Includi: almeno uno dei seguenti filtri
× Biblioteca Vicenza - Villa Tacchi
× Biblioteca Vicenza - Villaggio del Sole
× Biblioteca Vicenza - Anconetta
× Biblioteca Vicenza - Biblioteca Bertoliana
× Biblioteca Vicenza - Ferrovieri
× Biblioteca Vicenza - Laghetto
× Biblioteca Vicenza - Palazzo Costantini
× Biblioteca Vicenza - Riviera Berica
Includi: tutti i seguenti filtri
× Materiale A stampa
× Lingue Multilingua
Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Livello Collezioni
× Soggetto Maschi
× Editore Perna, Peter
6-7: Giosuè, Giudici
0 0 0
Libri Moderni

6-7: Giosuè, Giudici : ebraico, greco, latino, italiano : testo della Biblia hebraica Stuttgartensia ; traduzione interlineare italiana di Claudio Balzaretti ; testo greco dei Settanta, a cura di Rahlfs-Hanhart ; testo latino della Vulgata clementina ; testo italiano della Nuovissima Versione della Bibbia / a cura di Stefano Mazzoni

Cinisello Balsamo : San Paolo, 2022

Fa parte di: Bibbia ebraica interlineare

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Prosegue la pubblicazione della Bibbia Ebraica Interlineare. Al testo ebraico, su pagine dispari, si accompagnano, su pagine pari, la versione greca, latina e italiana. Il testo ebraico è accompagnato dalla traduzione interlineare che permette di entrare nella costruzione ebraica delle frasi e del lessico. La versione italiana facilita la comprensione del testo biblico. Testo ebraico della Biblia Hebraica Stuttgartensia. Traduzione interlineare italiana di Stefano Mazzoni. Testo greco dei Settanta a cura di Rahlfs - Hanhart. Testo latino della Vulgata Sisto-Clementina. Testo italiano della Nuovissima Versione della Bibbia dai testi originali.

Quaderno di traduzioni
0 0 0
Libri Moderni

Montale, Eugenio

Quaderno di traduzioni / Eugenio Montale ; a cura di Enrico Testa

Milano : Mondadori, 2021

Lo specchio. I poeti del nostro tempo

Abstract: Una prima edizione del Quaderno uscì nel 1948 nella collana di poesia diretta da Vittorio Sereni per le Edizioni della Meridiana, mentre quella ampliata e definitiva è del 1975. Costante la prevalenza della poesia di lingua inglese, a partire dai versi di Shakespeare per arrivare a importanti versioni da Yeats e Djuna Barnes, proposte nell'edizione del 1975 insieme a un testo del grande poeta greco Kavafis. L'antologia offre un vasto campionario di classici: Blake, Emily Dickinson, Hopkins, Melville, Joyce, Eliot, Leonie Adams, Thomas, per la lingua inglese, ma anche autori di altre letterature come Maragall, Milosz, Guillén. Un capitolo finale di elegante civetteria è poi costituito dalla versione in latino, realizzata da un raffinato e coltissimo poeta come Fernando Bandini, di un capolavoro quale è La bufera dello stesso Montale; che qui dunque appare non solo in veste di traduttore ma anche in quella di autore tradotto. Ed è un gioiello in più in un quaderno vitalmente aperto, nel quale, come scrive Enrico Testa, accanto ad autori «importanti per la formazione di Montale o comunque vicini al suo gusto critico se ne alternano altri che ad esso sono estranei». Ne scaturisce un'opera comunque decisamente montaliana, dalla tessitura molto articolata, nel segno di una sfida con le varie forme dei testi originali, allo scopo, felicemente raggiunto, di ricrearne il carattere poetico nel corpo e nelle intonazioni particolari della nostra lingua. L'appendice Scritti sui poeti tradotti affianca al lavoro creativo di Montale la sua produzione saggistica sugli stessi autori.

