Includi: tutti i seguenti filtri
× Lingue Latino

Trovati 33800 documenti.

Risultati da altre ricerche: Catalogo della Rete Bibliotecaria Vicentina

Mostra parametri
Tomus 39: 64: Ars ad faciendum et solvendum quaestiones
0 0 0
Libri Moderni

Lull, Ramon

Tomus 39: 64: Ars ad faciendum et solvendum quaestiones / Raim undi Lulli ; quam edidit Joan Carles Simó Artero

Turnhout : Brepols, 2021

Corpus Christianorum. Continuatio Mediaevalis

Fa parte di: Lull, Ramón. Raimundi Lulli Opera Latina

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0
4: Expositionem super Ysaiam
0 0 0
Libri Moderni

Andreas : de#Sancto Victore

4: Expositionem super Ysaiam / edidit Franciscus A. van Liere

Turnhout : Brepols, 2021

Corpus Christianorum. Continuatio Mediaevalis

Fa parte di: Andreas : de#Sancto Victore. Andreae de Sancto Victore Opera

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0
8: Comentum : redazione ashburnhamiano-barberiniana / Pietro Alighieri ; a cura di Giuseppe Alvino. Tomo 1
0 0 0
Libri Moderni

8: Comentum : redazione ashburnhamiano-barberiniana / Pietro Alighieri ; a cura di Giuseppe Alvino. Tomo 1 / Pietro Alighieri

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0
8: Comentum : redazione ashburnhamiano-barberiniana / Pietro Alighieri ; a cura di Giuseppe Alvino. Tomo 2
0 0 0
Libri Moderni

8: Comentum : redazione ashburnhamiano-barberiniana / Pietro Alighieri ; a cura di Giuseppe Alvino. Tomo 2 / Pietro Alighieri

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0
Commento agli Inni orfici
0 0 0
Libri Moderni

Tafuri, Matteo <1492-1584>

Commento agli Inni orfici / Matteo Tafuri ; a cura di Luana Rizzo

Firenze ; Milano : Bompiani, 2021

Bompiani Il pensiero occidentale

Abstract: Il sottile e profondo fascino misterico degli Inni orfici è celebrato in questo Commento, l’unico superstite ad oggi nel mondo, in lingua greca, in cui il trionfante platonismo d’età laurenziana si coniuga con le nuove istanze religiose, dando vita ad una sapientia filosofica e teologica, della quale erano depositari gli antichi teologi da Zoroastro a Ermete Trismegisto, Orfeo, Aglaofemo, Pitagora e Platone; essa fu trasmessa poi dai neoplatonici e culminò nella teologia cristiana, acme di un percorso iniziatico che conduce all’unità della Verità Rivelata. Il Commento con la sua esegesi ai Poemi orfici rivela il nucleo dottrinale del pensiero dell’autore, in cui la teologia, la teurgia e la magia cerimoniale insegnano all’uomo come giungere al colloquio con gli angeli e ricongiungersi alla divinità. Gli Inni sotto il profilo ieratico-teurgico sono preghiere pronunciate dall’uomo per entrare in comunione con il divino, sotto quello magico, canti in grado di vincolare, di incantare, di infondere potere in colui che deve essere incantato e iniziato, il μύστης. Sulla base della translatio sapientiae pagana e biblicocristiana gli Inni orfici riproposti in questo Commento in chiave moderna rivendicano, sulle orme di Ficino, il connubio fra pia philosophia e docta religio. L’orfismo del Rinascimento è un rinascimento dell’orfismo, è la rinascita dei miti orfici ma soprattutto l’elaborazione delle dottrine orfiche in campo filosofico.

Prefazioni ai Vangeli, 1516-1522
0 0 0
Libri Moderni

Erasmus, Desiderius

Prefazioni ai Vangeli, 1516-1522 / Erasmo da Rotterdam ; a cura di Silvana Seidel Menchi

