Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Soggetto Femmine
× Paese Cuba
× Data 1957
Includi: tutti i seguenti filtri
× Genere Poesia e opere in versi

Trovati 4141 documenti.

Risultati da altre ricerche: Catalogo della Rete Bibliotecaria Vicentina

Mostra parametri
I sonetti
0 0 0
Libri Moderni

Shakespeare, William

I sonetti / William Shakespeare ; a cura di Lucia Folena

Torino : Einaudi, 2021

Nuova universale Einaudi. Nuova serie

Abstract: I Sonetti di Shakespeare costituiscono uno dei libri di poesia piú filologicamente dibattuti, piú strutturalmente ambigui e, in definitiva, piú affascinanti. La triangolazione fra il poeta e i due interlocutori principali, il fair youth e la dark lady, produce un percorso morale e di senso niente affatto rettilineo se non addirittura misterioso. Lucia Folena ci offre diverse chiavi per interpretare questo percorso in modo consapevole e innovativo. E ci offre altresí una nuova traduzione in endecasillabi che riesce miracolosamente a conservare sia il pensiero sia gli eleganti artifici retorici che stanno dentro i pentametri giambici shakespeariani. Alcune storiche ottime traduzioni utilizzano versi lunghi di misura variabile, ma la forza dei versi di Shakespeare sta anche nella loro regolarità. Riuscire a condensare nell'endecasillabo il senso, la forma e la bellezza della poesia di Shakespeare è stata una scommessa molto impegnativa. Crediamo sia una scommessa vinta.

Home body il mio corpo è la mia casa
5 0 0
Libri Moderni

Kaur, Rupi

Home body il mio corpo è la mia casa / Rupi Kaur ; traduzione di Alessandro Storti

Milano : tre60, 2021

Abstract: In Home body, Rupi Kaur accompagna i lettori in un viaggio intimo e profondo dentro di sé che ripercorre il passato, si sofferma sul presente e guarda al futuro. Riflettendo su se stessa, ricorda ai lettori di abbracciare il cambiamento, riempiendo ogni giorno la vita di amore, accettazione, comunità, famiglia. Anche attraverso illustrazioni, affronta i temi della natura e dell'educazione, della luce e dell'oscurità.

Ararat
0 0 0
Libri Moderni

Glück, Louise

Ararat / Louise Glück ; traduzione di Bianca Tarozzi

Milano : Il Saggiatore, 2021

La cultura

Abstract: Camminiamo in un cimitero: i fiori incoronano una lapide, la tomba di una persona cara. Ci muoviamo sull'erba schiacciata dai piedi dei tanti che, come noi, procedono disorientati tra le tombe. Ripensiamo a ciò che è stato e, all'ombra di un faggio rosso, udiamo ancora una volta le nostre risate e i nostri pianti di bambini, la ninnananna sommessa di una madre che culla un figlio, il canto di un uccello che trafigge il silenzio di un padre, il nostro. "Ararat" è un commovente ritratto di famiglia, turbato, sullo sfondo, dalla presenza gelida della morte. Il lutto, dice Louise Glück, è una ferita aperta, pulsa, brucia; ma aspetta: il tempo trascolora, le ore sfioriscono. I giorni diventano mesi, i mesi anni: allora riviviamo l'ultimo saluto, il tremore di una mano, i sorrisi che non nascondono le lacrime, e capiamo che la sofferenza è compagna inevitabile della compassione, dell'amore. E nella dolcezza del dolore diventiamo inequivocabilmente umani. Louise Gluck è autrice di dodici libri di poesie e due raccolte di saggi. Ha vinto il premio Nobel per la letteratura nel 2020.

