, 2021

Medioevo e Rinascimento. Testi

Abstract: The 12. and early 13. centuries were a crucial period for the emergence of Venice as one of the major powers in the Mediterranean. Taking advantage of the conquest of the Holy Land and the weakening of Byzantine naval power, the Venetians’ policy in the eastern Mediterranean aimed both at strengthening their position in that area and acquiring new markets. In order to do so, they demonstrated their readiness to use force. For the first time in their history, the Venetians went to the eastern Mediterranean not only for trading but also for fighting, becoming involved in the Crusades and establishing a relationship with the Latin Kingdom of Jerusalem after the First Crusade. The goal of this volume is to present the edition of the Latin text and the English translation of the Historia ducum Venetorum (History of the Venetian Dukes) which describes this period. It is the first Venetian historical text composed after the Fourth Crusade, and it is also the only extant chronicle composed in Venice after the beginning of the eleventh century. In this volume the edition and translation of the Historia ducum Venetorum is accompanied by other two historical texts: the Brief Venetians Annals and the Account of the Election of Dominic Silvo as Duke of the Venetians by Dominic Tino.

Medio Evo del diritto
0 0 0
Libri Moderni

Calasso, Francesco

Medio Evo del diritto : le fonti / Francesco Calasso ; con una postfazione di Andrew Cecchinato

Milano : Adelphi, 2021

Il ramo d'oro

Abstract: Medio evo del diritto, come titolo di un’opera di storia, può forse saper di astrattezza e ha bisogno di essere giustificato: proprio sul terreno storico, dove le astrattezze non allignano. Non è facile. Medio evo – si dice – è soltanto un concetto della nostra mente, qualcosa dunque di relativo, e destinato a sparire quando le ragioni che lo generarono si saranno consumate nella nostra coscienza. E diritto – si dice anche – è una cosa che i giuristi cercano ancora di definire. Queste, le basi dell’astrattezza del titolo, se pur è da ammettere che un’astrattezza abbia basi. Tuttavia, se vogliamo esser sinceri, confessiamo pure che quelle astrattezze sono state per secoli gli spiragli attraverso i quali lo spirito umano è riuscito a intravedere qualcosa di concreto: altrimenti, non avremmo potuto nemmeno pensare quelle astrattezze. E a questi spiragli vorremmo che altri occhi si accostassero ancora e ficcasser lo viso: ma, perché essi non temano di veder delle nebbie, noi vogliamo dir subito, adoprando parole tutte dell’uso comune, che codesto qualcosa di concreto è semplicemente una storia del diritto, che ha come sua epoca il medio evo, come teatro d’azione l’Italia. Ma qui ci nasce l’obbligo di dar conto di ciascuna di queste affermazioni, e proprio per paura dell’uso comune che le ha consacrate, e spesso fraintese. Le ha fraintese in modo particolarmente grave di fronte al primo e fondamentale problema che quella storia pone, e cioè quello delle fonti del diritto. Da questo, perciò, sentiamo il bisogno di rifarci.

Extractiones de Talmud
0 0 0
Libri Moderni

Extractiones de Talmud : per ordinem thematicum / ediderunt Ulisse Cecini, Óscar de la Cruz Palma, Alexander Fidora, Isaac Lampurlanés Farré

Turnhout : Brepols, 2021

Corpus Christianorum. Continuatio Mediaevalis

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: In the year 1244/45, the first Latin translation of the Talmud was completed in Paris. This translation, which is known as the 'Extractiones de Talmud', is extant in two versions. While the first version, edited in CC CM 291 (2018), offers an apparently unbiased presentation of the Talmudic passages following the sequence of the Talmudic treatises, the second one, which may be called the thematic Talmud translation, organizes these texts along with other materials according to thirteen chapters. The titles of these chapters clearly betray the polemic intention of the thematic translation, namely: On the authority of the Talmud and its praise; On the sages and teachers of the Talmud; On the blasphemies against Christ and the Holy Virgin; On blasphemies against God; On what is said against the Christians; On errors and heresies; On sorcery; On dreams; On the world to come; On the Messiah; On stupidities; On immoral and impure things; On fables. It was this second version, which also incorporated additional materials from other Jewish sources, that led to the final condemnation of the Talmud in Paris in the year 1248.

Tomus 8: Commentarii in prophetas minores e schola Autissiodorensi. 1, Commentarii in prophetas Osee Ioelem Amos Abdiam
0 0 0
Libri Moderni

Haymon : d'Auxerre <m. 855?>

Tomus 8: Commentarii in prophetas minores e schola Autissiodorensi. 1, Commentarii in prophetas Osee Ioelem Amos Abdiam : Accedunt incerti auctoris Glossae in Ioelem et Amos necnon Epitome expositionis Hieronymi in Abdiam quae loco istorum in nonnullis codicibus leguntur / cura et studio Roger Gryson

Turnhout : Brepols, 2021

Corpus Christianorum. Continuatio Mediaevalis

Fa parte di: Haymon : d'Auxerre <m. 855?>. Haymonis Autissiodorensis Opera exegetica