Torino : Einaudi, 2021

Nuova universale Einaudi. Nuova serie

Abstract: La dedizione ai Vangeli accompagnò Erasmo per tutta la vita. Li studiò dal punto di vista filologico e teologico, ne pubblicò per la prima volta il testo greco, li tradusse e li commentò, incoraggiò la diversificazione delle edizioni per raggiungere sia gli eruditi sia un pubblico piú ampio. La prima di queste edizioni risale al 1516 e fu dedicata a Leone X, il quale tanto la apprezzò da lodare pubblicamente Erasmo in un breve papale. Questo breve verrà riportato da Erasmo in tutte le sue successive edizioni dei Vangeli, come una specie di lasciapassare dati i tempi sempre piú infuocati dal punto di vista politico-religioso. Erasmo, come è noto, anticipò alcune delle istanze dei riformatori, prima fra tutte la lettura diretta e massimamente diffusa dei Vangeli. Nell'edizione del 1522 dedicata a Carlo V chiese espressamente al'’imperatore di promuovere la traduzione dei Vangeli in tutte le principali lingue europee. Però Erasmo volle tenacemente rimanere nell'ortodossia cattolica, e dunque si trovò spesso in posizioni difficili, attaccato da tutte le parti in causa. Le sue prefazioni alle edizioni dei Vangeli si muovono in questa situazione di precario equilibrio, e sono un fondamentale documento del clima di quegli anni. Oltre che un’ulteriore testimonianza della poliedrica bellezza della scrittura di Erasmo, in grado di cambiare registro secondo gli interlocutori mantenendo la stessa forza, la stessa brillantezza ed eleganza.

Germania
0 0 0
Libri Moderni

Tacitus, Publius Cornelius

Germania / Tacito ; saggio introduttivo, nuova traduzione e note a cura di Sergio Audano

Santarcangelo di Romagna : Rusconi, 2020

Classici greci e latini

Abstract: Nella "Germania", tra le poche opere etnografiche superstiti dell'antichità, composta probabilmente all'inizio del II sec. d.C., Tacito delinea a tutto tondo il ritratto degli antichi Germani: forti, coraggiosi, saldi moralmente, ma, nonostante questo, ancora barbari e lontani dalla civiltà romana. Questo scritto offre al suo autore anche l'opportunità per condannare la dilagante corruzione dei Romani e per far conoscere le istituzioni dei Germani che, a partire dal Medioevo, avranno un ruolo notevole nel quadro politico europeo. Il frequente confronto, più spesso lo scontro, tra mondo germanico e mondo latino nel corso dell'età moderna, a partire dalla riforma protestante fino al Novecento, farà della Germania uno dei testi classici più letti e discussi, anche se di frequente deformata da interpretazioni faziose, ideologiche e, come al tempo del nazismo, criminali.

La vita di Agricola
0 0 0
Libri Moderni

Tacitus, Publius Cornelius

La vita di Agricola ; La Germania / Publio Cornelio Tacito ; introduzione e commento di Luciano Lenaz ; traduzione di Bianca Ceva

21. ed.

Milano : Bur Rizzoli, 2020

BUR Rizzoli classici greci e latini

Abstract: La vita di Agricola è un'opera scritta attorno al 98 d.C (in seguito alla morte dell'imperatore Domiziano) dallo storico romano Tacito, in cui viene descritta la vita del suocero: Gneo Giulio Agricola, che fu governatore della Britannia. Tacito fornisce anche notizie geografiche ed etnografiche sulla Britannia e poi mette a confronto, come in seguito farà anche nella De origine et situ Germanorum, la libertà e il coraggio dei Britanni con la corruzione e la tirannia che a suo parere ammorbano l'Impero. In quest'opera, Tacito attacca anche la rapacità e l'avarizia dei romani con l'espediente del discorso che attribuisce al capo caledone Calgaco prima della battaglia del monte Graupio, combattuta nell'83 o nell'84 tra i romani e i caledoni in Scozia. La Germania, è un'opera etnografica scritta da Tacito attorno al 98 d.C. sulle tribù germaniche che vivevano al di fuori dei confini romani. È l'unica opera a carattere etnografico su un popolo straniero pervenutaci dell'antichità.

