Includi: nessuno dei seguenti filtri
× Livello Collezioni
× Data 2000
× Target di lettura Prescolare, età 0-5
Includi: tutti i seguenti filtri
× Materiale Registrazioni non musicali
× Nomi Eugenio Farn

Trovati 68 documenti.

Risultati da altre ricerche: Catalogo delle biblioteche della città di Vicenza

Cartesio – Discorso sul metodo e La ricerca della verità
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

Cartesio (René Descartes) - Eugenio Farn

Cartesio – Discorso sul metodo e La ricerca della verità

il Narratore audiolibri, 05/08/2014

Abstract: Anteprima audio: Con il “Discorso sul metodo” di Cartesio (René Descartes) (1637) potete ascoltare alcune delle pagine che hanno fatto la storia del moderno pensiero occidentale. Cartesio pone le basi filosofiche del “Cogito ergo sum” e del famoso, ormai diventato luogo comune, “dubbio cartesiano”. Non solo filosofia ma anche inimitabile letteratura che descrive con grande chiarezza lo stato spirituale e mentale di un uomo che ha ipostatizzato quella frattura, quella definitiva separazione fra Mente e Corpo e che ancor oggi solleva enormi problemi di epistemologia, vale a dire questioni vitali legate al “pensare a come pensiamo”. Nel dialogo eminentemente socratico “La ricerca della verità mediante il lume naturale" Cartesio evoca la figura del filosofo sotto la veste di Eudosso ed espone in forma piana, pedagogica, i punti nodali della sua speculazione metafisica.Contenuto: 1) Discorso sul metodo 2) La ricerca della verità mediante il lume naturale 3) Cronologia 4) Gli scrittiDownload (size) =1 file zip (mp3) 128 Kbps – 168 Mb

L'origine dell'uomo
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

Charles Darwin - Eugenio Farn

L'origine dell'uomo

il Narratore audiolibri, 06/08/2014

Abstract: Anteprima audio: “L’origine dell’uomo” (1871) (The descent of man, and selection in relation to sex) si inserisce nel grande dibattito avviato con “L’origine delle specie” fra scienziati, teologi, filosofi dell’Ottocento, soprattutto Lamarck, Lyell, Huxley e molti altri, ma in particolare sembra una risposta scientificamente necessaria da parte dell’autore alle prese di posizione antievoluzionistiche del vescovo Wilberforce, e mira decisamente a dimostrare l'origine animale dell'uomo sulla base di precise considerazioni anatomiche, fisiologiche ed embriologiche. La somiglianza anatomica ed embriologica dell'uomo con gli animali (specialmente quelli considerati superiori) era stata chiarita in modo tale che ormai l'unica plausibile spiegazione risultava quella di una comune discendenza. Ben più difficile appariva invece la questione dell'origine delle facoltà morali ed intellettuali dell'uomo. Per dimostrare che non vi è una differenza fondamentale fra le facoltà mentali dell'uomo e quelle dei mammiferi superiori Darwin illustra la ricchezza e complessità di atteggiamenti che si notano nel comportamento di questi animali. Lo fa raccontando episodi che mostrano in essi i diversi stati di piacere, dolore, terrore, gelosia, ecc. Accanto a queste situazioni emotive, in cui si intravede vividamente la somiglianza con l'uomo, vi sono anche chiare analogie di atteggiamenti conoscitivi come curiosità, meraviglia, capacità di apprendere e di usare strumenti. Egli non misconosce certo le differenze fra gli animali e l'uomo. La più grande fra esse è il senso morale o coscienza; ma anche per questa è possibile trovare una spiegazione scientifica, individuando la sua origine nell'istinto di socievolezza e di solidarietà che manifestano gli animali. La prosa darwiniana è molto ‘narrativa’ e di grande chiarezza e l’ascolto ne risulta facilitato anche grazie alla perizia nella lettura di Eugenio Farn.Contenuto: Introduzione – Parte prima: capitoli 1-7 – Sommario e conclusione (versione mancante della seconda parte dedicata alla “Selezione sessuale”)Download (size): 1 file zip (mp3)128 Kbps – 400 Mb

I Diritti internazionali - le Dichiarazioni dell'ONU
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

O.N.U. - Eugenio Farn

I Diritti internazionali - le Dichiarazioni dell'ONU

il Narratore audiolibri

Abstract: Anteprima audio: Un’edizione in audio delle più importanti Dichiarazioni dell’ONU compresa la ‘Dichiarazione Universale dei Diritti Umani’. La pubblicazione è rivolta in particolar modo ai giovani, studenti e non, che poco o nulla conoscono della storia dei diritti delle donne, degli uomini e dei bambini a così tanti anni dalla loro proclamazione su scala planetaria. L’educatore che utilizzerà questi ascolti con il suo uditorio, potrà proporre un percorso di crescita vivace e coinvolgente, fornendo al suo pubblico le informazioni necessarie ad uno scambio reciproco di idee, al fine di realizzare un dialogo costruttivo che porti ad un'analisi il più possibile libera dai luoghi comuni ed oggettiva. E’ la cultura del rispetto, dell’accettazione del diverso, della collaborazione e cooperazione fra le persone che è in gioco in questo inizio di secolo e la necessità di rompere le barriere dell'indifferenza, della disinformazione, degli stereotipi che provocano discriminazione e violazione dei diritti dell' "altro-da-sé" che vive accanto a noi, in altre parole della sua "umanità".Contenuto: 1) Presentazione 2) Dichiarazione universale dei diritti umani 3) Dichiarazione UNESCO sulla razza e sui pregiudizi razziali  4) Convenzione ONU sull’eliminazione di ogni forma di discriminazione nei confronti della donna 4) Convenzione ONU sui Diritti dell'Infanzia (versioni integrali)Download (size) = 1 file zip (mp3) 128 Kbps –105 Mb