Linea intera, linea spezzata
0 0 0
Libri Moderni

De Angelis, Milo

Linea intera, linea spezzata / Milo De Angelis

Milano : Mondadori, 2021

Lo specchio. I poeti del nostro tempo

Abstract: Figura tra le più rilevanti e apprezzate nella poesia, non solo italiana, di questi decenni, Milo De Angelis torna con un'opera che ne conferma e ne accresce il carattere specifico e l'imprescindibile valore. Il poeta ci conduce attraverso la pervasiva tensione delle sue esplorazioni, ci racconta dei fantasmi che affiorano dalla memoria, a volte ingannevolmente dolci ma ben più spesso sinistri. Fantasmi provenienti da zone remote, a partire dall'«oceano dell'infanzia», assorbiti in un presente che ne rispecchia un forte senso inquieto di solitudine e silenzio. Prevale l'ambientazione in una realtà urbana con i suoi concreti dettagli, dove l'io lirico compie viaggi notturni, tra autobus, supermercati o sale cinematografiche, «nel dedalo / delle piccole convulsioni» di una quotidianità opaca. La narrazione che ne scaturisce è ricca di figure e personaggi, nello squallore di «un male senza origine»; l'atmosfera è quella di un perenne esilio, pur con improvvisi, rapidi squarci di una luce viva per quanto molto effimera, in quadri di sapore a volte onirico. Circola dunque, in Linea intera, linea spezzata , la presenza costante del ricordo, sempre attivo e formicolante nelle sue briciole più indelebili, nelle sue molteplici immagini, misteriosamente capaci di oltrepassare se stesse. E insieme si manifesta con vibrazioni inattese tanta "prosa", qui opportunamente giostrata in una versificazione aperta, duttile, che ne modifica i contorni con una capacità immediata di coinvolgimento comunicativo.

Ad co dal vièl
0 0 0
Libri Moderni

Pasi, Claudio

Ad co dal vièl : poesie in dialetto bolognese rustico orientale / Claudio Pasi ; con una nota critica di Roberto Cresti

[Dueville] : R[onzani], 2021

Qui e altrove

Abstract: «All'origine agisce, in breve, il dato esperienziale - l'affetto per un luogo, una casa (quella in cui Claudio è venuto al mondo), per un paese e le persone (i familiari per primi), che vi hanno abitato, gioito e patito, e per tutti gli attrezzi piccoli e grandi utilizzati nella loro esistenza: da quelli rustici ai primo industriali (un badile, un rastrello, poi la Lambretta o la Fiat-600) -, ma il suo apparire è reso in un contesto di particolari dall'orlo instabile, che se dà corpo a ogni presenza, subito, da questa, si ridiffonde, e sfiora, in nessi autobiografici, il profilo d'altre presenze, le quali, per un istante, rivivono e dileguano: come nella poesia dedicata al vociante convegno di ragazzini in un laghetto (ricoperto, oggi, da una gettata di cemento per creare un'area residenziale), che associa particolari minuziosi entro un ineffabile riflesso di morgana.» (da "Viaggio al termine del dialetto" di Roberto Cresti)

Quaderni dell'amore e del pericolo
0 0 0
Libri Moderni

Vibora, Violante

Quaderni dell'amore e del pericolo / Violante Vibora ; introduzione di Francesco Crosato

[Dueville] : Ronzani, 2021

Qui e altrove

Abstract: Questa strana bambina sembra conservare in sé traccia di quando, nella notte dei tempi, "sentivamo" all'unisono con gli animali e le piante, parlavamo con essi, ci percepivamo un tutt'uno con quella che avremmo chiamato Natura. Quale allora il suo messaggio? Forse che, passando da un piano del "sentire" a uno via via più logico e razionale (sia come genere umano che come singole persone), grazie al sedimentarsi di una sempre più definita coscienza, non dobbiamo però, scordare da dove veniamo, rimuovere lo stadio precedente: nessun brusco e annullante "salto".

Teatrin de vozhi e sienzhi
0 0 0
Libri Moderni

Favaron, Renzo

Teatrin de vozhi e sienzhi / Renzo Favaron ; introduzione di Maurizio Casagrande

[Dueville] : Ronzani, 2021

Qui e altrove

Abstract: Xe 'ncora tuto rosso, / cofà 'na ferìa che no' se inciava» [«è ancora tutto rosso, / come una ferita che non si chiude», "Cue'a che credo (soneto)", p. 2]: è racchiusa in questo distico, che chiude il sonetto incipitario, la chiave della presente silloge di Favaron, inscritta nel segno del lutto e della perdita irredimibile. (Dall'introduzione di Maurizio Casagrande)