Vita et miracula Rosae de Viterbio
0 0 0
Libri Moderni

Vita et miracula Rosae de Viterbio / a cura di Attilio Bartoli Langeli, Eleonora Rava, Filippo Sedda

Turnhout : Brepols, 2020

Corpus Christianorum. Continuatio Mediaevalis

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Le poche notizie che si hanno sulla vita e i miracoli di Rosa da Viterbo, la fanciulla nata attorno al 1233 e morta nel 1251 o 1252, che diede testimonianze della sua fede al tempo di Federico II, sono note da tempo. Tutti coloro che hanno scritto di Rosa da Viterbo hanno attinto, direttamente o più spesso indirettamente, dal verbale del processo di canonizzazione svoltosi a Viterbo al tempo di papa Callisto III, a distanza di due secoli e poco più dalla morte della beata. Questa fonte però non è conosciuta in maniera scientifica. Gli atti del processo di canonizzazione del 1457 non sono mai stati pubblicati. La Vita che vi è contenuta fu pubblicata (piuttosto malamente) per la prima volta nel 1742 dal canonico viterbese Feliciano Bussi nella sua Istoria della Città di Viterbo. Migliore, naturalmente, ma perfettibile è l’edizione che della Vita e dei Miracula fecero nel 1868 i padri Bollandisti nei loro Acta Sanctorum. Nel 1952 pubblicò ottimamente la Vita Giuseppe Abate. Infine, la Vita e i Miracula di Rosa hanno fatto oggetto del primo anno di attività (2016-2017) del Laboratorio di agiografia (sottotitolo: Filologia, edizione, interpretazione delle fonti) aggregato alla Scuola superiore di studi medievali e francescani della Pontificia Università Antonianum, ed è stato pubblicato un volume che riproduce il lavoro seminariale. Della Vita e dei miracoli di Rosa si hanno, però, altri due altri testimoni, uno conservato a Parigi e uno a Parma, certamente legati al processo. Questa edizione si basa per la prima volta sul trattamento contestuale di tutti i prodotti documentari e librari ad oggi connessi all'iniziativa del 1456-57.

Petri Abaelardi Sermones
0 0 0
Libri Moderni

Abaelardus, Petrus <1079-1142>

Petri Abaelardi Sermones / cura et studio L.J. Engels ; auxilium praestante Christine Vande Veire

Turnhout : Brepols, 2020

Corpus Christianorum. Continuatio Mediaevalis

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: The present volume provides the first critical edition of the sermons of Peter Abelard gathered by the author on behalf of the nuns of the Paraclete, as Abelard’s dedicatory letter to Heloise makes clear. The collection contains 35 sermons 33 of which were edited 1616 by François d’Amboise and André Duchesne. Unfortunately the manuscript kept at the Sorbonne, used for the editio princeps, has disappeared. Only 6 out of the 33 sermons have survived, in three recently discovered manuscripts. A supplementary sermon (s. 34) of the same collection and a fragment of an extra sermon (against the Cistercians) turned up respectively in one of those manuscripts. Modern scholars have provided editions of the eight sermons that survived in the manuscripts. Well acquainted with Peter Abelard’s writings skills and style, the editor investigated and compared the six sermons of the editio princeps that are also present in the manuscripts. After this profound research, he took the immense job of re-editing the entire collection. Where necessary he intervened on the basis of his knowledge of the language and ideas of Abelard.

Manuale di epigrafia latina
0 0 0
Libri Moderni

Buonopane, Alfredo

Manuale di epigrafia latina / Alfredo Buonopane

Nuova ed

Roma : Carocci, 2020

Manuali universitari

Abstract: Le iscrizioni romane sono presenti ovunque: le incontriamo, infatti, non solo nelle raccolte di musei grandi e piccoli, ma anche nelle nostre città, collocate là dove sono da sempre, in quel che resta di un edificio romano oppure inserite nelle facciate di chiese e di antichi palazzi o all'interno di una boutique o di una pizzeria. Ed è proprio questa loro diffusione che le rende per noi tanto, troppo, familiari, così che le oltrepassiamo senza degnarle neppure di uno sguardo distratto, anche se con la loro silente presenza rievocano un mondo ormai lontano, ma ancora carico di suggestioni. Tutto ciò accade perché non le conosciamo, non sappiamo leggerle e comprenderle, ma, soprattutto, non sappiamo ascoltarle: queste iscrizioni, infatti, ci parlano, ci raccontano ognuna la storia di donne e uomini, che furono potenti e umili, poveri e ricchi, che soffrirono e gioirono nel loro percorso umano e che affidarono a una pietra il loro messaggio. Saperle ascoltare, tuttavia, non è né semplice né facile, perché occorre pazienza e competenza. In una nuova edizione aggiornata e ampliata, questo manuale fornisce dunque un pratico strumento di lavoro per quanti desiderino avvicinarsi allo studio delle iscrizioni, per capirle e valorizzarle.