La dignità dell'uomo
0 0 0
Libri Moderni

Pico della Mirandola, Giovanni

La dignità dell'uomo / Giovanni Pico della Mirandola ; a cura di Raphael Ebgi ; traduzione di Francesco Padovani

Torino : Einaudi, 2021

Nuova universale Einaudi. Nuova serie

Abstract: Nel 1486 Pico scrisse l'introduzione a quelle Conclusiones che avrebbero dovuto essere discusse davanti ai sapienti della Chiesa, ma che finirono invece accusate di eresia, come il loro autore. Originariamente senza titolo, il testo venne denominato Oratio de hominis dignitate dall'edizione di Strasburgo del 1504. Dimenticato per piú di due secoli, venne riscoperto tra Ottocento e Novecento diventando una specie di manifesto dell'Umanesimo. Ora che le idee ottocentesche e primo-novecentesche sul Rinascimento e certe forzature interpretative dell'Oratio appaiono superate si può rileggere Pico reinnestando il suo pensiero nella temperie teologica della sua epoca. Ma la sua antropologia e la sua idea di cultura restano un vertice della filosofia italiana e continuano ad avere molto da dire anche nel nostro tempo.

Muta eloquenza
0 0 0
Libri Moderni

Niccoli, Ottavia

Muta eloquenza : gesti nel Rinascimento e dintorni / Ottavia Niccoli

Roma : Viella, 2021

La storia. Temi

Abstract: I nostri gesti, i gesti di oggi e quelli di cinque secoli fa, sono un dato fisiologico e costante nel tempo e nello spazio oppure sono influenzati dal contesto in cui vivono le donne e gli uomini che li compiono? E che cosa ci dicono le opere d'arte del Rinascimento sulla gestualità del loro tempo - e quindi sulla vita quotidiana, sulla devozione, sulla conquista e la definizione del potere, sui sentimenti vissuti o descritti? Cercando di rispondere a queste domande e ad altre correlate, questo libro tenta di tracciare un sentiero diverso da quelli consueti per entrare nella vita di un passato lontano dell'Europa e dell'Italia. Su quel sentiero ci imbattiamo in papi, sovrani, devoti, ma anche in giullari, ragazzi, pittori, figure del mondo inca, ebrei, sposi, esorcisti, e molti altri personaggi che ci vengono incontro cercando di farsi intendere da noi, uomini e donne d'oggi.

Norma e sanzione in Omero
0 0 0
Libri Moderni

Cantarella, Eva

Norma e sanzione in Omero : contributo alla protostoria del diritto greco / Eva Cantarella

Nuova ed

Roma : InSchibboleth, 2021

Talìa

Abstract: In questa riedizione dello studio monografico risalente al 1979, è possibile apprezzare l’attualità gnoseologica e il multidisciplinare impatto scientifico dell’indagine di Eva Cantarella sul diritto e le sue tecniche di attuazione nella società omerica. Il testo, mediante un approfondito richiamo al rapporto tra Omero e la civiltà micenea che prosegue nella diffusa analisi della natura e funzione del relativo epos, offre preziose notazioni metodologiche particolarmente rilevanti per lo studioso delle relazioni giusletterarie. All’esito dell’indagine, viene presentato nella sua rilevante complessità il carattere aperto del rapporto tra controllo sociale e diritto, al quale i poemi omerici e le testimonianze che essi offrono dell’organizzazione politico-giuridica del tempo restituiscono un respiro di assoluta modernità. Il volume, esemplarmente innovativo al momento della sua prima pubblicazione, costituisce ancora oggi un modello di metodo e di stile per le ricerche di Diritto e Letteratura (qui, Diritto nella Letteratura), il che ne giustifica la collocazione in apertura della collana.

L'infanzia nell'alto Medioevo
0 0 0
Libri Moderni

L'infanzia nell'alto Medioevo

Spoleto : Fondazione Centro italiano di studi sull'alto Medioevo, 2021

Atti delle settimane di studio

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0
L'aristocrazia nella società francese del Medioevo
0 0 0
Libri Moderni

Barbero, Alessandro <1959- >

L'aristocrazia nella società francese del Medioevo : analisi delle fonti letterarie (secoli 10.-13.) / Alessandro Barbero