The hill we climb
0 0 0
Libri Moderni

Gorman, Amanda

The hill we climb : una poesia inaugurale per il paese / Amanda Gorman ; prefazione di Oprah Winfrey ; traduzione di Francesca Spinelli

Milano : Garzanti, 2021

I coriandoli

Abstract: Le parole possono tutto. Questo ci insegna Amanda Gorman. Ci insegna a cercare la luce dietro ogni ombra, a costruire l'alba dopo ogni notte, a resistere davanti a ogni ostacolo. Bisogna farlo non per sé stessi, perché l'uno è nulla senza la moltitudine. Bisogna farlo per creare sempre più ponti che uniscano le persone. Solo la condivisione, la fratellanza, il superare le differenze ci salverà. Solo insieme possiamo scalare il colle. Oltre i confini, oltre gli orizzonti, oltre le distanze, siamo un unico popolo. Un popolo che ha bisogno di credere ancora, di credere di nuovo. E le parole di Amanda Gorman ci sono state regalate per questo. Per guardare al futuro con occhi diversi, con gli occhi di chi sa cosa c'è dietro ma è tutto teso nella volontà di generare il nuovo. Amanda Gorman è diventata una leggenda. Perché chi riesce a infondere coraggio e speranza lo è. È luce. E sprona tutti noi a diventarlo. Davanti al Campidoglio, durante la cerimonia all'insediamento della presidenza di Joe Biden, la ventiduenne Amanda Gorman senza esitazione alcuna ha dato voce alla sua generazione. Da quel momento la stampa di tutto il mondo non ha mai smesso di parlare di lei. Michelle e Barack Obama hanno visto in lei una fonte di ispirazione a cui guardare con orgoglio. Poetessa, attivista di successo premiata a livello internazionale, da anni lotta per l'uguaglianza razziale, la giustizia di genere, i diritti umani e la difesa dell'ambiente. È la donna più giovane a cui è stato assegnato il titolo di National Youth Poet Laureate; dal 2014 è delegata giovanile dell'Onu. Nessuno dimenticherà mai le parole che ha pronunciato davanti a milioni di persone, fondamentali per noi e soprattutto per i nostri figli. Perché sono loro il nostro futuro, da oggi più luminoso se a fare da faro ci sono donne come Amanda Gorman.

Confluenze
0 0 0
Libri Moderni

Brock, Geoffrey

Confluenze : poesie scelte / Geoffrey Brock ; a cura di Paolo Febbraro ; traduzione di Damiano Abeni, Moira Egan e Paolo Febbraro

Roma : Elliot, 2021

Poesia

Abstract: "Un mattino Il bimbo è del tutto sveglio: salta su nel nostro letto e si arrampica verso la mia test mentre brandisce un rastrello. Mi pettina ogni capello, a ogni passaggio più ridarello. È semplice, il suo scherzo: sa bene che il suo giocattolo un pettine non è, il mio scalpo non è di sabbia scompigliata ma la sua mente è solcata da una sorta di rassomiglianza – nasce la gioia da piccola semenza e anche se adesso non sono sicuro di nulla, lo stesso una bella flagranza ci spinge a nutrire un futuro"