In viaggio con i padri della letteratura italiana
0 0 0
Libri Moderni

Cavalieri, Raffaella <1976->

In viaggio con i padri della letteratura italiana : Dante Petrarca Boccaccio : saggi di geografia letteraria / Raffaella Cavalieri

Torino : Robin, 2020

Biblioteca del vascello

Abstract: Dante Alighieri; alcuni autori stranieri ottocenteschi si sono spinti sulle sue orme seguendo le parole della Divina Commedia, descrivendo alcune delle località evocate dal Poema. Itinerari e città vengono ricostruiti e illustrati lungo le pagine di questo viaggio e il libro riproduce inoltre le carte geografiche sulle quali gli autori hanno indicato i luoghi citati da Dante. Disegni, incisioni e acquarelli illustrano inoltre la zona casentinese dove le orme di Dante sono più evidenti e numerose. Francesco Petrarca viaggiò molto tra l'Italia e la Francia. Si interessò con ampio anticipo di geografia, di topografia e di eventi atmosferici e calamità naturali di cui racconta ogni dettaglio nella sua Guida ad un viaggio in Terra Santa, riprodotta all'interno del volume. Un ricco apparato iconografico illustra i luoghi petrarcheschi. Giovanni Boccaccio; partendo dalla piccola cittadina di Certaldo, il libro racconta il percorso letterario attraverso i luoghi reali o immaginari narrati nel Decameron.

Tractatus contra articulos Hussitarum
0 0 0
Libri Moderni

Iacobus : de#Clavaro - Bartholomeus : de#Ebraco - Petrus : de#Pulka

Tractatus contra articulos Hussitarum / Iacobus de Clavaro, Petrus de Pulka, Bartholomeus de Ebraco ; edidit Christina Traxler

Turnhout : Brepols, 2020

Corpus Christianorum. Continuatio Mediaevalis

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0
Alcuini Abbatis Sancti Martini Turonensis Excerptiones super Priscianum
0 0 0
Libri Moderni

Alcuinus

Alcuini Abbatis Sancti Martini Turonensis Excerptiones super Priscianum / cura et studio Louis Holtz et Anne Grondeux

Turnhout : Brepols, 2020

Corpus Christianorum. Continuatio Mediaevalis

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Conservées dans quatre manuscrits, dont un palimpseste, du IX siècle, les Excerptiones super Priscianum d’Alcuin constituent un témoin exceptionnel de la lecture de Priscien par le « maître des maîtres ». Cette mosaïque d’extraits nous montre comment Alcuin réordonne la lecture de Priscien dans la perspective résolument innovante de la syntaxe, rompant avec les utilisations ponctuelles qui pouvaient être auparavant faites de l’Ars Prisciani, par exemple pour commenter Donat ou éclairer tel point technique. Le caractère magistral de cette œuvre tient au fait qu’Alcuin se révèle le seul à avoir saisi que les seize premiers livres constituaient une propédeutique aux deux derniers et à la maîtrise qui lui permet de relier constamment les fils invisibles qui unissent les deux parties de l’ouvrage. L’édition critique est précédée d’une introduction et complétée par une série d’annexes centrées sur la méthodologie d’Alcuin.

Hugonis Eteriani epistolae de sancto et immortali  Deo compendiosa expositio fragmenta graeca quae extant
0 0 0
Libri Moderni

Eteriano, Ugo <ca. 1120-1182>

Hugonis Eteriani epistolae de sancto et immortali Deo compendiosa expositio fragmenta graeca quae extant / Ugo Eteriano ; ediderunt Pietro Podolak, Anna Zago