Bari ; Roma : Laterza, 2021

Storia e società

Abstract: Il Medioevo è tutt'altro che un’epoca immobile e gerarchica, è al contrario un periodo di grande tensione sociale in cui il potere e i privilegi del ceto dominante erano continuamente contestati. Alessandro Barbero lo dimostra analizzando i conflitti fra gruppi sociali che attraversavano la società di quello che era allora il più importante paese d’Europa, il regno di Francia, e che rendevano instabile e vulnerabile il dominio del ceto nobiliare. I conflitti messi in luce si articolano su tre assi: quelli interni all’aristocrazia stessa, con la rivalità fra i potenti, principi e castellani, e i cavalieri loro vassalli; quelli fra l’aristocrazia laica e il clero, la cui influenza sulla società si traduceva spesso in una dura critica dei costumi cavallereschi e che a sua volta era violentemente contestato dai nobili; infine la vera e propria lotta di classe che opponeva il mondo aristocratico a quello mercantile e contadino. L’analisi è condotta su un vastissimo patrimonio di fonti letterarie, in particolare cronache e chansons de geste, e arricchita da frequentissime citazioni delle fonti, che offrono un vivido panorama della mentalità e dei comportamenti dell’epoca. L’aristocrazia nella società francese del Medioevo è la riedizione di uno dei primi importanti saggi medievistici di Alessandro Barbero, uscito la prima volta nel 1987.

La guerra in età moderna
0 0 0
Libri Moderni

Brunelli, Giampiero

La guerra in età moderna / Giampiero Brunelli

Bari ; Roma : Laterza, 2021

Storia e società

Abstract: A partire dalla fine del XV secolo l'Occidente europeo cambia radicalmente il modo di combattere. Le armi da fuoco diventano finalmente efficienti. Si passa rapidamente dall'archibugio al moschetto, al fucile a baionetta. Le fortificazioni si trasformano: i bastioni a punta di freccia sostituiscono le mura alte e merlate. Nel frattempo si rinnova l'organizzazione delle forze armate. La dimensione degli eserciti cresce enormemente e muta anche la loro composizione: la fanteria diventa la regina delle armi e la cavalleria la specialità dei giovani gentiluomini. Si tratta di ordinamenti sempre più professionalizzati. Dai mercenari del Seicento, accompagnati in guerra anche da donne e bambini, ai reparti ben allineati e disciplinati del Settecento. Nella guerra sul mare dominano le acque i grandi vascelli, che montano a bordo fino a 120 cannoni. Ovunque servono equipaggi addestrati, materiali, pezzi da fuoco e munizioni: cioè denaro, denaro, denaro. Così la guerra diventa un costosissimo affare di Stato. Insomma, finita l'era 'romantica' dei combattimenti faccia a faccia con la spada, i nuovi protagonisti sono un nuovo genere di soldati, addestrati e specializzati. In questo libro li vedremo in azione e ne riascolteremo le esperienze e le emozioni.

Traduzioni trapianti imitazioni
0 0 0
Libri Moderni

Zanzotto, Andrea

Traduzioni trapianti imitazioni / Andrea Zanzotto ; a cura di Giuseppe Sandrini

Milano : Mondadori, 2021

Lo specchio. I poeti del nostro tempo

Abstract: Nel vastissimo orizzonte culturale di Andrea Zanzotto, entrano grandi figure di epoche e letterature diverse, rispetto alle quali, fin dalla giovinezza, il nostro autore si impegna in un confronto attivo, in un lavoro di traduzione che preferisce definire "imitazione". Si tratta, per usare un'altra sua efficace espressione, di "fantasie di avvicinamento", di cui questo volume ci offre un nuovo e imprescindibile percorso, che parte dai primi abbozzi, condotti su testi di Hölderlin, Rimbaud e García Lorca, e include anche una ventina di versioni del tutto inedite, predisposte per un quaderno di traduzioni che non si realizzò. Come scrive Giuseppe Sandrini, Zanzotto aveva coltivato, «in anni cruciali per la sua produzione, la traduzione poetica in forma di impegno critico e divulgativo», e lo dimostra, per esempio, il suo partecipe approccio all'opera di Éluard. Seguirono poi, nella sua geniale versatilità, in sintonia con autori che ne avevano coinvolto la passione e l'attenzione, traduzioni da Michaux, anche nel segno di una netta predilezione per la letteratura francese, dimostrata dai numerosi autori prescelti, da Ronsard fino a Frénaud. Questo libro si articola peraltro in vari capitoli o rubriche, secondo le diverse lingue e letterature di appartenenza, e perciò, oltre che dal francese, presenta versioni dal tedesco, dallo spagnolo, dall'inglese, dal romeno e, in appendice, dal portoghese; ma anche dal latino o dal friulano. Un cammino che produce "imitazioni" inedite dall'amato Virgilio, da Pessoa, da Pasolini, addentrandosi nientemeno che nell'inno "Eleusis" di Hegel. Ci troviamo di fronte alla solidissima conferma dell'inesausta attitudine a un'esplorazione ininterrotta di Zanzotto nei più diversi campi in cui la parola poetica può manifestarsi. Beninteso, per essere mirabilmente ricreata dalla sensibilità e dalla magistrale abilità di artefice di un autore capace di assumerne valori e spunti essenziali nel corpo della propria opera.