La terra di Caino
0 0 0
Libri Moderni

Rivali, Alessandro

La terra di Caino / Rivali Alessandro

Milano : Mondadori, 2021

Lo specchio

Abstract: Questo libro fortemente organico, che segna la piena, raggiunta maturità di un poeta, si impone per l'identità forte della sua struttura e per le articolazioni di una narrazione lirica condotta attorno all'emblematica figura di un protagonista, volutamente anche troppo umano, pur cangiante nel suo apparire, e proposto con il nome di Caino. Un nome che rivela la forte nostalgia di un paradiso perduto, nell'apparizione dei "molti colori del male" che segnano il nostro essere nel mondo, dunque nella storia e nei luoghi, nelle diverse generazioni e civiltà e nella memoria. Alessandro Rivali compie in questi suoi versi un viaggio apertissimo e inquieto, e ne dà uno splendido resoconto d'impronta lirica, ma che spesso si avvicina, anche per i toni, a un vero e proprio disegno epico. Eccoci allora, per non citare che qualche episodio, dai Sumeri e Gilgamesh ai congelati del Don nel '42, con esempi di violenza e guerra, ma non di meno con il manifestarsi delle opere di grandi artisti come Leonardo Bistolfi, Arturo Martini, Marc Chagall o Miró, ma anche di Ezra Pound, orrendamente ingabbiato nel '45, eppure capace di splendidi versi dei Cantos. Tra i molti luoghi in cui il viaggio poetico si svolge, domina peraltro Genova, città natale dell'autore, con il popolo di morti del cimitero di Staglieno. Ma il dolore non esclude affatto l'amore, la ricerca di un volto paterno totale, il riparo della tenerezza, così come l'aprirsi in momenti nei quali si manifesta improvviso un realismo dai vivi contorni marcati. Alessandro Rivali realizza una poesia nella quale si impone la potenza delle immagini guidate dal pensiero, nella continuità di una insolita e densissima energia espressiva, che nelle terzine del testo finale, dedicato al commovente monumento funebre di Margherita di Brabante di Giovanni Pisano, trova un sensibilissimo, delicato compimento esemplare.

In cammino
0 0 0
Libri Moderni

Rosen, Michael

In cammino : poesie migranti / Michael Rosen ; traduzione di Roberto Piumini ; illustrato da Quentin Blake

Milano : Mondadori, 2021

Contemporanea in versi

Abstract: L'infanzia trascorsa a Londra come figlio di emigrati ebrei polacchi, gli orrori dell'Olocausto, le cicatrici lasciate dall'odio viste attraverso gli occhi di chi si è salvato: questo raccontano le poesie di Michael Rosen. Ma questa raccolta è anche una riflessione sull'insensatezza della guerra. È un viaggio fra le paure e gli interrogativi di chi ancora oggi è costretto a scappare in una terra straniera, spesso diffidente e crudele. È il ricordo di volti, profumi, sapori di un'infanzia mai dimenticata, della melodia che si produce tra lingue e culture diverse che si incontrano. Accompagnato dalle illustrazioni lievi e toccanti di Quentin Blake e nella traduzione d'autore di Roberto Piumini, Michael Rosen racconta in versi la sua vita di figlio costretto a convivere con un passato che, come scrive, anche se lasciato alle spalle non potrà mai essere cancellato. «Tutti provengono da qualche parte. Tutti hanno un passato. Tutti all'inizio sono da qualche parte. Tutti sono da qualche parte alla fine.». Età di lettura: da 11 anni.

Lirici greci
0 0 0
Libri Moderni

Lirici greci / a cura di Simone Beta ; traduzione di Filippo Maria Pontani

4. ed.

Torino : Einaudi, 2020

ET

Abstract: La scoperta dell'io e della coscienza, le riflessioni sull'amore e l'eros, l'impegno politico, la descrizione della morte e della vecchiaia: ecco alcuni temi che trovano nei poeti qui presentati i primi immortali cantori. I lirici dell'età arcaica (Tirteo, Archiloco, Saffo, Alceo, Anacreonte, Alcmane, Ibico) insieme ai maestri della poesia corale classica (Simonide, Bacchilide, Pindaro) hanno creato un patrimonio immenso, e dato vita a un intero universo in cui si alternano elegia e invettiva, canti eroici e conviviali, odi civili e carmi religiosi, inni e cori epinici per i vincitori delle gare sportive. Un volume nel quale si disvela l'anima greca.

Poesie giovanili
0 0 0
Libri Moderni

Volponi, Paolo <1924-1994>

Poesie giovanili / Paolo Volponi ; a cura di Salvatore Ritrovato e Sara Serenelli

