Lettera del conte Girolamo Asquini al chiarissimo signor abate d. Giuseppe Venturi sopra un vecchio sigillo, e sugli antichi confini del territorio della provincia veronese col Trentino