I fermenti religiosi nell'Europa del '500: Riforma e Controriforma
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

AA. VV. - Eugenio Farn

I fermenti religiosi nell'Europa del '500: Riforma e Controriforma

il Narratore audiolibri, 10/07/2014

Abstract: Anteprima audio: L'opera ci parla degli avvenimenti epocali che scossero l'età del Rinascimento in Italia e in Europa: la Riforma protestante di Lutero, Calvino, Zwingli e la parallela lotta della Chiesa cattolica per contrastarla ed annunciare una propria riforma interna che si concretizzò nelle decisioni del Concilio di Trento (la cosiddetta Controriforma). L'audiolibro è suddiviso in parti facili da seguire: la "Descrizione" degli eventi principali del secolo XVI, le "Testimonianze" delle fonti dell'epoca (le parole di Lutero, di Calvino, dei Papi o di Giordano Bruno e Menocchio), e i "Testi storiografici" che presentano brani di analisi storiografica di studiosi moderni su temi come l'eresia, la caccia alle streghe, i Gesuiti, l'interpretazione delle Scritture, ecc. Un ascolto agile e approfondito nello stesso tempo, per tutti coloro che vogliono conoscere le origini delle attuali strutture ideologiche e religiose dell'Occidente cristiano. Contenuto: Riduzione da Marco Manzoni, Francesca Occhipinti (a cura di), "I territori della storia. Quadri, testimonianze, storiografia", Vol. I°, tomo II°, "Un'epoca di grandi conflitti. Secoli XVI° e XVII°", Einaudi Scuola, Milano, 1998. (N.B.: ciascun file zip-mp3 contiene anche l'Indice generale per capitoli dell'opera in formato.doc)Download (size) = 1 file zip (mp3) 128 Kbps – 487 Mb tot.

Guerre del Tempo
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

Jeremy Rifkin - Eugenio Farn

Guerre del Tempo

il Narratore audiolibri

Abstract: Anteprima audio: “Guerre del Tempo” è un’opera divulgativa in cui Jeremy Rifkin, fra i massimi studiosi degli impatti ambientali, sociali, economici e culturali delle nuove tecnologie introdotte dall’economia globale, mette in relazione la concezione del tempo con lo sviluppo della società. Partendo dall’osservazione che ogni essere vivente ha una propria concezione del tempo naturale e innata, l’autore passa a considerare gli impatti sociali e ambientali causati da variazioni di questa concezione “naturale”. Tali cambiamenti sono indotti da innovazioni scientifiche e tecnologiche, politiche ed economiche, per esempio l’aumento del ritmo del lavoro in seguito alla rivoluzione industriale e all’avvento dell’era informatica; le manipolazioni genetiche nell’agricoltura; lo sfruttamento delle risorse energetiche e così via...L’autore infine mette in guardia dai rischi causati dall’eccessiva ricerca dell’efficienza, della produttività e della rapidità.Contenuto: 1) Presentazione 2) Introduzione 3) La nuova cultura dei nanosecondi 4) Cronobiologia: gli orologi che regolano la vita 5) Zone temporali antropologiche 6) La società dell’efficienza 7) L’immagine del progresso 8) Al di là della destra e della sinistra. (riduzione del testo a stampa: Jeremy Rifkin, Guerre del tempo, ediz. Bompiani, 1989Download (size) = 1 file zip (mp3) 128 Kbps – 207 Mb

Il crollo della mente bicamerale e l'origine della coscienza
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

Julian Jaynes - Eugenio Farn

Il crollo della mente bicamerale e l'origine della coscienza

il Narratore audiolibri

Abstract: Anteprima audio: Un audiolibro di ‘paleo-psicologia’ contenente alcuni brani estratti dal saggio “Il crollo della mente bicamerale e l'origine della coscienza”, che si propone di dare un'idea dell’affascinante e sofisticata teoria sull'origine della coscienza ipotizzata dallo psicologo statunitense Julian Jaynes. Alla sua pubblicazione (nel 1976) quest’opera si presentò come un lavoro ‘pionieristico’ che suscitò ampie discussioni (e critiche) nella comunità scientifica. L’autore attinge da una mole sorprendente di dati provenienti da ambiti disciplinari differenti - fisiologia e patologia, psicologia e sociologia, storia, letteratura, archeologia, ecc. - e costruisce un quadro unitario al cui centro vi è lo studio dello sviluppo delle relazioni fra i due emisferi cerebrali dell’uomo a partire dal paleolitico fino agli ultimi secoli dell’era pre-cristiana. Fu questo periodo, secondo l’autore, che traghettò l’uomo da una mentalità definita “bicamerale” in cui le relazioni fra l’emisfero cerebrale destro (il ‘cervello-dio’) e quello sinistro (il ‘cervello-uomo’) venivano interpretate in termini allucinatori (come tuttora si verifica in alcuni casi di schizofrenia o sotto ipnosi o nella trance) fino allo sviluppo di una vera e propria coscienza individuale. Contenuto: riduzione del testo a stampa: Julian Jaynes, Il crollo della mente bicamerale e l'origine della coscienza, ediz. Adelphi, 1996 Download (size) = 1 file zip (mp3) 128 Kbps – 216 Mb