Torino : Einaudi, 2020

Collezione di poesia

Abstract: I viaggi non mi spaventano. Anche se girassi dietro la fortuna. Farei solo dei passi. Col piede accanto a un sasso. Ogni strada ha un sasso e una margherita. Ed io vado sasso per sasso e colgo la margherita. Volponi è stato uno dei maggiori scrittori del dopoguerra, ma è nato come poeta e ha frequentato la poesia per tutta la vita. Prima dell'esordio in prosa con il famoso <i>Memoriale</i> (1962), aveva pubblicato tre importanti libri di poesia: <i>Il ramarro</i> (1948), <i>L'antica moneta</i> (1955) e <i>Le porte dell'Appennino</i> (1960, premio Viareggio). Le poesie inedite recentemente ritrovate fra le sue carte e ora qui raccolte risalgono alla seconda metà degli anni Quaranta, alle soglie del <i>Ramarro</i>, e si spingono fino ai primi anni Cinquanta, nei dintorni dell'<i>Antica moneta</i>. Dimostrano uno stile molto personale, piú fisico e «corporale» che non lirico-astratto. Sono percorse da un filo rosso contrastante di eros e repulsione. Ansie e insoddisfazioni giovanili si nutrono di un immaginario percorso di sangue e gesti violenti e di una lingua che percorre la tradizione dell'invettiva. E anche gli elementi naturali, molto frequenti (fiumi, colline, alberi, animali, campi lavorati), non sono mai pacificanti ma partecipano di un tumulto interiore, tanto piú forte quando il poeta non sa trovarne una ragione e un bersaglio prestabiliti. Queste poesie sono un laboratorio linguistico e sentimentale destinato a dare i suoi frutti piú maturi in là nel tempo, ma già mostrano accensioni di grande forza espressiva.

Monte Stella
0 0 0
Libri Moderni

Fontanella, Luigi

Monte Stella : poesie 2014-2019 / Luigi Fontanella ; prefazione di Sebastiano Aglieco

Bagno a Ripoli : Passigli, 2020

Passigli poesia

Abstract: Il contrasto tra il pallore della smemoratezza, dell’evanescenza, e la vita che sempre prende il sopravvento come una fenice che risorge dalle sue ceneri, «tra una fredda lastra in superficie / e il caldo salmastro sottostante», rimane una questione portante del libro e di tutta l’opera di Luigi Fontanella. Le sue figure famigliari, evocate «tra memoria e immaginazione», costituiscono le fondamenta di una impalcatura psichica fluttuante tra il grande mare dell’oblio e la riva della resistenza, della volontà a voler essere, a tutti i costi. «Tronchi», trascinati dalla corrente verso terra, sospesi, in attesa che la risacca li depositi sulla spiaggia di una raggiunta infinitezza. In questa lunga attesa dell’oblio si situa la poesia, il cui compito sembra essere quello di creare altre forme, altre illusioni della materia. Ma anche, in extrema ratio, quello di pregare a mani giunte, che ci sia pietà per i vivi e per i morti, che uno squarcio nel velo d’ignoranza ci permetta di poter intuire la terra di un paradiso perduto in cui ogni cosa è finalmente riconosciuta e riconsegnata. Eppure in questo libro, dove il finale sembra allontanarsi come la riva di un’isola che mai si raggiunge, il respiro prevale su ogni istante di morte, ed è un’intuizione che avvicina la ricerca dei medicamenta al retrocedere psichico verso il Nulla, verso l’origine. Che qui è un discendere e risalire, purgatoriale, quindi, verso una luce più pacata: «ammorbidisco ogni picco ogni venatura»...(Dalla prefazione di Sebastiano Aglieco)

Il suon di lei
0 0 0
Libri Moderni

D'Elia, Gianni

Il suon di lei / Gianni D'Elia

[Milano] : Luca Sossella, 2020

Abstract: Il suon di lei prende in prestito da L'infinito non solo il titolo, ma l'eco di una musica che mescola gli ingegni adriatici di Leopardi e Rossini; e fa riverberare le morte stagioni nella presente, e viva: ovvero nell'epoca tremenda, compromessa e offesa che ci è toccato vivere. Contro la quale si erge la visione della Ginestra leopardiana, la creazione di una "social catena che ci unisce", una confederazione umana in lotta contro il destino biologico. Una comunità non più sottomessa alla volontà di potenza ma in ascolto della fragile coscienza individuale, che invita all'esperienza poetica della natura e del mondo, al dialogo, all'incontro nella piazza attraversata dalle energie del futuro, oltre la violenza.