Allegoria
0 0 0
Libri Moderni

Zambon, Francesco <1949- >

Allegoria : una breve storia dall'antichità a Dante / Francesco Zambon

Roma : Carocci, 2021

Frecce

Abstract: L'allegoria non gode in genere di una buona reputazione fra scrittori, critici e teorici della letteratura, tanto da essere stata definita da Borges addirittura un «errore estetico». Malgrado le importanti rivalutazioni novecentesche (come quelle, decisive, di Curtius e Auerbach per la letteratura medievale e di Benjamin per quella barocca), forse sussiste ancora una certa confusione riguardo alla sua precisa natura, nel suo duplice aspetto di metodo ermeneutico (la cosiddetta "allegoresi") e di forma espressiva, e mancano anche panoramiche esaurienti dei suoi sviluppi nel corso dei secoli e nelle diverse letterature. Lo scopo del libro è quello di ricostruire, in un'agile sintesi, la storia dell'allegoria nella fase più creativa, dalle sue origini nella letteratura greca e latina fino alla nascita dell'esegesi biblica in ambito ebraico e poi cristiano e alla fioritura, nella tarda antichità e nel Medioevo, di una vera e propria produzione allegorica, che avrà uno splendido coronamento nel Duecento e nel Trecento con capolavori come il Roman de la Rose e la Commedia di Dante, vero culmine di questa tradizione.

Né crociata né ğihād
0 0 0
Libri Moderni

Cipollone, Giulio

Né crociata né ğihād : quando papi e sultani avevano lo stesso linguaggio di guerra / Giulio Cipollone

Bologna : Il mulino, 2021

Abstract: Tutte le confessioni religiose implicano un dentro e fuori culturale che non di rado diventa «o dentro o fuori». La pubblicazione delle lettere emanate dalle cancellerie di sultani e di papi del tempo di crociate e gihad, mostra ampiamente e in modo «scandaloso» che i capi religiosi promuovono e incitano alla guerra con le stesse parole. Nel mentre del furore bellico, «eretici» e obiettori di coscienza, come peacemakers, si distanziano dalle politiche guerriere dei capi religiosi e prendono la strada dell'inclusione e del servizio umanitario, in palese alternativa all'inestinguibile pratica dell'inimicizia e della guerra. A quest'ultimo proposito nell'opera, è particolarmente esaminato il problema della liberazione dei "captivi", i prigionieri sia cristiani che musulmani, e di come l'ordine religioso disarmato dei Trinitari - la cui regolo fu approvata da papa Innocenzo III nel 1198 - si adoperò in questo senso. A Roma ancora oggi è visibile un mosaico (ca. 1210), opera unica in tutta la storia dell'arte, che mostra Cristo pantocratore che libera prigionieri cristiani e musulmani vittime di «guerre sante». Nel volume sono Nel 2021, mentre ancora in modo blasfemo pretesti religiosi cercano appigli per alimentare esclusione e razzismo, Papa Francesco insieme al Grande Imam sunnita di al-Azhar, Ahmad al-Tayyib e al Grande Ayatollah sciita Sayyid 'Alouk al-Husayni al-Sistani, offrono motivi di speranza impegnandosi «On Human fraternity for world peace and living together». Il volume offre spazi per una riflessione odierna, collocandosi con una propria originalità nel campo del dialogo della vita: collaborazione e gesti concreti di tolleranza, giustizia e pace.