Abstract: Edizione dei commentari autentici di Aimone di Auxerre sui primi quattro profeti minori (Antico Testamento: Osea, Gioele, Amos, Abdia e dei tre commentari anonimi alternativi che appartengono a una parte della tradizione manoscritta). Édition des commentaires authentiques d’Haymon d’Auxerre sur les quatre premiers petits prophètes, et de trois commentaires anonymes alternatifs qui en tiennent lieu dans une partie de la tradition manuscrite Haymon d’Auxerre avait entrepris de commenter la série des Douze prophètes, mais, comme son commentaire d’Ezéchiel, cette entreprise est restée inachevée. Haymon n’a expliqué que les quatre premiers petits prophètes; les huit autres l’ont été par son confrère Heiric (CC CM 135G, 2020), qui fut son élève, puis son successeur à la direction de l’école de Saint-Germain d’Auxerre. Au contraire de ceux-ci, transmis en bloc par une tradition uniforme, les quatre commentaires composés par Haymon l’ont été, du moins au départ, de façon dispersée. Ainsi s’explique que les commentaires authentiques de Joël, Amos et Abdias fassent défaut dans une partie de la tradition manuscrite, où ils ont été remplacés tantôt par les commentaires de Jérôme, tantôt par des commentaires médiévaux anonymes, mais anciens, qui sont également édités dans ce volume.

Compilatio singularis exemplorum
0 0 0
Libri Moderni

Compilatio singularis exemplorum / cura et studio Alexander Loose

Turnhout : Brepols, 2021

Corpus Christianorum. Continuatio Mediaevalis

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Kritische Edition einer spätmittelalterlichen Exempelsammlung. Die Compilatio singularis exemplorum ist eine Exempelsammlung, die gegen Ende des 13. Jahrhundert von einem anonymen französischen Dominikaner zusammengestellt wurde. Sie enthält neben vielen auch anderweitig breit und variantenreich überlieferten Stoffen einiges sonst nur selten erhaltene oder gänzlich unbekannte Erzählgut. Zudem hebt sie sich von den meisten anderen Exempelsammlungen durch das ihr zugrundeliegende Gliederungsprinzip ab, welches sich an der Dreiteilung der mittelalterlichen Christenheit in Säkularklerus, Regularklerus und Laienstand orientiert: Streng hierarchisch geordnet, werden der Reihe nach Geschichten über die Mitglieder dieser drei Stände erzählt. Von den Päpsten bis hinab zu den Theologiestudenten, von den Äbten und Abtissinnen bis hinab zu den Laienbrüdern und Beginen, von den Kaisern und Königen bis hinab zu den gesellschaftlichen Randexistenzen wird vor uns das ganze Panoptikum der spätmittelalterlichen Gesellschaft entfaltet. Dem so entworfenen Abbild der Menschenwelt werden in den ersten Teilen der Sammlung eine Marienvita, zahlreiche Marienmirakel, Hostienwunder, Kreuzzugsgeschichte und einige Geschichten über die Engel vorangestellt. Lediglich der letzte, vermutlich sekundär hinzugefügte Teil der Sammlung weicht von der Gesamtkonzeption des Werkes ab. Er vereint in sich eine Liste altfranzösischer Sprichwörter nebst deren lateinischen Nachdichtungen, Proben der Vagantenpoesie des Hugo Primas und weitere Verse erbaulichen und unterhaltsamen Inhalts. Der lateinische Text der Sammlung ist stellenweise von altfranzösischen Einsprengseln durchsetzt, die in einigen Fällen das Ausmaß kleinerer Gedichte erreichen. Er wird hier zum ersten Mal vollständig nach allen drei bekannten Überlieferungsträgern, Handschriften des 14. und 15. Jahrhunderts, kritisch herausgegeben. Alexander Loose ist Latinist und hat im Fach Mittel- und Neulatein an der Martin-Luther-Universität Halle-Wittenberg promoviert

12.4: Jacobus de Gruytrode-Jacobus de Voragine
0 0 0
Libri Moderni

12.4: Jacobus de Gruytrode-Jacobus de Voragine : (Nummer 13868-14030)

Le ragioni della scrittura
0 0 0
Libri Moderni

Zamponi, Stefano

Le ragioni della scrittura : piccoli scritti di paleografia / Stefano Zamponi ; a cura di Teresa De Robertis e Nicoletta Giovè Marchioli

Roma : Viella, 2021

Scritture e libri del Medioevo

Abstract: I saggi pubblicati in questo volume affrontano due momenti fondamentali della storia della scrittura latina in Italia: definizione e diffusione della nuova scrittura libraria che ha dominato l'Occidente fra XIII e XVI secolo, cioè la littera textualis; caratteri e varietà della scrittura e del libro 'all'antica', invenzioni che l'Umanesimo italiano ha consegnato alla cultura europea. A questi temi si affiancano riflessioni di ordine metodologico su strumenti concettuali e finalità della ricerca paleografica.

Tomus 39: [op.] 64: Ars ad faciendum et solvendum quaestiones
0 0 0
Libri Moderni

Lull, Ramon

Tomus 39: [op.] 64: Ars ad faciendum et solvendum quaestiones / [Raimundus Lullus] ; quam edidit Joan Carles Simó Artero

Turnhout : Brepols, 2021

Corpus Christianorum. Continuatio Mediaevalis

Fa parte di: Lull, Ramón. Raimundi Lulli Opera Latina

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0