Oikos
0 0 0
Libri Moderni

Oikos : poeti per il futuro / a cura di Stefano Strazzabosco ; premessa di Filippomaria Pontani e Alberto Camerotto ; disegni di Luciano De Nicolo

Editio maior

Milano ; Udine : Mimesis, 2020

Mimesis. Classici contro

Abstract: L'idea è proprio questa, antichissima. Almeno dai tempi di Omero. Da sempre la voce della poesia è parola civile, parola condivisa, parola che rimane attraverso il tempo. Attorno alle parole ci incontriamo, con le parole pensiamo, le parole danno senso alla nostra vita. Ma la parola poetica è nella sua essenza parola controcorrente, perché ci mette in dubbio, perché diventa nuovo appiglio per guardare il mondo in modo diverso, per infrangere i nostri errori, per aprire altre prospettive. Se oggi parliamo di natura e di ambiente, di quello che è l'oikos in cui abitiamo, la poesia ci può aiutare. Da ogni parte di una terra violata i poeti hanno inviato le loro parole in difesa della natura. Ma nell'idea c'è un pensiero forse ancor più grande, perché sono i nostri giovani, tra le scuole e le università, che hanno lo sguardo aperto sul futuro e che sono i protagonisti della protesta contro l'arroganza evidente e mostruosa dell'antropocene, i portavoce della poesia e della natura. Le foglie sono il simbolo di questa azione, stanno sulla copertina, sono sparse tra le pagine del libro. Sono le stesse foglie di Omero, che ricordano agli uomini la loro fragilità: ci dicono che siamo parte della natura e che in questo sta il nostro significato, ci mettono davanti agli occhi la nostra hybris, la cecità e l'avidità che uccidono l'oikos in cui viviamo e noi stessi. Premessa di Filippomaria Pontani e Alberto Camerotto.

Odissea
0 0 0
Libri Moderni

Kazantzakīs, Nikos

Odissea / Nikos Kazantzakis ; introduzione e traduzione di Nicola Crocetti

[Milano] : Crocetti, 2020

Kylix

Abstract: L'Odissea di Nikos Kazantzakis, "il più lungo epos della razza bianca", come lo definì il suo autore, è la prosecuzione fantastica dell'omonimo poema omerico. Fu portato a termine dopo 13 anni e mezzo di lavoro (dal 1925 al 1938) e sette stesure autografe. Nella versione definitiva si compone di 33.333 versi (la penultima redazione contava 42.500 versi) suddivisi in 24 canti, lo stesso numero delle lettere greche e dei canti dei poemi omerici. In quest'opera dall'estensione fluviale – tre volte l'Odissea di Omero – Kazantzakis riversò tutte le sue esperienze intellettuali e spirituali, sviluppando una dottrina ascetica sincretistica, basata sui principi di diverse religioni e di grandi, utopistici ideali politici. La narrazione delle straordinarie avventure di Ulisse dopo il ritorno a Itaca celebra soprattutto la mente libera dell'uomo. Quello di Kazantzakis è anche un avatar dell'Ulisse dantesco assetato di conoscenza, oltre che un alter ego del poeta stesso, alla disperata ricerca di una nuova visione di Dio e della salvezza del mondo. Poema di grande complessità, l'Odissea è anche un'arca di Noè linguistica, in cui Kazantzakis ha imbarcato e salvato dall'estinzione migliaia di termini popolari raccolti dalla bocca di pastori, contadini, pescatori e abitanti spesso analfabeti di isole e villaggi dell'Egeo. Un patrimonio linguistico prezioso destinato a scomparire, ma che Kazantzakis ha salvato tramandandolo ai posteri.

Fili d'erba
0 0 0
Libri Moderni

Cegan Signorini, Italia

Fili d'erba / Italia Cegan Signorini

[S. l. : s. n.], stampa 2020

L'iris selvatico
0 0 0
Libri Moderni

Glück, Louise

L'iris selvatico / Louise Glück ; traduzione e postfazione di Massimo Bacigalupo

Milano : Il saggiatore, 2020

La cultura

E non si sa a chi chiedere
0 0 0
Libri Moderni

Carpi, Anna Maria

E non si sa a chi chiedere / Anna Maria Carpi

Milano : Marcos y Marcos, 2020

Gli alianti