La conoscenza scientifica nell'alto Medioevo : Spoleto, 25 aprile-1 maggio 2019. Tomo 1
0 0 0
Libri Moderni

La conoscenza scientifica nell'alto Medioevo : Spoleto, 25 aprile-1 maggio 2019. Tomo 1

Spoleto : Fondazione Centro italiano di studi sull'alto Medioevo, 2020

Fa parte di: La conoscenza scientifica nell'alto Medioevo : Spoleto, 25 aprile-1 maggio 2019

La conoscenza scientifica nell'alto Medioevo : Spoleto, 25 aprile-1 maggio 2019. Tomo 2
0 0 0
Libri Moderni

La conoscenza scientifica nell'alto Medioevo : Spoleto, 25 aprile-1 maggio 2019. Tomo 2

Spoleto : Fondazione Centro italiano di studi sull'alto Medioevo, 2020

Fa parte di: La conoscenza scientifica nell'alto Medioevo : Spoleto, 25 aprile-1 maggio 2019

Oikos
0 0 0
Libri Moderni

Oikos : poeti per il futuro / a cura di Stefano Strazzabosco ; premessa di Filippomaria Pontani e Alberto Camerotto ; disegni di Luciano De Nicolo

Editio maior

Milano ; Udine : Mimesis, 2020

Mimesis. Classici contro

Abstract: L'idea è proprio questa, antichissima. Almeno dai tempi di Omero. Da sempre la voce della poesia è parola civile, parola condivisa, parola che rimane attraverso il tempo. Attorno alle parole ci incontriamo, con le parole pensiamo, le parole danno senso alla nostra vita. Ma la parola poetica è nella sua essenza parola controcorrente, perché ci mette in dubbio, perché diventa nuovo appiglio per guardare il mondo in modo diverso, per infrangere i nostri errori, per aprire altre prospettive. Se oggi parliamo di natura e di ambiente, di quello che è l'oikos in cui abitiamo, la poesia ci può aiutare. Da ogni parte di una terra violata i poeti hanno inviato le loro parole in difesa della natura. Ma nell'idea c'è un pensiero forse ancor più grande, perché sono i nostri giovani, tra le scuole e le università, che hanno lo sguardo aperto sul futuro e che sono i protagonisti della protesta contro l'arroganza evidente e mostruosa dell'antropocene, i portavoce della poesia e della natura. Le foglie sono il simbolo di questa azione, stanno sulla copertina, sono sparse tra le pagine del libro. Sono le stesse foglie di Omero, che ricordano agli uomini la loro fragilità: ci dicono che siamo parte della natura e che in questo sta il nostro significato, ci mettono davanti agli occhi la nostra hybris, la cecità e l'avidità che uccidono l'oikos in cui viviamo e noi stessi. Premessa di Filippomaria Pontani e Alberto Camerotto.

Catalogo del fondo Cesare Grassetti della Fondazione Giorgio Cini
0 0 0
Libri Moderni

Fondazione Giorgio Cini

Catalogo del fondo Cesare Grassetti della Fondazione Giorgio Cini / [a cura di] Daniele Danesi, Ilenia Maschietto

Firenze : Olschki, 2020

Biblioteca di bibliografia

Abstract: Nel 2008 la Fondazione Giorgio Cini riceve, per lascito testamentario, la raccolta di libri antichi appartenuti all’Avv. Cesare Grassetti. La collezione di 832 edizioni del Quattro e Cinquecento manifesta la preferenza del collezionista per i libri stampati tra il 1470 e il 1530 e per i libri scientifici, le rarità e alcune opere devozionali. Con l’intenzione di valorizzare la singolarità della collezione, viene dato ampio spazio alle peculiarità degli esemplari che restituiscono, insieme agli indici posti in fine, il ritratto del collezionista attraverso la sua biblioteca.