Turnhout : Brepols, 2020

Corpus Christianorum. Continuatio Mediaevalis

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: An Italian theologian in 12th_century Byzantium and his theological disputes against the Greek church. Despite his importance both as a historical figure in twelfth-century Constantinople and as a theologian, Hugh Eterianus and his output have remained almost unknown and his works never properly edited. In the wake of Antoine Dondaine’s seminal contributions, Pietro Podolak and Anna Zago have now produced a new critical edition of Hugh’s main treatise, De sancto et immortali Deo, based on a complete and systematic analysis of the manuscript tradition. The edition also includes four epistles transmitted with the treatise, and the editio princeps of the so called Compendiosa expositio, an anonymous commentary on Hugh’s work written by a contemporary. In an appendix, readers will also find the collection of the few extant fragments of the Greek version of the main treatise. Hugh Eterianus (1110/1120-1182) was one of the most influential theologians of the 12th century. He was born in Pisa and then moved to Byzantium, where he worked at the court of Manuel Comnenus. He was greatly appreciated for his deep knowledge of both Latin and Greek as well as for his expertise in theology and doctrinal controversies. He wrote many learned works on the relationship between Eastern and Western churches. His main oeuvre is De sancto et immortali Deo, composed around 1176-1177, at the culminating point of the Filioque controversy. In this treatise, Hugh supported the Latin side, arguing in favour the procession of the Holy Spirit from the Father and the Son.

La fortuna dei Foscari : silloge di documenti 1281-1530 / a cura di Dieter Girgensohn ; in collaborazione con Donato Gallo e Andreas Hillebrandt. 2
0 0 0
Libri Moderni

La fortuna dei Foscari : silloge di documenti 1281-1530 / a cura di Dieter Girgensohn ; in collaborazione con Donato Gallo e Andreas Hillebrandt. 2

Tractatus contra Graecos
0 0 0
Libri Moderni

Tractatus contra Graecos / cura et studio Andrea Riedl

Turnhout : Brepols, 2020

Corpus Christianorum. Continuatio Mediaevalis

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0
Ruperti Tuitiensis Anulus seu Dialogus de sacramentis fidei
0 0 0
Libri Moderni

Rupertus : Tuitiensis

Ruperti Tuitiensis Anulus seu Dialogus de sacramentis fidei / cura et studio Alessio Magoga

Turnhout : Brepols, 2020

Corpus Christianorum. Continuatio Mediaevalis

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: L’Anulus seu dialogus Christiani et Iudaei de sacramentis fidei è una delle opere meno voluminose del monaco benedettino Ruperto di Deutz, scrittore particolarmente prolifico, nato verso il 1075 nei dintorni di Liegi e morto nel 1129, abate del monastero di Sant’Eriberto di Deutz, vicino Colonia. Il titolo dell'opera fa riferimento all’anello che il padre misericordioso della parabola lucana (cfr Luc. 15, 11-32) dona al figlio prodigo, una volta ritornato alla casa paterna. Per Ruperto, che accoglie una tradizione risalente per lo meno ad Ambrogio e ad Agostino, l’anello della parabola è il simbolo della "vera fede", donata da Dio ai pagani che si convertono al cristianesimo. Costituito di soli tre libri e composto nel 1126, vale a dire nella fase più matura della produzione rupertiana, l’Anulus è un’opera di carattere apologetico e va collocata nel contesto del dibattito sulla "vera fede" tra cristiani ed ebrei del 12. secolo. Tale dibattito nella regione ove visse l’abate di Deutz conobbe un importante sviluppo, anche in forza della presenza di comunità ebraiche particolarmente vitali dal punto di vista economico e culturale. Strutturato a modo di "dialogo" tra un cristiano ed un ebreo, l’Anulus vede confrontarsi apertamente, quasi come in un "duello", i due interlocutori al fine di dimostrare la verità della propria fede. Pur conservando i tipici loci communes della polemica, l’Anulus si distingue da altre opere apologetiche cristiane del tempo in cui Ruperto visse per una maggiore pacatezza nei toni e per il vibrante anelito alla salvezza di tutti: sia dei cristiani sia degli ebrei.

Libri 7.-10.
0 0 0
Libri Moderni

Ardent, Radulphe <m.1101> - Radulphus : Ardens

Libri 7.-10. / [Radulfus Ardens] ; ediderunt Claudia Heimann, Stephan Ernst ; adiuuantibus Tobias Janotta, Anette Löffler

Turnhout : Brepols, 2020

Corpus Christianorum. Continuatio Mediaevalis

Fa parte di: Radulphus : Ardens. Radulfi Ardentis Speculum universale / ediderunt Claudia Heimann, Stephan Ernst

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0
Vol. [1]: Praefatio, indices
0 0 0
Libri Moderni

Vol. [1]: Praefatio, indices / Petri Cantoris ; edidit Stephen A. Barney

Turnhout : Brepols, ©2020

Corpus Christianorum. Continuatio Mediaevalis

Fa parte di: Petrus : Cantor. Petri Cantoris distinctiones Abel / edidit Stephen A. Barney

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0