L'Islam globale
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

Khaled Fouad Allam - Eugenio Farn

L'Islam globale

il Narratore audiolibri, 05/08/2014

Abstract: Anteprima audio: Il rapporto tra Islam ed Occidente è al centro di questo saggio di Khaled Fouad Allam. L’autore chiarisce subito che l’Islam non è un sistema omogeneo nè tanto meno statico. Come tutte le culture, si evolve, cresce, si modifica, e, come dimostra la tragica esperienza dell’11 settembre, sta attraversando una profonda crisi di passaggio. La civiltà islamica, malata di “occidentalite" – termine coniato dal pensiero musulmano per definire la patologica attrazione esercitata dalla cultura occidentale – si è trovata ad un bivio significativo: entrare a far parte del “villaggio globale”, modificando la propria identità, o rifiutarlo, richiamandosi ai valori della tradizione. La reazione estremista, il nuovo fondamentalismo, che associa la violenza al sacro, nasce perciò, nella visione di Allam, dalla frustrazione di una comunità che si sente usurpata della propria autonomia.Contenuto: (riduzione del testo a stampa: Khaled Fouad Allam, “L’Islam globale”, ediz. Rizzoli,2002) 01) Introduzione – L’ingegnere e il capo tribù 02) Delocalizzazione e riformulazione dell’Islam 03) Islam e politica 04) Ideologizzazione dell’Islam 05) L’Occidente malattia dell’Islam 06) Le tappe della malattia 07) Iran punto di congiunzione 08) L’occidentalite 09) Il rifiuto dell’Occidente 10) Ideologizzazione della tradizione 11) Che cos’è un linguaggio religioso 12) Teoria e pratica del revanscismo 13) L’occidentalismo di Hanafi 14) L’iperconservatorismo 15) Il nuovo intellettuale militante dell’Islam contemporaneo 16) L’uomo perfetto 17) L’iperterrorismo 18) Ermeneutica della violenza 19) Jihad: martirio, suicidio - lo stato della questione 20) Alcuni contesti Download (size) = 1 file zip (mp3) 128 Kbps – 169 Mb tot.

L. Cavalli Sforza, P. Menozzi, A. Piazza - Storia e geografia dei geni umani
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

AA. VV. - Eugenio Farn

L. Cavalli Sforza, P. Menozzi, A. Piazza - Storia e geografia dei geni umani

il Narratore audiolibri, 06/08/2014

Abstract: Anteprima audio: L’opera che proponiamo all’ascolto è fondamentale – secondo l’autorevole rivista “Science” - per chi vuole cominciare a capire il rapporto fra il nostro patrimonio genetico e la storia delle civiltà. Come e da dove ebbero origine le diverse popolazioni umane? Quali percorsi seguirono via via che si distribuivano nei vari continenti, si differenziavano fra loro e si moltiplicavano? Che ruolo ha avuto l' evoluzione culturale e tecnologica? Quali e quante lingue sono parlate al mondo? Esistono veramente le “razze” umane ? A queste, e a molte altre domande, affascinanti e grandiose, offre una risposta un'opera che fin dalla sua prima pubblicazione in USA nel 1994 (la versione italiana è di Adelphi, 1997) è stata definita un caposaldo della ricerca. Scritta in stile divulgativo è tuttavia un’opera scientifica e nella versione a stampa contiene pagine e pagine ricche di analisi genetico-statistiche, tabelle, grafici, mappe, che abbiamo deciso di escludere dalla lettura per non creare troppe difficoltà all’ascoltatore. L’audiolibro può quindi essere ascoltato come fosse un atlante o una sintetica enciclopedia dei popoli della Terra. Esso è infatti suddiviso in 100 files mp3 corrispondenti ciascuno ad un paragrafo su questo o quel popolo, questa o quella regione geografica. Essendo stati opportunamente nominati, l’ascoltatore può ascoltarli nell’ordine che preferisce, documentarsi sulla storia che più gli interessa, tenendo conto che la parte iniziale, più impegnativa sul piano scientifico, contiene le definizioni e i metodi utilizzati, necessari per comprendere meglio il linguaggio scientifico degli autori. L’audiolibro aiuta senz’altro a dipanare diversi interrogativi sulla nostra specie, prendere coscienza della nostra evoluzione e del conseguente adattamento all'ambiente, uno strumento per capire cosa è in effetti la "diversità". Soprattutto è la chiave per capire che la diversità non è un ostacolo o una minaccia, ma una risorsa che ha garantito la sopravvivenza del genere Homo nel corso dei millenni. La sfida che gli autori propongono è quella di indagare in modo più approfondito il legame tra biologia e cultura, che è molto più complesso di ciò che abitualmente si pensa.Contenuto: Riduzione dal libro a stampa “Storia e geografia dei geni umani”, Adelphi, Milano, 1997 Download (size) = 2 files zip (mp3) 112 Kbps – 627 Mb tot. (317 Mb  310 Mb)