What happened in the library?
0 0 0
Libri Moderni

What happened in the library? : readers and libraries from historical investigations to current issues : International Research Seminar : Roma, 27-28 settembre 2018 / a cura di Enrico Pio Ardolino, Alberto Petrucciani e Vittorio Ponzani

Roma : Associazione italiana biblioteche, 2020

Abstract: Cosa è successo nel passato, e cosa succede oggi, nelle biblioteche? Il seminario internazionale “What happened in the library?” ha analizzato l’uso e la frequentazione delle biblioteche, in particolare quelle pubbliche, da una prospettiva storica incentrata sull’età contemporanea e indirizzata a esplorare, con ricerche originali e confronti sulle iniziative in corso in vari paesi, l’importanza che esse hanno avuto nella formazione culturale e personale di tante lettrici e lettori. La ricerca storica può contribuire alla comprensione del ruolo sociale e della funzione delle biblioteche pubbliche oggi (a cui è dedicata una sessione) e a una più solida progettazione della loro attività in una società fluida e attraversata da molteplici tensioni. Contributi di Enrico Pio Ardolino, Lorenzo Baldacchini, Rosa Marisa Borraccini, Flavia Bruni, Simonetta Buttò, Eleonora De Longis, Laura Desideri, Chiara De Vecchis, Arianna D’Ottone Rambach, Chiara Faggiolani, Anna Galluzzi, Aurora González-Teruel, Rosa Maiello, Lorenzo Mancini, Antonio Manfredi, Denis Merklen, Alberto Petrucciani, Vittorio Ponzani, Mariangela Roselli, Domenico Scarpa, Giovanni Solimine, Alessandra Toschi, Mark Towsey, Antonella Trombone, Simona Turbanti.

Oikos
0 0 0
Libri Moderni

Oikos : poeti per il futuro / a cura di Stefano Strazzabosco ; premessa di Filippomaria Pontani e Alberto Camerotto ; disegni di Luciano De Nicolo

Milano ; Udine : Mimesis, 2020

Mimesis. Classici contro

Abstract: "Questo libro riunisce ottantuno poeti del mondo intorno al focolare simbolico della casa comune, vale a dire di "oikos". (...) Nell'invitare gli amici a partecipare a questo progetto - inviando una poesia o una prosa poetica che parlassero della natura o di un suo dettaglio, di quanto ci lega alla terra e all'ambiente, del riscaldamento globale, etc. scrivevo che sarebbe puerile pensare che i nostri versi possano modificare i destini generali, e tuttavia bisogna scommetterci". L'idea è proprio questa, antichissima. Almeno dai tempi di Omero. Da sempre la voce della poesia è parola civile, parola condivisa, parola che rimane attraverso il tempo. Attorno alle parole ci incontriamo, con le parole pensiamo, le parole danno senso alla nostra vita. Ma la parola poetica è nella sua essenza parola controcorrente, perché ci mette in dubbio, perché diventa nuovo appiglio per guardare il mondo in modo diverso, per infrangere i nostri errori per aprire altre prospettive. Se oggi parliamo di natura e di ambiente, di quello che è l'oikos in cui abitiamo, la poesia ci può aiutare. Da ogni parte di una terra violata i poeti hanno inviato le loro parole in difesa della natura. Ma nell'idea c'è un pensiero forse ancor più grande, perché sono i nostri giovani, tra le scuole e le università, che hanno lo sguardo aperto sul futuro e che sono i protagonisti della protesta contro l'arroganza evidente e mostruosa dell'antropocene, i portavoce della poesia e della natura. Le foglie sono il simbolo di questa azione, stanno sulla copertina, sono sparse tra le pagine del libro. Sono le stesse foglie di Omero, che ricordano agli uomini la loro fragilità: ci dicono che siamo parte della natura e che in questo sta il nostro significato, ci mettono davanti agli occhi la nostra hybris, la cecità e l'avidità che uccidono l'oikos in cui viviamo e noi stessi.

I prelibri
0 0 0
Libri Moderni

Munari, Bruno

I prelibri : the generation chain, from child to grandchild / Bruno Munari

8. ristampa

Mantova : Corraini, 2019

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: I PRELIBRI, un volume di culto ormai, sono stati pubblicati per la prima volta da Danese nel 1980. Sono una serie di 12 piccoli libri (10 x 10 cm) dedicati ai bambini che non hanno ancora imparato a leggere e scrivere, disegnati per adattarsi alle loro mani e assemblati usando diversi tipi di materiali, colori e rilegature. Offrono una varietà di stimoli, sensazioni e emozioni, che nascono dall'accostamento di percezioni e immagini: "dovrebbero dare la sensazione che i libri siano effettivamente fatti in questo modo, e che contengano sorprese. La cultura deriva in effetti dalle sorprese, ossia cose prima sconosciute" (Bruno Munari).