Lévi-Strauss - Razza e Storia e altri studi di Antropologia
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

Claude Lévi-Strauss - Eugenio Farn

Lévi-Strauss - Razza e Storia e altri studi di Antropologia

il Narratore audiolibri

Abstract: Anteprima audio: L'opera raccoglie alcuni saggi dell’antropologo Claude Lévi-Strauss, famoso per aver applicato il metodo dell’indagine strutturalista agli studi antropologici. Temi ricorrenti nell’opera di Lévi-Strauss sono l’analisi dei meccanismi che condizionano il funzionamento del pensiero umano a livello universale (indipendentemente da differenze di razza, storia, geografia, cultura e società) e il concetto dei tre livelli fondamentali della comunicazione sociale: la comunicazione delle donne; la comunicazione dei beni e dei servizi; la comunicazione dei messaggi. In “Razza e Storia” lo studioso propone uno sguardo oggettivo e privo di pregiudizi a popoli distanti nel tempo e nello spazio e definisce secondo la sua concezione strutturalista i concetti di "razza", "cultura", "etnocentrismo", ecc. Con il saggio “La famiglia” lo studioso presenta una rapida panoramica delle varie strutture familiari nelle diverse culture. In “Babbo Natale suppliziato” prendendo spunto da un singolare fatto di cronaca, propone un’interpretazione antropologica di un mito occidentaleContenuto: (riduzione del testo a stampa C. Lévi-Strauss, Razza e Storia e altri studi di Antropologia, ediz. Einaudi, 1967) 1) Presentazione 2) Razza e cultura 3) Diversità delle culture 4) Etnocentrismo 5) Culture arcaiche e culture primitive 6) L'idea di progresso 7) Storia stazionaria e storia cumulativa 8) Posto della civiltà occidentale 9) Caso e civiltà 10) La collaborazione delle culture 11) Il doppio senso del progresso 12) La famiglia 13) Matrimonio e famiglia 14) Forme di famiglia 15) I vincoli familiari 16) Babbo Natale suppliziato.Contenuto = 1 file zip (mp3) 128 Kbps – 189 Mb tot.

Storia della morte in Occidente
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

Philippe Ariès - Eugenio Farn

Storia della morte in Occidente

il Narratore audiolibri, 05/08/2014

Abstract: Anteprima audio: Uno sguardo sull’evoluzione storica dell’idea della morte e della sua rappresentazione dal Medioevo sino ad oggi. L’autore, uno fra i maggiori storici francesi, affronta il tema della morte con stile divulgativo, semplice, coinvolgente ma tutt’altro che lugubre. Il suo studio abbraccia un periodo di quasi 1000 anni e descrive i meccanismi con cui l’uomo occidentale a partire dal medioevo, dove si pensava alla morte con familiarità e come a una tappa necessaria, ha progressivamente cambiato idea, sviluppandone un sempre maggior timore, fino ad arrivare ai nostri giorni in cui si è fatto della morte un vero e proprio tabù, un evento di cui va letteralmente negata l’esistenza, parlandone il meno possibile ed eliminando o camuffando cadaveri e cimiteri, relegandola cioè nell’unico luogo dove attualmente si è disposti a tollerarne una lontana e silenziosa esistenza: l’ospedale. Un’opera che lo storico affronta con una metodologia che prevede l’analisi di tutte le fonti storiche da cui ha potuto attingere: iscrizioni sulle tombe, testamenti, collocazione dei cimiteri nel contesto urbano, opere artistiche e letterarie. Contenuto: (riduzione del testo a stampa: Philippe Ariès, Storia della Morte in Occidente, ediz. Rizzoli, 1987) 1) La morte addomesticata 2) La morte di sé 3) La morte dell’altro 4) La morte proibita 5) Conclusione 6) Ricchezza e povertà davanti alla morte nel medioevo 7) Contributo allo studio del culto dei morti nell’età contemporanea 8) La morte capovolta 9) Come il morente è privato della sua morte 10) Il rifiuto del lutto 11) L’invenzione di nuovi riti funebri negli Stati Uniti 12) Il malato, la famiglia e il medico. Download (size) = 1 file zip (mp3) 128 Kbps – 228 Mb tot.

Tre saggi sulla sessualità
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

Sigmund Freud - Eugenio Farn

Tre saggi sulla sessualità

il Narratore audiolibri, 06/08/2014

Abstract: Anteprima audio: Il primo vero abbozzo della teoria sessuale di Sigmund Freud che avrà poi un’influenza straordinaria sulla cultura in generale e sulla scienza psicologica in particolare. Nel libro Freud enuncia l’importanza della vita sessuale nella crescita dell’individuo, maschio e femmina, a partire sin dalla più tenera età. Il primo saggio è una trattazione delle perversioni sessuali, secondo l'oggetto e lo scopo, fra cui l’Autore inserisce anche l'omosessualità che egli considera sostanzialmente derivata da una bisessualità originaria, comune a tutti gli esseri umani. Rileva anche la mancanza di una netta demarcazione fra perversione e varietà normali della sessualità. Il secondo saggio parla della sessualità infantile, descrivendone le varie fasi: fase orale, fase anale e fase genitale. Freud definì ogni bambino (o bambina) che attraversi tutte queste fasi un 'perverso polimorfo', nel senso che in lui sono presenti tutte le forme di perversione che, in condizioni particolari, possono poi ripresentarsi in età adulta. Il terzo saggio tratta dello spostamento delle pulsioni 'parziali', cioè limitate a determinate zone erogene del corpo, verso un oggetto sessuale completo (cioè un partner), consentendo così il passaggio dal piacere individuale (autoerotismo) al piacere al servizio della procreazione. Segue la differenziazione psicosessuale fra uomini e donne. Affronta poi il legame fra i primi rapporti con la figura materna e la scelta amorosa, introducendo la tematica del complesso edipico. La lettura chiara e scorrevole è di Eugenio Farn.Contenuto: Saggio 1 : Le aberrazioni sessuali – Saggio 2 : Sessualità infantile – Saggio 3 : Le trasformazioni della pubertà  (versione integrale) (l’audiolibro contiene anche il testo originale in formato .pdf)Download (size) : 1 file zip (mp3) 128 Kbps – 179 Mb tot.

Storia dell'Italia repubblicana
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

Silvio Lanaro - Eugenio Farn

Storia dell'Italia repubblicana

il Narratore audiolibri

Abstract: Anteprima audio: Vincitore del Premio “Acqui-Storia 1993” e del Premio della Società Italiana per lo studio della Storia Contemporanea1993, il libro di Lanaro rappresenta la sintesi d’assieme forse più felice, più ricca di letture suggestive, più avvincente, anche in termini letterari, che sia apparsa fino ad oggi. La narrazione, che prende avvio dall’immediato dopoguerra e si snoda fino al governo Craxi, è dotta e pregevole, sostenuta da un dialogo assiduo col dibattito scientifico, e con un ampio ventaglio di fonti ricavate dalla narrativa e dal cinema. Attraverso la raffinata filigrana intessuta dalle pagine di Lanaro è possibile intravedere sempre i lineamenti e i caratteri di un’Italia delle “cose smarrite” e mai più ritrovate e finanche delle “cose mai date”. Lo storico ha scritto un'opera di grande respiro intellettuale e di grande sapienza narrativa e ha dato dignità storica al problema dell'identità nazionale dell'Italia repubblicana per la prima volta affrontato con tanta ricchezza analitica e acutezza interpretativa. Opere di questa natura offrono un importante contributo al dibattito politico oltre che alla riflessione storica.Contenuto: Storia dell'Italia repubblicana. L’economia, la politica, la cultura, la società dal dopoguerra agli anni ‘90 (versione integrale), Edizione a stampa Marsilio, Venezia, 1997.Download (size) = 2 files zip (mp3) 128 Kbps – 962 Mb tot. (470 Mb  512 Mb)

Storia d'Italia - vol. 02  - Gli Etruschi
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

AA. VV. - Eugenio Farn

Storia d'Italia - vol. 02 - Gli Etruschi

il Narratore audiolibri, 10/07/2014

Abstract: Anteprima audio: Storia d’Italia – Gli Etruschi è il secondo audiolibro della collana dedicata da il Narratore alla storia e alla civiltà del Bel Paese, e racconta dell’antico popolo affermatosi in un'area denominata Etruria, corrispondente alla Toscana, all'Umbria fino al fiume Tevere e al Lazio settentrionale, con propaggini in Liguria e verso la zona padana. La civiltà etrusca fiorì a partire dal X secolo a.C. e fu poi assorbita da quella romana che ne fu profondamente influenzata. Questo lungo processo di conquista e assimilazione culturale ebbe inizio con la data tradizionale della conquista di Veio da parte dei romani nel 396 a.C. Gli Etruschi, con le palesi diversità che li distinguevano dagli altri popoli dell'Italia antica, le ‘sconosciute origini’, il ‘mistero della lingua’, ‘l'oscura scomparsa’, hanno sempre suscitato curiosità, stupore e desiderio di conoscerli meglio. Questo audiolibro traccia, con l'ausilio di suggestive immagini allegate, i lineamenti della straordinaria avventura storica degli Etruschi, i caratteri essenziali della loro cultura politica e religiosa e della loro vita quotidiana. A cura della redazione de il Narratore audiolibri con riferimento alle opere degli storici e archeologi: Rosanna Legatti, Luisa Banti, Roberto Bosi, Werner Keller. La lettura è di Eugenio Farn. Contenuto: Storia d’Italia - Gli Etruschi Indice: 01 Introduzione 02 Le origini 03 L’espansione 04 Il tramonto 05 Religione e spiritualità 06 La politica 07 La vita privata Download (size):  1 file zip (mp3)128 Kbps – 78,3 Mb