Il libro della Costituzione
0 0 0
Libri Moderni

Onida, Valerio - Piumini, Roberto

Il libro della Costituzione / Valerio Onida, Roberto Piumini ; illustrazioni di Emanuele Luzzati ; testimonianza di Elizabeth Arquinigo Pardo

Milano : Sonda, 2019

Orgoglio civile

Abstract: Un libro che presenta la Costituzione come una storia avvincente e appassionante. Una lettura emozionante per i ragazzi, uno strumento didattico prezioso per educatori e insegnanti. La prima parte della Costituzione in 12 lingue: albanese, arabo, cinese, ebraico, francese, inglese, portoghese, rumeno, russo, spagnolo, tedesco. La versione in poesia di Roberto Piumini e le illustrazioni di Emanuele Luzzati presentano i valori della Costituzione in 15 parole chiave: dalla Democrazia al Tricolore, passando per i Diritti umani e la Pace. Il costituzionalista Valerio Onida racconta i primi 12 articoli della Costituzione, con i consigli per applicarli nella vita di tutti i giorni. L'attivista per il Movimento degli Italiani senza cittadinanza Elizabeth Arquinigo Pardo testimonia che non importa da dove vieni: italiani si può nascere, ma soprattutto si diventa. Dalla Presentazione del già presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi: «La Costituzione usa parole semplici e belle, che appartengono a tutti noi, per parlare ai suoi cittadini, figli dell'Italia e della più grande Patria europea. Queste parole sono la chiave giusta per aprire la porta dell'educazione alla legalità, al dialogo e al rispetto delle diversità». Età di lettura: da 8 anni.

Victoria
0 0 0
Libri Moderni

Dal_Santo, Gaetano

Victoria : 5. centenàrio 1519-2019 primeira volta ao mundo Magalhães, Elcano, Pigafetta / Gaetano Dal Santo

2. ed

[S. l. : s. n.], 2019 : Tip. Moderna) (Montagnana)

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Con un interessante apparato di disegni e col supporto di dati precisi, viene presentata la prima circumnavigazione della Terra, iniziata appunto nel 1519 da Magellano e che, dopo la sua morte, fu conclusa dal capitano Elcano al comando della nave Victoria. Gaetano dal Santo debitamente colloca l’impresa nel periodo storico delle grandi scoperte geografiche, iniziato da Cristoforo Colombo nel 1492; intenzionato, come diceva, a “buscar el levante por el ponente” il viaggio del genovese Colombo con le tre caravelle, come sappiamo, finì sulle coste di quel continente che, da Amerigo Vespucci, sarà successivamente chiamato America. Sullo stesso principio del “buscar el levante” andando verso ovest, Magellano compirà l’impresa di oltrepassare lo stretto che da lui prese il nome di Stretto di Magellano, per affrontare quindi la traversata dell’oceano Pacifico, il tutto in quasi 3 anni di non facile e spesso pericolosa navigazione. Ferdinando Magellano, comunque, non poté portare a fine la sua impresa, essendo stato ucciso dai selvaggi nelle attuali Filippine; fu quindi il capitano Elcano a riportare la ‘Victoria’, unica nave rimasta, fino al porto di partenza, completando così la prima circumnavigazione del globo terracqueo.Oltre che seguire gli arditi marinai nella loro avventura, Gaetano Dal Santo ci presenta anche l’ambiente in cui è stata concepita e le motivazioni politiche che l’hanno promossa, e cioè il tentativo di rivalsa del re Carlo di Spagna nei riguardi del regno del Portogallo che, essendo arrivato per primo sul nuovo continente con l’impresa di Cristoforo Colombo, avrebbe potuto ora colonizzare il nuovo Mondo, con tutte le ricchezze che già allora offriva. Gaetano Dal Santo ci fa infine orgogliosamente sapere che l’impresa di Magellano è stata narrata dal cronista vicentino Antonio Pigafetta. Resta comunque il fascino di un’impresa di 500 anni fa che ancor oggi, nell’era dell’Homo Digitalicus, ha dello straordinario, con protagonisti uomini profondamente convinti delle loro idee, portate avanti con grande coraggio e determinazione.