Storia d'Italia - vol. 01 - I popoli Italici pre-romani
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

AA. VV. - Eugenio Farn

Storia d'Italia - vol. 01 - I popoli Italici pre-romani

il Narratore audiolibri, 10/07/2014

Abstract: Anteprima audio: Storia d’Italia - I popoli italici pre-romani è il primo audiolibro della collana dedicata da il Narratore alla storia e alla civiltà del Bel Paese. Prima dell'ascesa di Roma la penisola era abitata da popolazioni eterogenee, per lingua e per provenienza. Ai popoli di origine indoeuropea, come i Veneti, i Latini, gli Umbri e i Piceni si affiancavano infatti popoli dalle radici lontane o incerte, come i Liguri e gli Etruschi, le colonie di Fenici, Greci e Galli. A causa della peculiare posizione geografica, nel cuore del Mediterraneo, l'Italia è stata da sempre crocevia di popoli, ma al tempo stesso, a causa del contesto ambientale e geologico tanto variegato del suo territorio, è stata anche profondamente diversificata al suo interno. Scoprire le origini più lontane degli italiani è la base da cui partire per comprendere i secoli di storia che si sono da allora succeduti e forse interpretare meglio il popolo italiano contemporaneo. L’audiolibro contiene allegate anche le immagini più salienti relative a questo periodo storico. A cura della redazione de il Narratore audiolibri con riferimento alle opere degli storici e archeologi: Mario Bertolone, Giacomo Devoto, Gianna G. Buti, Aldo Prosdocimi. La lettura è di Eugenio Farn. Contenuto: Storia d’Italia - I popoli italici pre-romani Indice: 01 Introduzione 02 Il Neolitico in Italia settentrionale 03 L’Età del bronzo e del ferro 04 I Veneti e la Cultura Villanoviana 05 Le culture del Centro e del SudDownload (size):  1 file zip (mp3)128 Kbps – 43,7 Mb tot.

Storia d'Italia - vol. 05  - Le guerre civili e la crisi della repubblica romana
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

AA. VV. - Eugenio Farn

Storia d'Italia - vol. 05 - Le guerre civili e la crisi della repubblica romana

il Narratore audiolibri, 18/07/2014

Abstract: Anteprima audio: Storia d’Italia – Le guerre civili e la crisi della Repubblica romana racconta di una Roma che da potenza assoluta e incontrastabile del Mediterraneo si trova a dover affrontare tensioni e lotte fratricide al suo interno che condurranno a un progressivo decadimento delle sue strutture di governo. I popoli italici alleati di Roma reclamano l’ottenimento dei diritti di cittadinanza; un sottoproletariato urbano ante litteram, cacciato dalle campagne dall’avida espansione del latifondo, chiede una propria collocazione sociale, trovando nei celebri fratelli Gracchi i propri portavoce; gli schiavi tentano una disperata ribellione duramente repressa nel sangue. Ma questo è anche il periodo di maggiore sviluppo culturale e artistico, soprattutto con l’armonizzazione fra pensiero greco e costumi romani. Nel frattempo, nei luoghi del potere, nomi che segneranno la storia vivono la loro ascesa e la loro caduta: Mario e Silla, Pompeo, Cicerone, Cesare, Antonio, Ottaviano. Quest’ultimo, con il titolo di Augusto, segnerà il passaggio dalla Repubblica al Principato (Impero), dando avvio a un nuovo capitolo della storia di Roma e d’Italia. L’audiolibro è realizzato a cura della  redazione de il Narratore audiolibri, con riferimento alle opere degli storici e archeologi: Theodor Mommsen, Giulio Giannelli, Santo Mazzarino, Gianfranco Zelasco. La lettura è di Eugenio Farn. Contenuto: Storia d’Italia – Le guerre civili e la crisi della Repubblica romana Indice delle tracce: 01 - Il quadro politico dal II al I secolo a. C. 02 - Mario e Silla 03 - Il primo triumvirato 04 - Cesare e la conquista della Gallia 05 - La lotta per la successione 06 - Il grande patrimonio capitalistico 07 - Educazione e vita culturale 08 - Il calendario 09 - Teatri, anfiteatri, ludi e giochi 10 - Vie, trasporti ed esercizi pubblici 11 - L'esercito 12 - Alimentazione e vestiario Download (size):  1 file zip (mp3)128 Kbps – 105 Mb

Storia d'Italia - vol. 03  - Roma arcaica
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

AA. VV. - Eugenio Farn

Storia d'Italia - vol. 03 - Roma arcaica

il Narratore audiolibri, 18/07/2014

Abstract: Anteprima audio: Storia d’Italia – Roma arcaica prende avvio ab urbe condita, con il racconto intriso di storia e mito della fondazione di Roma, collocata nel 753 a.C. ma iniziata secoli prima, nell’Età del bronzo, con i primi insediamenti lungo il Tevere, ai piedi del colle Palatino. Proprio sul colle Palatino la leggenda vuole che Romolo abbia deciso di fondare la città, divenendo il primo dei Sette Re che per due secoli la governeranno, concentrando nella propria figura i poteri militare, giuridico e religioso; poteri che passando di mano in mano determineranno l’alternarsi di periodi di crescita e di rallentamento, fino a giungere al rovesciamento della monarchia e all’instaurarsi di una nuova forma di governo della res publica, la Repubblica. Nuovi uomini, i consoli, e nuove istituzioni, come le assemblee popolari e il Senato, sono necessari per regolare la vita di una città che cresce con ritmo esponenziale e che mira a un’autonomia totale dall’influenza etrusca, alla liberazione dalle invasioni celtiche e all’espansione verso il sud della penisola italica. L’audiolibro, che attraversa la storia di Roma dalla mitica fondazione all’avvio della grandiosa espansione, è realizzato a cura della redazione de il Narratore audiolibri, con riferimento alle opere degli storici e archeologi: Gianfranco Zelasco, Theodor Mommsen, Diana Bowder, Howard H. Scullard. La lettura è di Eugenio Farn. Contenuto: Storia d’Italia – Roma arcaica Indice delle tracce: 01 – Introduzione 02 – La prima repubblica aristocratica 03 – Patrizi e plebei 04 – La religione nella Roma arcaica 05 – La vita quotidiana 06 – Economia ed esercito Download (size):  1 file zip (mp3)128 Kbps – 43,9 Mb

Storia d'Italia - vol. 04  - Roma repubblicana
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

AA. VV. - Eugenio Farn

Storia d'Italia - vol. 04 - Roma repubblicana

il Narratore audiolibri, 18/07/2014

Abstract: Anteprima audio: Storia d’Italia – Roma repubblicana approfondisce gli aspetti politici, economici, sociali e culturali che hanno contraddistinto quei secoli di storia durante i quali Roma ha vissuto la sua età repubblicana. È questa un’età in cui l’urbe consolida, al suo interno, i nuovi ruoli e le nuove istituzioni richieste da una sempre maggiore grandezza e complessità, e in cui espande, all’esterno, il proprio dominio, spingendosi ancora più a nord ed estendendo le proprie brame di dominio anche verso il sud e verso l’est, fondando colonie e combattendo le decennali guerre puniche e le guerre macedoni. Dall’invasione e il respingimento di Annibale alla distruzione di Cartagine, Roma dimostra, battaglia dopo battaglia, conquista dopo conquista, come la sua potenza e la sua influenza siano in grado di valicare ogni confine. L’audiolibro è realizzato a cura della redazione de il Narratore audiolibri, con riferimento alle opere degli storici e archeologi: Theodor Mommsen, Giulio Giannelli, Santo Mazzarino, Gianfranco Zelasco. La lettura è di Eugenio Farn. Contenuto: Storia d’Italia – Roma repubblicana Indice delle tracce: 01 – Introduzione 02 – Le guerre italiche del IV e III secolo a.C. 03 – Le guerre puniche del III secolo a.C. 04 – L’espansione romana nel Mediterraneo 05 – La società romana durante la repubblica 06 – Economia della repubblica 07 – Stato e democrazia 08 – L’esercito 09 – Religione 10 – Educazione ed architettura Download (size):  1 file zip (mp3)128 Kbps – 83,8 Mb

Storia d'Italia - vol. 06  - L'impero di Augusto e i Giulio-Claudii
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

AA. VV. - Eugenio Farn

Storia d'Italia - vol. 06 - L'impero di Augusto e i Giulio-Claudii

il Narratore audiolibri, 18/07/2014

Abstract: Anteprima audio: Storia d'Italia - L'impero di Augusto e i Giulio-Claudii inizia là dove il precedente volume si conclude, ovvero con l'entrata in scena di Augusto. L'inizio del suo principato, nell'anno 27 a.C., segna la fine della Repubblica romana, sprofondata ormai in una crisi irreversibile, e l’inizio dell'impero romano, destinato a durare per quattro secoli. Dalla riforma del cursus honorum all'introduzione di moneta e tassazione standardizzate, dalla riorganizzazione delle province alla pacificazione dell'area mediterranea, dall'impulso allo sviluppo delle vie di comunicazione e del commercio alla promozione della cultura, il principato di Augusto, il più longevo della storia imperiale romana, segna una svolta non solo dal punto di vista politico, ma anche da quello economico, amministrativo, militare e culturale. Augusto è anche il primo imperatore della dinastia giulio-claudia che vede succedersi, dopo di lui, Tiberio (14 d.C. - 37 d.C.), schivo e abile militare responsabile di riforme economiche e politiche e della fine dell'espansionismo militare; Caligola (37 d.C. - 41 d.C.), il cui breve regno, tramandano gli storici, è ricco di stravaganze e scandali; Claudio (41 d.C. - 54 d.C.), divenuto imperatore perchè unico candidato al titolo, ma rivelatosi accorto amministratore nella politica interna ed efficace espansionista nella politica estera; e infine Nerone (54 d.C. - 68 d.C.), celebre, come il suo predecessore Caligola, per l'eccentricità con la quale è descritto dagli storici, e per l'incapacità di governare che porterà all'esplosione di rivolte in tutto l'Impero romano. L'audiolibro è realizzato a cura della redazione de il Narratore audiolibri, con riferimento alle opere degli storici e archeologi: Gianfranco Zelasco, Theodor Mommsen, Pierre Grimal, Edward Gibbon. La lettura è di Eugenio Farn. Contenuto: AA.VV - Storia d'Italia - vol. 6 - L'impero di Augusto e i Giulio-Claudii Indice delle tracce: 1 - Introduzione 2 - Augusto imperatore 3 - Gli imperatori Giulio-Claudii 4 - La religione in età imperiale 5 - Superstizione e magia 6 - Collegia, associazioni e spettacoli Download (size): 1 file zip (mp3)128 Kbps – 45,1 Mb tot.

Storia d'Italia - vol. 07  - Le province dell'impero romano
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

AA. VV. - Eugenio Farn

Storia d'Italia - vol. 07 - Le province dell'impero romano

il Narratore audiolibri, 18/07/2014

Abstract: Anteprima audio: Storia d'Italia - Le province dell'impero romano approfondisce uno degli aspetti fondamentali dell'età imperiale: la crescita e la riorganizzazione delle province. A partire dall'età repubblicana, infatti, Roma gestisce i territori annessi attraverso la forma giuridica e amministrativa della provincia, ma è con l'avvento di Augusto e con un'espansione territoriale che sembra non conoscere limiti che si rende necessaria una nuova organizzazione dei territori controllati da Roma. Le province vengono così divise in senatorie e imperiali, a seconda della necessità di controllo che richiedono; una terza forma, quella della provincia procuratoria, viene introdotta qualche decennio più tardi, sotto il governo di Claudio. Diversificate sono anche le forme di tassazione e prelievo fiscale che gravano sulle province, grandi fonti di risorse economiche per l’impero. Impero che sposta i suoi confini sempre più in là, con un apparato amministrativo che sembra un meccanismo infallibile, ma che nei secoli successivi sarà destinato a deteriorarsi. L'audiolibro è realizzato a cura della redazione de il Narratore audiolibri, con riferimento alle opere degli storici e archeologi: Gianfranco Zelasco, Theodor Mommsen, Pierre Grimal, Edward Gibbon. La lettura è di Eugenio Farn. Contenuto: AA.VV - Storia d'Italia - vol. 7 - Le province dell'impero romano Indice delle tracce: 1 - Introduzione 2 - Le province d'Europa 3 - Le province asiatiche 4 - L'Egitto e le province africane 5 - Viaggi e commerci Download (size): 1 file zip (mp3)128 Kbps – 48 Mb

Storia d'Italia - vol. 10  - Il tardo Impero romano
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Altro

AA. VV. - Eugenio Farn

Storia d'Italia - vol. 10 - Il tardo Impero romano

il Narratore audiolibri, 01/08/2014

Abstract: Anteprima audio: Storia d'Italia - Il tardo impero romano prende avvio là dove il precedente volume termina, ovvero con il fallimento della tetrarchia introdotta da Diocleziano e con la comparsa sulla scena di una delle figure chiave dell’Impero romano nella sua fase conclusiva: Costantino. Dopo aver eliminato uno a uno rivali e vecchi alleati, Costantino tornò a concentrare nelle sue mani il controllo dell’intero Impero, all’interno del quale operò importanti riforme politiche e culturali, riguardanti aspetti amministrativi, burocratici, militari e non da ultimo religiosi, con la proclamazione della libertà di culto. La divisione dell’Impero tra i suoi successori non ebbe però lunga durata, a causa delle lotte interne per il potere: nel 364 d.C. presero il potere i Valentiniani, tra i quali si distinse Teodosio. Sotto la sua guida l’Impero fu per l’ultima volta unito e il Cristianesimo fu proclamato culto di stato. Dopo la sua morte, con la divisione definitiva dell’Impero, quel processo di erosione interna ed esterna che già da anni andava consumando la parte occidentale aumentò in misura e in velocità. Le invasioni dall’esterno si fecero sempre più pressanti e divenne sempre più difficile, per i generali che di fatto avevano le redini dell’Impero, respingerle e reprimerle: il crescendo di decadenza e attacco raggiunse l’apice nel 476 d.C., quando il re degli Eruli Odoacre depose l'ultimo imperatore, Romolo Augustolo, segnando la fine dell’Impero romano d’Occidente. L'audiolibro è realizzato a cura della redazione de il Narratore audiolibri, con riferimento alle opere degli storici e archeologi: Gianfranco Zelasco, Peter Brown, Edward Gibbon. La lettura è di Eugenio Farn. Contenuto: AA.VV - Storia d'Italia - vol. 10 – Il tardo Impero romano Indice delle tracce: 01 - La lotta per il potere e Costantino 02 - L'Impero e il Cristianesimo 03 - Il lungo tramonto dell’Impero 04 - I regni romano-barbarici 05 - Fine dell’Impero d'Occidente Download (size): 1 file zip (mp3)128 Kbps – 42,2 Mb